domenica 11 agosto 2013

Rifugio Velo della Madonna, escursione da San Martino di Castrozza

L'escursione al rifugio Velo della Madonna è un classico della zona di San Martino di Castrozza e Primiero. Oltre alla classica escursione in giornata è possibile effettuare un trekking di più giorni che collega i vari rifugi della zona, il famoso Palaronda hard trek. Non è purtroppo il  nostro caso dato che abbiamo solo questa domenica di luglio disponibile, e arriviamo pertato di prima mattina a San Martino di Castrozza dove lasciamo la macchina al parcheggio degli impianti di risalita Colvedrde.
Da qui proseguiamo per una decina di metri in salità fino ad incontrare il sentiero n. 702 che va a destra in direzione Fiera di Primiero e che si sviluppa pianeggiante per un bel po' fino ad incontrare una diramazione: da questo punto si possono prendere due sentieri, il n. 721 che sale un po' più in quota oppure il n 713 che prosegue nel bosco. Entrambi i sentieri corrono paralleli e si congiungeranno più avanti prima di raggiungere il rifugio.


rifugio velo della madonna escursione

rifugio velo della madonna escursione

rifugio velo della madonna escursione

rifugio velo della madonna escursione

Noi decidiamo di prendere in andata il sentiero 721 e iniziamo a salire fino a raggiungere il letto di un torrente che attraversiamo facilmente, circondati da splendide vedute sulle pale di San Martino. Da qui saliamo a zig zag un lungo ghiaione con il sentiero sempre ben segnalato tra i sassi, e rientriamo nel bosco con ormai San Martino di Castrozza alle nostre spalle.



rifugio velo della madonna escursione
ghiaione

rifugio velo della madonna escursione

rifugio velo della madonna escursione

rifugio velo della madonna escursione

rifugio velo della madonna da san martino di castrozza

La pendenza adesso si fa più ripida, passiamo un nevaio, ricordi di un lungo inverno da poco passato, e proseguiamo fino a scorgere le impressionanti parenti della Cima della Madonna e Sass Maor. Da questo punto possiamo scorgere anche il nostro rifugio Velo della Madonna in lontananza!! Cavoli, ce n'è di strada ancora da fare! La tabella di marcia CAI indica nella cartina tre ore e mezza di percorso di solo andata ma l'impressione è che saranno un po' di più :(

rifugio velo della madonna da san martino di castrozza



rifugio velo della madonna da san martino di castrozza
rifugio in vista!

rifugio velo della madonna da san martino di castrozza


Non ci facciamo scoraggiare e continuiamo fino a raggiungere un altro immenso ghiaione situato al di sotto dell'altissima parete del Sass Maor, da dove scorgiamo più in giù il sentiero n 713 che esce dal bosco e sale sul ghiaione fino a raggiungere la forcella Cadi Sora Ronz a m 2050, punto d'incontro dei due sentieri.
Ormai il percorso è fatto di sassi, massi e pietre e camminare può risultare un po' scivoloso. Continuiamo  in vista del rifugio e troviamo una parte del sentiero attrezzato con fune e scalini metallici: niente panico, anzi ci aiutano moltissimo nella salita e a raggiungere la parte più alta dell'itinerario.


rifugio velo della madonna da san martino di castrozza

rifugio velo della madonna da san martino di castrozza

rifugio velo della madonna da san martino di castrozza

rifugio velo della madonna da san martino di castrozza
sentiero attrezzato

rifugio velo della madonna da san martino di castrozza
vertigini!
Ormai manca davvero poco, ancora un po' di ripida salita e dopo tre ore di cammino eccoci arrivati, cotti, al rifugio Velo della Madonna a m. 2358 sul livello del mare. Mezz'ora in meno del tempo previsto!
Il rifugio è posizionato su un terrazzo roccioso sotto la cima della Madonna e il panorama che si ha da quassù è qualcosa di indescrivibile:  tutta San Martino di Castrozza, le cime Tognola e Lagorai quasi a portata di mano!

rifugio velo della madonna da san martino di castrozza


Oggi niente pranzo a sacco, avevamo già deciso prima della partenza di pranzare in rifugio. Già all'ingresso però troviamo ad aspettarci il menu del giorno:

rifugio velo della madonna da san martino di castrozza


rifugio velo della madonna da san martino di castrozza
strudel di mele!!

