venerdì 5 giugno 2015

Escursione per le malghe dell'altopiano di Asiago con sosta al rifugio Campomuletto

L'altopiano di Asiago è famoso per le sue numerose malghe circondate da verdi pascoli, dove è possibile degustare prodotti tipici di alta montagna in un ambiente di assoluto relax e a pochi minuti in macchina dalla pianura. L'escursione di oggi ci porterà alla scoperta di questo mondo fatto di antichi sapori e tradizioni nella zona di Gallio, e dove faremo sosta al rifugio Campomuletto per il pranzo.
Raggiunto il centro di Gallio, proseguiamo in macchina fino agli impianti di risalita di Melette 2000, nei pressi della baita Sporting Club e dove lasciamo la macchina nel grande parcheggio.
Preparati zaini e scarponi iniziamo la nostra escursione al rifugio Campomuletto attraverso un itinerario che toccherà malghe e casere con vedute panoramiche sui verdi pascoli dell'altopiano di Asiago. Partiamo da quota m. 1432 della baita Sporting Club e prendiamo l'unico sentiero (non segnalato) che sale nel bosco, circondati da una natura allo stato puro composta da abeti rossi, faggi e tantissimi fiori.

escursione per le malghe sull'altopiano di asiago
i verdi pascoli dopo la baita Sporting Club

Dopo circa 20 minuti raggiungiamo quota m. 1527 della Croce di Ongara e da qui seguiamo il sentiero CAI 850 che ci porterà fino a malga Fiara. Ma per arrivare a Malga Fiara ce n'è di strada da fare!!
Facciamo una breve sosta foto e via di nuovo in marcia. Raggiungiamo la malga Longara Davanti, e sempre in leggera salita, camminiamo sul crinale che separa le valli di Campomulo e Nos, con splendide vedute sulle cime più a nord dell'altopiano: cima Portule, Campo di Corno Bianco e cima X.

escursione per le malghe sull'altopiano di asiago
sentiero CAI 850
Da qui si può vedere gran parte del percorso che ci aspetta per raggiungere la prossima malga: malga Longara di Dietro.

escursione per le malghe sull'altopiano di asiago
la strada per le malghe

Purtroppo è ancora presto per l'apertura delle malghe, un vero peccato perchè sarebbe stato un giro perfetto per fare delle degustazioni di prodotti tipici lungo il percorso. Per fortuna alla fine della nostra escursione ci sarà il rifugio Campomuletto con tutte le sue specialità ad attenderci, e siamo proprio sicuri di poterci rifare.


escursione per le malghe sull'altopiano di asiago
malga Longara di Dietro
Dopo circa quindici minuti facciamo una brevissima deviazione per ammirare il monumento in onore a Papa Giovanni Paolo II che fece visita a queste montagne nel luglio 1988. Da qui il panorama spazia su gran parte dei monti a sud dell'altopiano.


escursione per le malghe sull'altopiano di asiago
monumento al Papa
Ritorniamo nel nostro sentiero e ignoriamo la strada a destra che arriva dal rifugio Campomulo; prendiamo invece un sentiero sulla sinistra con segnaletica CAI. L'ambiente si fa più selvaggio, si notano in entrambi i lati delle antiche trincee testimonianze di eventi tragici avvenuti qui a Gallio e in tutto l'altopiano di Asiago.

escursione per le malghe sull'altopiano di asiago
segnaletica CAI da osservare sempre

escursione per le malghe sull'altopiano di asiago

Dopo 20 minuti dalla deviazione raggiungiamo la malga Fiaretta, molto antica e in tipico stile dell'altopiano, si notano subito la casara dove si fa il formaggio, il ricovero per gli animali e la casa del malghese in genere sempre a due piani. Questa tipologia di malga la si trova ovunque qui a Gallio e ad Asiago. Verrebbe voglia di fermarsi e di godersi questo silenzio, ma ancora manca l'ultimo tratto della nostra escursione.


