lunedì 25 marzo 2013

Relax a Kata Beach

Raggiungere Kata beach dal nostro hotel è stato molto semplice. Fermiamo il primo tuk tuk che incontriamo sul lungomare di Karon beach e iniziamo a contrattare il prezzo. La distanza è molto breve, solo qualche chilometro, ma è probabilmente più il tempo che perdiamo a contrattare che la durata del percorso stesso. In Thailandia a volte non ci si rende conto che la contrattazione si basa in termini di pochi euro e perdere tanto tempo per abbassare il prezzo, a mio modesto parere, non vale la pena. Arrivati a Kata Beach noleggiamo ad un prezzo ridicolo ombrelloni e lettini e rimaniamo in spiaggia tutta la giornata!

come arrivare a kata beach

come arrivare a kata beach

come arrivare a kata beach

La spiaggia è frequentata da molta gente; se si vuole fare una bella nuotata si può raggiungere l'isolotto di Ko Pu attraverso le barriere coralline, facendo però attenzione alle correnti ed alle onde che si infrangono sulla barriera. Meglio chiedere sempre alla gente del posto se è sicuro andarci.
Durante l'ora di pranzo passeggiamo un po' per la via principale, Th Thai Na e ci fermiamo in uno dei tanti locali  gestito da gente scandinava. Sono tantissimi gli stranieri che si sono trasferiti in questa parte di Phuket, per la maggior parte gente dal nord Europa. Basta solo osservare le insegne dei ristoranti e negozi per rendersene conto: vichinghi e bandiere svedesi ovunque! Oggi per pranzo prendiamo club sandwich e poi nel pomeriggio visitiamo l'altra parte di Kata beach: Kata Noi

come arrivare a kata beach

cosa fare a kata beach

cosa fare a kata beach
Separata da un promontorio roccioso questa piccola spiaggia mi è piaciuta di più perchè meno affollata e ancora abbastanza libera dallo sviluppo edilizio che ha colpito le altre spiagge di Phuket. 
Prima di tornare in hotel ci fermiamo in una delle tante agenzie di Karon beach che vendono escursioni e pure qui contrattiamo il prezzo per  la gita di domani al parco nazionale di Phangnga. Non facciamo l'errore di Maya bay, partiremo dopo pranzo e arriveremo all'isola di James Bond nel tardo pomeriggio, quando la maggior parte dei turisti se ne sarà andata. O almeno così speriamo:)) 

karon beach
temporale a Karon beach

karon beach
temporale a Karon beach
Rimane del tempo per dei tuffi nella piscina dell'hotel  e usciamo per cena a Patong sempre nello stesso ristorante lungo la via Th Rat Uthit. Più che un ristorante sembra una sagra paesana all'aperto con tanto di bandierine e lanterne illuminate. Il posto è molto popolare a Patong ed è specializzato in piatti di pesce: si può scegliere quello che piace già dall'esterno, da dove i pesci sono ben visibili, messi sopra un cumulo di ghiaccio oppure in acquari. Una volta scelta la "preda", ci si siede al tavolo e dopo pochi minuti arriva il vostro pesce cucinato! I prezzi sono ottimi e durante tutto il nostro soggiorno a Phuket siamo sempre venuti qui! 

dove mangiare a patong, phuket

dove mangiare a patong, phuket

dove mangiare a patong, phuket

Anche stasera "struscio" per Bangla Road, piena di inglesi paonazzi e sosta per il Thai massage! eh si, con pochi euro si può fare un massaggio di un'ora completo! Attenzione però, di centri massaggi ce ne sono tanti e molti di questi sono anche poco seri; meglio chiedere consiglio a qualcuno del posto o dove si alloggia per non trovare brutte sorprese! 

dove mangiare a patong, phuket

dove mangiare a patong, phuket

Perdiamo un po' di tempo a trovare un tuk tuk e ritorniamo in hotel già pensando alla giornata di domani: ci aspetta l'escursione al parco nazionale di Phangnga! 


7 commenti:

  1. Belle foto e soprattutto che luoghi meravigliosi! Leggendo il post ho viaggiato in questa terra che non pensavo potesse essere così bella!
    Federico

    lavaligiasottosopra.blogspot.it

    RispondiElimina
  2. c'è un premio per te! Passa a trovarmi :)
    http://blogpercomunicare.blogspot.it/

    RispondiElimina
  3. Magari fosse anche da noi pesce cosi fresco ed a buon prezzo....belle immagini. Buon a serata

    RispondiElimina
  4. Che nostalgia.. ricordo le abbuffate di cocco e poi le ore a mollo in quel mare caldo. Spero di tornare presto a Phuket!

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...