La scelta è ricaduta su gnocchi con gulash e l'immancabile strudel di mele! Il Velo della Madonna dispone inoltre di 64 posti letto per dar alloggio agli escursionisti. Escursionisti che sembra arrivino da ogni parte del mondo dato che all'ingresso conosciamo una coppia di giapponesi ospiti del rifugio da ben quattro giorni! E io che immaginavo i giapponesi l'emblema del turismo toccata e fuga!
In montagna si sa il tempo cambia velocemente :( Il sole che fino a pochi minuti fa ci ha accompagnati fino al rifugio, scompare tra le nuvole e iniziamo a sentire i primi tuoni minacciosi.
Decidiamo quindi di iniziare la discesa, sempre attraverso lo stesso sentiero dell'andata fino alla forcella Cadi Sora Ronz e poi da qui prendiamo il sentiero n 713 che scende ripido  a zig zag nel ghiaione fino ad entrare nel bosco.


rifugio velo della madonna


escursioni san martino di castrozza


escursioni san martino di castrozza


Attraversiamo  il torrente di questa mattina,  saltando da un masso all'altro,  fino ad arrivare al sentiero n. 724 che collega San Martino di Castrozza a Fiera di Primiero. Per fortuna il brutto tempo gira e ci salviamo dal temporale che sembrava imperversarsi sulle dolomiti. Da qui ancora un'ora e dieci per finire l'escursione!
Usciamo dal bosco e arriviamo in un vastissimo prato con vista su San Martino e Lagorai. Peccato però vedere le Pale coperte dalle nuvole :( il pomeriggio è l'ora migliore per ammirare questo spettacolo della natura, oggi però non è giornata. Vorrà dire che anche oggi la foto al tramonto della Pale sarà rimandata ad un'altra escursione. Poco male, ci sarà un'altra occasione!  Possiamo però scorgere il rifugio Velo della Madonna ormai lontanissimo, un piccolo puntino in un mare di rocce, cosa che ci rende orgogliosi della nostra escursione di oggi!


escursioni san martino di castrozza
siamo stati bravi, vero?

escursioni san martino di castrozza


Il sentiero finisce in località Villa Col dove è presente il maso Col. Più che maso lo definirei un pugno su un occhio data la grandezza e proseguiamo a piedi fino al centro di San Martino raggiungendo così il parcheggio dove abbiamo lasciato la macchina questa mattina. La discesa è durante in totale due ore e mezzo e nel complesso l'escursione è stata  abbastanza impegnativa sia per la pendenza che per la lunghezza, soprattutto se è da farsi in giornata.


escursioni san martino di castrozza

escursioni san martino di castrozza

Una piccola nota sull'itinerario: il percorso dell'andata è molto più panoramico e spettacolare di quello che abbiamo fatto al ritorno: anche se un po' impegnativo il panorama che si ha sulle pale è bellissimo! Il secondo sentiero invece  è per la maggior parte  immerso nel bosco e gli scorci panoramici sono ben pochi.
Prima di tornare a casa facciamo una sosta a Fiera di Primiero a trovare i miei amici di twitter dell'hotel Luis e poi un breve struscio sulla via principale per uno spritz veloce. Ci mettiamo in macchina per rientrare a casa, senza però aver dato  un arrivederci a presto alle pale di San Martino:) qualche bella foto al tramonto dovrò pur farla prima o poi...





Vedi anche tutte le mie escursioni in montagna

27 commenti:

  1. Che bel giro avete fatto, è una zona che non ho mai visto ma dalle foto è sicuramente molto bella!!
    Buona giornata! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie! si è una delle zone che preferisco, ci torno sempre con piacere, buona settimana!

