domenica 28 luglio 2013

Monte Rite: escursione al rifugio Dolomites

L'escursione al Monte Rite è forse una delle escursioni più popolari di tutta l'area dolomitica ed in particolare della zona del Cadore. Questo itinerario è adatto quasi a tutti:  il dislivello è di m 733 e il sentiero non prevede particolari difficoltà. Per questo motivo ho voluto estendere l'invito a molti miei amici, alcuni dei quali non abituati a camminare in montagna, consapevole anche del fatto che al passo Cibiana è presente un servizio navetta che sale al rifugio Dolomites. Nel caso qualcuno cambiasse idea!
Una volta arrivati a Forno di Zoldo, saliamo per il passo Cibiana e ci fermiamo circa un chilometro prima del passo, in località Quattro Tabià a m. 1450, dove lasciamo la macchina lungo la strada. In alternativa se non si trova spazio, si può parcheggiare al passo Cibiana e scendere per un chilometro lungo la strada fino al punto iniziale dell'escursione.
Dalla località Quattro Tabià, chiamata così perchè una volta c'erano quattro fienili, seguiamo le prime indicazioni per il Monte Rite e rifugio Dolomites, attraverso il sentiero n. 494 che conduce in salita e immerso nel bosco, alla forcella di Val Inferna a m. 1748. Da subito abbiamo bellissime vedute sul gruppo del Bosconero, sulla Moiazza e sulla Val Zoldana.:

monte rite

monte rite

monte rite


monte rite

Dalla forcella di Val Inferna prendiamo il sentiero n. 478 che gira a destra e iniziamo a salire più ripidamente  fino ad arrivare alla forcella Deona a m 2053 sul versante nord del Rite. Qui finalmente si apre il panorama su tutta la val Boite e sul monte Pelmo: nuovi "compagni di viaggio" che ci faranno compagnia per tutta l'escursione fino alla vetta del Monte Rite . La sosta foto qui è obbligatoria:

come arrivare al monte rite

monte rite

monte rite

monte rite

Continuiamo in leggera salita fino a raggiungere la strada militare che sale dal passo Cibiana (quella utilizzata dalle navette che collegano il passo al monte Rite) ed arriviamo finalmente al rifugio Dolomites dopo circa due ore di salita! Molto meno del tempo previsto che era di tre ore! Ehhe qualcuno del CAI ha sbagliato a fare i calcoli qui... noi di certo non siamo alpinisti esperti:)
Quando vediamo il cartello con il menu posizionato all'ingresso del rifugio, la domanda ci sorge spontanea: pranzo a sacco o pranzo al rifugio?? Beh la risposta è stata unanime: pranzo al rifugio! Non si poteva rimanere indifferente di fronte a un bel piatto di canederli e una birra bionda :)) Il piatto però è talmente pesante (come il conto) che purtroppo non lascia spazio per il dolce. Ci rifaremo più tardi nel pomeriggio!


escursione al rifugio dolomites


escursione al rifugio dolomites


escursione al rifugio dolomites monte rite

Dopo esserci riposati un po' proseguiamo a piedi fino al museo Messner Mountains situato proprio dietro al rifugio Dolomites ma che non visitiamo perchè troppo caro. Visitiamo le sue cupole di vetro solo da fuori e dopo aver superato l'ultima rampa di scale, troviamo davanti ai nostri occhi uno dei panorami più belli di tutto l'arco alpino: un vero e proprio balcone sulle dolomiti e su tutta la Val Boite! Nomi come Antelao, Pelmo Sorapiss, Tofane e Croda Marcora sono così vicini che ti sembra di toccarli con un dito. Il tutto per la gioia mia e degli altri appassionati di fotografia venuti fin quassù per ammirare questo spettacolo della natura.


escursione al rifugio dolomites monte rite

monte rite

escursione al rifugio dolomites monte rite


escursione al monte rite

escursione al monte rite

Passeggiamo poi lungo il sentiero panoramico che si sviluppa lungo la parte superiore del Monte Rite, tra vecchi percorsi militari realizzati durante la prima guerra mondiale e magnifici panorami su tutto il Cadore: oltre alla Val Boite ammiriamo un panorama a 360 gradi sul gruppo del Bosconero, Civetta, Marmolada, fino al lago di centro Cadore.


escursione al monte rite


Il tempo purtroppo inizia a cambiare, tuoni e nuvoloni neri incombono all'orrizonte, non ci rimane che prendere  il sentiero del ritorno attraverso la strada militare (dove passano le navette) per i primi cento metri e poi seguiamo sulla destra il sentiero, chiamato dell'Orlando, che scende a zig zag nel bosco. Purtroppo inizia a piovere, certo non il temporale che ci si aspettava visto le nuvole, ma quella pioggerellina fastidiosa che ti obbliga per forza ad usare il k-way. Scendiamo velocemente con ampie vedute sulla val Zoldana e sul Sassolungo di Cibiana, arrivando di nuovo sulla strada militare ormai quasi alla fine dell'itinerario. Scendiamo ancora per qualche minuto e per fortuna esce di nuovo il sole, regalandoci così dei bellissimi scorci sul passo Cibiana, a m 1536, dove arriviamo dopo un'ora e mezza di discesa.