escursione per le malghe sull'altopiano di asiago
malga Fiaretta

Oltrepassiamo una fontana per l'abbeveramento delle mucche, purtroppo in questo periodo senza acqua ed eccoci all'ultima malga del nostro itinerario: malga Fiara.
Pure qui la composizione è sempre la stessa, tre costruzioni per l'alpeggio dove da qualche anno si può anche pernottare e passare una notte immersi in una splendida radura tra boschi di larici e abeti rossi.

escursione per le malghe sull'altopiano di asiago
malga Fiara
Da malga Fiara prendiamo la strada sterrata che scende verso Gallio e dopo circa venti minuti arriviamo finalmente al rifugio Campomuletto, la nostra ultima meta. La fortuna ha voluto che prima di partire avessimo prenotato tre posti a sedere... E abbiamo fatto bene! Ad attenderci qui c'è una marea di gente, complice soprattutto la possibilità di arrivare con le auto.
In totale la camminata per arrivare al rifugio Campomuletto è stata di due ore e quaranta. Non nascondo che la fame è tanta, e solo a vedere questi piatti ne è venuta ancora di più:

rifugio campomuletto gallio altopiano settecomuni
bigoli con ragù di lepre

rifugio campomuletto gallio altopiano settecomuni
dolci delizie

rifugio campomuletto gallio altopiano settecomuni
interno rifugio Campomuletto

rifugio campomuletto gallio altopiano settecomuni


Bigoli con ragù di lepre, formaggio fuso con speck e tagliere di torte di pesca e ricotta. Ottimo! Per finire un assaggio anche della grappa del rifugio che ci ha rallegrati un po' prima di affrontare il rientro.
Nei pressi del rifugio Campomuletto è presente un percorso chiamato “sentiero del silenzio”, che in circa un'ora, compie un giro ad anello con opere che invitano a riflessione sulla tragedia della guerra. Purtroppo non facciamo a tempo a visitarlo, sarà un'occasione per organizzare un'altra escursione in zona Gallio!
Il ritorno lo effettuiamo scendendo per un breve tratto sulla strada asfaltata, e che poi lasciamo prendendo, nei pressi di un tornante, un sentiero (non segnalato) che raggiunge la conca dove è situato il rifugio Campomulo. 

rifugio campomuletto gallio altopiano settecomuni
rifugio Campomulo in lontanza

Di nuovo in salita e rieccoci al monumento al Papa sul sentiero CAI 850 percorso questa mattina. Da qui l'itinerario è lo stesso dell'andata: malga Longara Di Dietro, Longara Davanti, Croce di Ongara e poi via in discesa sui verdi prati delle piste da sci che conducono alla Baita Sporting Club dove abbiamo lasciato la macchina! Totale camminata di ritorno un'ora e quaranta dal rifugio Campomuletto.
Finisce così questa bellissima escursione per le malghe sull'altopiano di Asiago, alla ricerca di antichi sapori da gustare e circondati da un panorama da favola.

SCHEDA TECNICA
Baita Sporting Club m. 1432 - Malga Fiaretta m. 1647 (1 ora 40)
Malga Fiaretta - Rifugio Campomuletto m. 1602 (1 ora)
Rifugio Campomuletto - Baita Sporting Club ( 1 ora 40)
Punto più alto m. 1655 della mala Longara di Dietro
Dislivello: m. 223


Vedi anche: my veneto


57 commenti:

  1. mai fatta questa escursione ma è dalle nostre parti, grazie della dritta ;-)

    RispondiElimina
  2. Ma sono bellissime queste foto.
    Un posto meraviglioso Andrea
    un bacione
    MaggieD
    Fashion Blog - Maggie Dallospedale Fashion diary

    RispondiElimina
  3. che belli questi paesaggi! Mi sembrano così lontani, più dell'Asia o dell'America. incredibile!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si molto verde e poche costruzioni, cose che ormai non è usuale :(