      Elimina
  2. Ottime foto come sempre, luoghi suggestivi... io ci sono stato a S. Martino, più volte, ma... in inverno!! :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh io in inverno non ci sono mai stato :(( magari facciamo uno scambio ti foto :)

      Elimina
  3. Che bella camminata!!!!! E che posti meravigliosi :)
    Buon inizio di settimana

    RispondiElimina
  4. come sempre mi hai fatto venire una gran voglia di montagna! Nulla da ridire sul tuo incoraggiante spirito di avventura! Bellissime foto [adoro soprattutto quella con la mucca] e lo strudel è davvero invitante!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie! eheh la pausa dolce ormai è un must :))

      Elimina
    2. adesso però mi aspetto un post sul mare! :D

      Elimina
    3. AHH si hai ragione! tra 20 gg parto per santorini, un cambio fa bene :)) buon ferragosto!

      Elimina
  5. meraviglioso! x i più piccoli può andare bene?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao! per i bambini è un'escursione un po' dura poi dipende anche dall'età. leggevo in internet di gente che l'ha fatta con i bambini a seguito quindi è una cosa fattibile però da fare con attenzione :))

      Elimina
  6. Sono posti stupendi io ci sono passata per San Martino...ma purtroppo niente scalata, ferrate o altro non le ho mai potute fare e poi sarei stata sola. Belle immagini grazie cosi virtualmente ho fatto tutto.
    Buon ferragosto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie :)) buon ferragosto anche a te!

      Elimina
  7. conosco San Martino ma non avevo sentito parlare di questo rifugio, dev'essere stata una bella scarpinata...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si eravamo abbastanza cotti alla fine, ma ne è valsa la pena :))

      Elimina
  8. fatto lo stesso giro anche io lo scorso anno.
    e spero di rifarlo a breve!
    Se lo fai in giornata...alla fine le gambe un pò le senti, ma ne vale davvero la pena.

    per tutti gli amanti della montagna e dei Rifugi, vi consiglio di dare uno sguardo a http://www.visittrentino.it/i-rifugi-del-gusto

    dal 21 settembre al 6 ottobre, 46 rifugi e altrettante escursioni. Pacchetto weekend con escursione il sabato pomeriggio o avvicinamento al rifugio, cena, pernotto, colazione e pranzo al sacco ed escursione della domenica mattina (con GA o accompagnatori di Territorio). A soli 49,00

    Buona montagna a tutti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao, grazie per la dritta! settembre è il periodo ideale e magari è l'occasione per conoscere gente nuova appassionata di montagna. ci farò un pensierino :))

      Elimina
  9. Mamma mia, sono stanca solo di vedere le salite ;) Bellissimo post!!! Mi piace un sacco il tuo blog. Tanti saluti dalla Spagna
    http://tarragonain.blogspot.com.es

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie!! è stata una buona attività fisica :))

      Elimina
  10. Non potrei mai fare queste escursioni io e la mia vertigine congenita...ma il pensiero di essere in Trentino Alto Adige, già mi rende estremamente emozionata e felice..
    Lo adoro!
    Bacio Andrea!!!!:::)))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao! eheh a volte basta il panorama dalla valle è molto più bello che dalla cima:)) concordo con te una regione bellissima.

      Elimina
  11. Such an amazing post! Love the images. Have an amazing new week.


    Style For Mankind
    Facebook
    Bloglovin

    RispondiElimina
  12. Buon giorno, una domanda.... la parte dove c'è la cordata, è parecchio esposta oppure è una cosa fattibile per chi soffre di vertigini? grazie per la risposta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la parte dove c'è il sentiero attrezzato non è molto esposta, hanno messo delle scale di legno per facilitare la salita. nel punto del ghiaione bisogna fare un po' di attenzione

      Elimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...