escursione al monte rite

escursione al monte rite

escursione al monte rite

escursione al monte rite

Qui una sosta meritata al rifugio Remauro, dove non poteva mancare l'immancabile panna cotta con mirtilli. La prima della stagione!!


rifugio remauro passo cibiana

rifugio remauro passo cibiana


Lasciamo con fatica il rifugio, la voglia di rimanere più a lungo e goderci la vista sulle dolomiti è tanta, ma purtroppo dobbiamo ritornare alle macchine. Scendiamo attraverso la strada del passo Cibiana in direzione val Zoldana e dopo un chilometro arriviamo in località Quattro Tabìa dove siamo partiti questa mattina.
Finisce qui questa bellissima escursione: un po' monotona nel primo tratto perchè immersa nel bosco ma che poi “esplode” con dei panorami da cartolina che rimarranno impressi per molto.


SCHEDA TECNICA
Partenza: località quattro Tabià m.1450
Arrivo Monte Rite m. 2183
Dislivello: m 733

cartografia Kompass

Vedi anche tutte le mie escursioni in montagna

20 commenti:

  1. E' normale che mi incantino maggiormente le foto coi cibi e coi menù rispetto al panorama mozzafiato doloMITICO? :p

    Questi posti li ho sfiorati più volte, non ho mai fatto questa escursione, però!^^

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eehe si è normale che le foto coi cibi colpiscano di più:)) anche il prezzo però.. hai visto il menu?

      Elimina
  2. ci sono stata lo scorso anno. peccato per il museo, è molto carino

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh si però visto il costo d'ingresso, la benzina, l'autostrada e il pranzo risultava davvero troppo per una gita in giornata :((

      Elimina
  3. Risposte
    1. Ti chiedo un consiglio, tu che 6 esperto in queste cose... hai mai preso la funivia da Malcesine x il Monte Baldo? Cosa dici è un bel posto? mi piacerebbe farlo uno di questi giorni, ma non di domenica ovviamente! ;) Buona serata, Pam

      Elimina
    2. ciao! la funivia del Baldo è una delle escursioni che vorrei tanto fare anch'io quest'estate. il costo è un po' elevato ma il panorama dall'alto deve'essere bellissimo se c'è il sole:)) ho visto che ci sono diversi itinerari di vari livelli quindi va bene per tutti!

      Elimina
  4. Conosco molti dei posti citati ma i rifugi o altri luoghi con camminate non hanno mai fatto per me purtroppo le ginocchia da sempre in cambio però nuoto anche per chilometri. Bel resoconto e buoni i canederli come la zuppa di frutta di bosco... ciaooo buona settimana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eheh pure due miei amici hanno preso la navetta per salire al rifugio! grazie buona settimana anche a te :))

      Elimina
  5. Ciao Andrea! Bellissime immagini. Sorrido perchè tu mi porti nei luoghi di montagna, alla scoperta di paesaggi per me insoliti (sono stata solo 2 volte in montagna!) e meravigliosi. Io invece ti porto al mare, un ambiente piuttosto estraneo a quello cui tu sei abituato. Siamo agli antipodi, però forse proprio questo rende più bello leggerti e vedere le tue foto! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao manuela! si hai ragione due angoli bellissimi e così diversi della nostra Italia :)). se ci fosse una regione con queste due caratteristiche sarebbe la mia regione ideale:))

      Elimina
    2. concordo alla GRANDISSIMA! :D

      Elimina
  6. Certo che da quelle parti dove vai vai, è tutto uno spettacolo. Io a oggi non saprei dire quale sia la mia zona preferita, sono tutti posti spettacolari e la vista che offrono è impagabile.Considera che i miei genitori hanno iniziato a portarmi in vacanza lassù da quando avevo due anni e praticamente non abbiamo mai smesso di tornarci.
    Poi..la panna cotta ai mirtilli è un MUST!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie! da quando l'ho scoperta in rifugio lo scorso anno la prendo sempre! :))

      Elimina
  7. me lo segno, noi partiamo il 12 per Braies, non è molto lontano!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. braies è un posto bellissimo, ne avrai di passeggiate da fare:)) buone ferie!

      Elimina
  8. Andrea che rabbia non essere venuta... Sono sicura che sarebbe piaciuto tantissimo anche a me, solo le tue foto mi fanno sognare! Spero ci sarà un'altra occasione presto! (che bontà la panna cotta!!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao, si dai abbiamo ancora qualche mese per fare un bel giro! la panna cotta ormai non può più mancare :)

      Elimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...