lunedì 9 settembre 2013

Lago Coldai e rifugio Tissi

L'escursione al lago Coldai e al rifugio Tissi è un classico delle dolomiti venete e della zona dell'Agordino in particolare. Partiamo in una caldissima domenica di agosto  da bollino rosso (un po' anche per sfuggire dalla calura estiva) con destinazione Alleghe e da qui saliamo a Piani di Pezzè, dove parcheggiamo la macchina. Dal centro di Alleghe c'è la possibilità di prendere la telecabina che in pochi minuti porta a Piani di Pezzè, l'unico lato negativo è che, a parte il costo, l'ultima corsa è alle 17,30 il che significa effettuare l'escursione con l'ansia di ritornare a tempo. In effetti perdendo l'ultima corsa della telecabina bisognerebbe scendere a piedi fino ad Alleghe, aggiungendo così altri 600 metri in più al dislivello dell'escursione!
Prendiamo subito il sentiero n 564 che costeggia l'adventure park e sale ripido in salita lungo la pista da sci Lander (per me una pista nera vista la pendenza), fino a raggiungere la strada silvo-pastorale che collega Pian di Pezzè a Col di Baldi e la seguiamo fedelmente fino alla malga Pioda.


lago coldai e rifugio tissi
si parte!

lago coldai e rifugio tissi

Lungo il percorso si possono già ammirare in lontananza la Marmolada, la parete sud del Civetta (non così imponente come quella nord-ovest che sovrasta Alleghe) e  il Pelmo in tutta la sua maestosità.
Una volta arrivati alla forcella di Alleghe troviamo una marea di gente! Complice il secondo troncone della telecabina che porta ai 1900 metri del Col dei Baldi, anche i meno pratici di camminate in montagna hanno la possibilità di arrivare a queste quote. Purtroppo però si vede gente con scarpe da città e quasi in tenuta da mare!

lago coldai e rifugio tissi
malga pioda

lago coldai e rifugio tissi
il monte pelmo


lago coldai e rifugio tissi

Dopo pochi minuti arriviamo alla malga Pioda, a m. 1816, dove troviamo una fontana con acqua freschissima utile per riempire le nostre boracce, e iniziamo la salita verso il rifugio Coldai seguendo il sentiero n. 556, ovvero la strada militare che i soldati costruirono durante la prima guerra mondiale. Il panorama da qui è bellissimo, si aprono splendide vedute sulla val Zoldana e sul monte Pelmo. Il sentiero sale poi a zig zag tra grandi massi ai piedi della parete del Civetta, poi con gli ultimi sei tornanti vediamo in lontananza il primo rifugio della giornata, il rifugio Coldai, a m 2132, campo base, insieme al rifugio Tissi e Vazzoler, di tutti gli alpinisti che scalano le difficili pareti del Civetta.

lago coldai e rifugio tissi

lago coldai e rifugio tissi
l'arrivo al rifugio coldai

lago coldai e rifugio tissi

lago coldai e rifugio tissi

Qui facciamo una pausa per foto e condivisioni in internet ( in realtà twittavo già dalla partenza) e vediamo il cartello con le nostre prossime destinazioni: il lago Coldai e il rifugio Tissi che si dovrebbe raggiungere in 1,20. Proseguiamo quindi ancora un po' in salita con il sentiero 560 fino ad arrivare, in circa 20 minuti, al magnifico lago Coldai, a 2143 metri , una gemma verde ai piedi delle impressionanti pareti del Civetta. Ero già stato qui in diverse occasioni ma ogni volta è sempre un'emozione indescrivibile!

lago coldai e rifugio tissi
il lago coldai dall'alto


lago coldai e rifugio tissi
che coraggio!