      Elimina
  4. Connessione permettendo...buona fine settimana,ciaooo

    RispondiElimina
  5. Conosco un po' l'altopiano di Asiago, è davvero un bellissimo posto! Un abbraccio e buona domenica

    RispondiElimina
  6. A parte che questi prati verdi ed immensi sono bellissimi, io adoro i rifugi dove si mangiano i puatti tipici di montagna..anche perche dopo una bella camminata un lauto pranzetto ci vuole proprio.
    Bacio

    NEW POST

    www.angelswearheels.com

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahhah si è vero! bisogna pur fare un carico di energia dopo una sana camminata

      Elimina
  7. molto interessante questa parte del veneto poco conosciuta

    RispondiElimina
  8. conosco molto bene l'altopiano di asiago sia in estate che in inverno!

    RispondiElimina
  9. Splendido l'altopiano di Asiago!!!!

    RispondiElimina
  10. Un gran bel posto ove passare una giornata meravigliosa e poi mi piace molto anche il rifugio.
    Buona domenica a presto

    RispondiElimina
  11. Ciao , Andrea !
    Bella passeggiata , immagini perfette sembrano dipinti.

    Abbracci

    RispondiElimina
  12. che belle foto, fanno venire voglia di mettersi in cammino... io poi non ho mai assaggiato i bigoli :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eheh allora merita un bel viaggio ad asiago :)

      Elimina
  13. Mai stata da quelle parti! Un panorama meraviglioso e che pranzettino gustoso :)
    Buona settimana

    RispondiElimina
  14. posto incantevoli e quelle pietanze sono davvero invitanti
    Mrs NoOne

    RispondiElimina
  15. Che bei posti Andrea!
    Passa a trovarmi VeryFP

    RispondiElimina
  16. Che belli questi posti e foto stupende!
    Alessia
    new post
    THECHILICOOL
    FACEBOOK
    Kiss

    RispondiElimina
  17. Carinissimo questo posto :)
    Anche il dolce sembra ottimo :D

    The Lunch Girls

    RispondiElimina
  18. ci voglio andare assolutamente!!

    http://emiliasalentoeffettomoda.com/prodotti-chrissie-cosmetics/
    grazie

    RispondiElimina
  19. che meraviglia!! mai stato ad asiago

    RispondiElimina
  20. amo questi rifugi Andre chissà che delizie
    Buon mercoledì
    un bacione
    tr3ndygirl fashion blog

    RispondiElimina
  21. Adoro queste foto <3
    Buona giornata!
    bacioni
    Nuovo post da me: http://www.milanotime.net/fashion/pastel-blue/

    RispondiElimina
  22. The ragu pasta looks yummy lol :)

    http://beautyfollower.blogspot.gr

    RispondiElimina
  23. con il caldo aforo che fa in questi giorni a Roma come mi piacerebbe essere li a passeggiare su quei meravigliosi prati! bellissime le foto!
    buona serata
    Alice

    RispondiElimina
  24. Ciao Andrea! Such a pretty place that You show us again. Lovely!
    www.travelera.es

    RispondiElimina
  25. ma che meraviglia di posto! sembra di veder spuntare fuori heidi!
    Un abbraccio
    Valentina Astorino e Eva Sabin The AnarChic

    RispondiElimina
  26. che meraviglia!!! mi rilasso solo a guardare...e fra poco anche io sarò in montagna, in Trentino!

    http://emiliasalentoeffettomoda.com/zaino-invicta/

    RispondiElimina
  27. Si possono acquistare anche formaggi in queste malghe? ...e per curiosità, quanto costa un pranzettino come il tuo fatto in malga? ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si, se le malghe sono aperte si possono comprare prodotti tipici. il prezzo è nella media, si sceglie dal menu quindi puoi prendere anche una sola portata :)

      Elimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...