lago coldai e rifugio tissi


Ovviamente anche qui troviamo tantissime persone: il lago è la destinazione scelta da tutta la gente che ha preso la telecabina! I più coraggiosi fanno anche il bagno nelle acque ghiacciate del lago Coldai. Facciamo un breve giro e poi saliamo sul vicino belvedere da dove si ha un'impressionante vista dall'alto sul lago di Alleghe:

lago coldai e rifugio tissi
Alleghe vista dai 2000 metri
lago coldai e rifugio tissi

A questo punto ci fermiamo per un veloce pranzo a sacco, dico veloce perchè l'escursione non è ancora finita e con tutte le soste che abbiamo fatto siamo in ritardo nella tabella di marcia. Purtroppo capita che la mia vecchia e fedele compagna di viaggio, la mitica Panasonic Lumix cade per terra e si rompe in due!! Si proprio così... non potete immaginare come mi sono sentito :((( dal 2009 mi ha accompagnato fedele in tutti i viaggi!
Da questo punto in poi le foto che vedrete sono state fatte con il cellulare samsung galaxy fino a quando anche questo ha deciso di abbandonarmi esaurendo la batteria prima di arrivare al rifugio Tissi :((
Ci lasciamo alle spalle il lago Coldai e seguiamo fedeli il sentiero n 560, che in questo punto coincide con l'alta via n. 1 delle dolomiti, attraversiamo poi la forcella Col Negro e siamo così ai piedi della “parete delle pareti”: la nordovest del Civetta. Il sole veramente si fa sentire adesso, quanto rimpiango non aver portato un cappello e la crema solare! Come consolazione però c'è il rifugio Tissi in bella vista ma situato sopra un altissimo sperone. Cosa significa? Beh ancora salita!

lago coldai e rifugio tissi

come arrivare al rifugio tissi
il regno del sesto grado

come arrivare al rifugio tissi

come arrivare al rifugio tissi

La strada sembra non finire più, prendiamo il sentiero 563 e arriviamo alla fine in rifugio cotti dal sole e assetati, ma dove, per fortuna, ci aspetta una bella pausa per una strameritatissima torta della casa! Dalla bellissima terrazza si ha una visuale su questa meravigliosa parete del Civetta, regno del sesto grado e alta più di 1000 metri! Che l'origine del nome sia legata a superstizioni passate o alla somiglianza del suo profilo del rapace, poco conta: la nostra fatica per arrivare fino a quassù è stata pienamente ripagata!  Peccato però di non aver fatto nessuna foto!
Riprendiamo la strada del rientro sempre attraverso lo stesso sentiero dell'andata, facciamo una breve sosta al lago e al rifugio Coldai e poi giù fino a malga Todai. Da qui sempre a piedi, scendiamo la ripida pista da sci di questa mattina, una buona prova per le ginocchia, ed eccoci al parcheggio dove abbiamo lasciato la macchina!
Nel complesso è stata un'escursione bellissima, molto lunga e condizionata dal caldo estivo: alle ore 19 ad Alleghe paese c'erano ancora 32°. Un consiglio quindi che posso dare è di iniziare molto presto l'escursione in modo tale da gustarsi con calma questo angolo di paradiso!


SCHEDA TECNICA
partenza Pian de Pezzè: m 1472
Rifugio Coldai: m 2132
Rifugio Tissi: m 2250
dislivello: m 778
tempi di percorrenza: fino al rifugio Coldai 1,30
dal rifugio Coldai al lago Coldai 20 minuti
dal lago Coldai al rifugio Tissi 1,30

Vedi anche tutte le mie escursioni in montagna

cartografia Kompass


30 commenti:

  1. Le Dolomiti. quanto mi mancano!
    Spero di tornarci questo inverno!
    Perchè in Italia le distanze tra il Nord e il Sud sono quasi insormontabili? :(
    Tu non fai che mettere il coltello nella piaga :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si è vero raggiungere le due parti estreme dell'italia sembra un'impresa con i collegamenti che ci sono oggi, per non parlare del costo :((

      Elimina
  2. Santo dio che posti!
    E' proprio vero che l'Italia è superba in ogni suo angolo!
    Queste zone sono... doloMITICHE!^^
    (anche se stavolta non ci sono i dinosauri :p)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ehehe hai ragione proprio mitiche! noo i dinosauri sono solo sul monte pelmo... speriamo che non si inventino delle scoperte di fossili per incrementare il turismo :))

      Elimina
  3. meraviglia! andavo sempre da bambina, che ricordi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io sono stato quattro volte e ogni volta mi emoziono dalla bellezza del paesaggio

      Elimina
  4. Bellissime le fotografie. Un minuto di silenzo per la Panasonic Lumix ;)

    http://tarragonain.blogspot.com.es

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh già povera:( comunque è stata l'occasione per comperarne una nuova!

      Elimina
  5. Le Dolomiti ecc. una bellezza. Peccato io non sono portata per le camminate mai nemmeno da giovane ed ora alle soglie dei quarti "anta" non va più bene ma in fondo non mi piace nemmeno. Al massimo il giro del lago di Auronzo, Misurina...belle le immagini e balla l'escursione e corraggggggiosi ad immergersi non avrà più di 8-10 gradi.- Ciaoo e buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao qui saresti stata facilitata perchè per un bel pezzo c'è la funivia. cmq anche rimanere ad alleghe paese con il lago non è male!

      Elimina
  6. Bellissime foto, bellissimi posti, davvero delle gite da farsi appena possibile. Il nostro è proprio un bel Paese tutto da visitare.

    Grazie, a presto...

    RispondiElimina
  7. quanto vorrei poter fare anche io tutte queste escursioni! la foto del lago vista dall'alto è da premio, sembra presa dal national geographic!!! secondo me dovresti partecipare a un concorso :)

    RispondiElimina
  8. Certo che la montagna con i suoi colori è uno spettacolo unico. Grazie per le belle visioni!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie! al tramonto i colori sono ancora più forti. peccato che è da parecchio tempo che me li perdo, dato che vado sempre in giornata :((

      Elimina
  9. Davvero bello ed interessante il tuo blog...splendide foto!!!
    A presto!

    RispondiElimina
  10. Guarda caro Andrea , quando mi parli di Dolomiti , di Trentino , di Alto Adigie, per me è come una"droga" benefica...
    So sopportare ,il caldo, la fatica, i dolori, ma il premio finale è troppo bello per non essere visto...
    Bacio amico mio caro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hai ragione, una volta in cima tutte le fatiche vengono ripagate :))

      Elimina
  11. Non ho mai visto il lago Coldai, sembra uno spettacolo incantevole. Dal vivo deve essere strepitoso. Bellissime le tue foto;) a presto

    RispondiElimina
  12. Ciao Andrea,
    grazie per essere passato dal mio blog e per il simpatico complimento che mi hai lasciato.
    Scopro con piacere che sei un'amante della montagna.
    Vedere queste immagini mi fa ricordare le belle vacanze a Borca di Cadore quand'ero giovane e naturalmente le tante belle passeggiate, che nostalgia!
    Un caro saluto,
    Marina

    RispondiElimina
  13. Ho scoperto solo ora il tuo blog (già messo tra i preferiti!). Luoghi stupendi e foto bellissime.
    Questo è il mio blog: enzorov47.blogspot.it
    Spero tu possa trovarvi qualcosa di interessante.
    Scusami per il tu ma per me chi ama i viaggi e la fotografia è un collega!
    Enzo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie! certo che darò un'occhiata al tuo sito) è sempre un piacere leggere e condividere le esperienze di viaggi :)) ciao Andrea

      Elimina
  14. meraviglioso... da ragazzo in lungo e in largo tra queste meraviglie :)

    RispondiElimina
  15. Anch'io ho fatto questa escursione un paio di estati fa :) Le Dolomiti sono meravigliose.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si questa è una delle più frequentate dell'agordino e delle dolomiti bellunesi!

      Elimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...