sabato 28 marzo 2015

Le sorgenti del Sile e l'oasi di Cervara

Visitare le sorgenti del Sile significa immergersi in un angolo di natura ancora incontaminata nel cuore della pianura veneta, a soli pochi chilometri di distanza da Treviso.

Il fiume Sile è un fiume per molti aspetti singolare: nasce da una fascia di risorgive al limite di una pianura di origine alluvionale e, dopo un percorso di circa 96 km, sfocia a nord-est vicino a Jesolo. Da pochi anni è stato istituito il parco naturale regionale del Sile, un territorio molto importante dal punto di vista ambientale, che cerca di proteggere e preservare il corso del maggiore fiume italiano di risorgiva. La zona delle sorgenti è caratterizzata da aree parzialmente occupate da paludi e zone umide di particolare importanza ambientale. Una zona che si può visitare tutto l’anno; tuttavia, essendo un’area tendenzialmente umida, è meglio evitare le giornate piovose o nebbiose.

Parcheggiamo la macchina nel parcheggio in zona Gran Bosco dei Fontanassi. Le segnalazioni per arrivare qui non sono molto buone: da Casacorba seguiamo i cartelli per le sorgenti del Sile e continuiamo sempre dritto tenendoci sulla destra il parcheggio di Porta dell'Acqua (inutile parcheggiare qui, sarebbe troppa strada da fare a piedi), e dopo qualche centinaio di metri, prendiamo una strada sulla sinistra che conduce all'ingresso del bosco e dove lasciamo la macchina.

fontanassi
le sorgenti del Sile

visitare le sorgenti del sile
mappa della zona
 
L’itinerario è costituito da un percorso circolare, compreso tra il Sile e due corsi d’acqua di minore entità, ma è difficile seguire un percorso prestabilito: le segnalazioni sono pochissime e dopo un tratto attrezzato con passarelle bisogna continuare seguendo il proprio istinto.

Subito all’inizio del tratto boscato inizia la zona delle risorgive che danno origine al Sile; attraverso un pioppeto si arriva ad una serie di acquitrini e polle, che è in parte possibile esplorare.

Siamo nel regno dei “Fontanassi”, l’area della pianura veneta dove l’acqua fuoriesce spontaneamente dal terreno in polle di acqua limpidissima dopo essere scesa dalla montagna seguendo la pendenza naturale del terreno.

visitare le sorgenti del sile
Le risorgive o fontanassi
visitare le sorgenti del sile
polle d'acqua di risorgiva

Il sentiero esce poi dal bosco e costeggia un canale di gronda e campi coltivati; poco più avanti si può osservare la grande quercia, isolata in mezzo alla campagna, che rappresenta il simbolo di quelli che, un tempo, dovevano essere i boschi della pianura veneta.

visitare le sorgenti del sile
la grande quercia
 
Con un poco di pazienza e di silenzio, addentrandosi tra gli alberi, è possibile vedere molti uccelli che qui nidificano. Questo è il regno delle cornacchie grigie e delle gazze; è possibile però incontrare anche qualche fagiano.

Il sentiero piega poi a destra con un angolo quasi retto: qui osserviamo ancora la presenza di polle e di risorgive nel mezzo della macchia boschiva.

visitare le sorgenti del sile
il Sile all'inizio del suo corso
Ritorniamo al parcheggio e partiamo in auto seguendo il corso del fiume Sile fino a raggiungere la località di Cervara vicino a Quinto di Treviso. Qui è presente una piccola riserva naturale di 25 ettari proprio nel cuore del parco naturale regionale del fiume Sile.

L’oasi di Cervara è importante soprattutto per la presenza dell’ultima grande palude del fiume Sile, ma anche per l’ambiente naturale, costituito da boschi e cannetti rifugio di numerose specie animali. Si viene soprattutto per ammirare e scoprire la natura: una zona ancora paludosa rimasta lontana dall’intervento dell’uomo e che dà l’idea di come fosse il corso del fiume in tempi antichi.

oasi di santa cristina cervara sile
ingresso all'oasi di Cervara
Paghiamo l’ingresso e iniziamo a visitare a piedi questa oasi di verde attraverso un sentiero che ci conduce all’antico molino, le cui prime notizie risalgono all’anno 1325, quando vennero acquistati 91 campi con annessi rustici e una ruota da mulino. Nel corso dei secoli le funzioni del mulino cambiarono varie volte in base alle esigenze del lavoro, rimanendo comunque sempre produttivo fino al 1965 quando venne abbandonato. Grazie ad un accurato lavoro di restauro sono state ricostruite le due ruote di legno e messi in funzione i congegni necessari allo sfruttamento della forza idraulica.

 
oasi di santa cristina cervara sile
antico molino
Poco oltre il Mulino, visitiamo l’antico Casone, costruzione di legno e canniccio di pescatori e contadini tipica delle valli da pesca e delle zone umide del Veneto. Grazie alle testimonianze di alcuni dipinti e mappe del passato questi casoni appaiono sempre lungo le rive dei fiumi, a testimonianza di quanta importanza avessero un tempo i fiumi come vie di comunicazione.
oasi di santa cristina cervara sile
l'antico casone

oasi di santa cristina cervara sile
sentieri all'interno dell'oasi di Cervara
  
Durante la nostra passeggiata troviamo diverse postazioni per ammirare, con un po’ di pazienza, la fauna selvatica che vive protetta nell’oasi. La parte del leone la fa il Martin Pescatore, simbolo dell’oasi di Cervara, ma che purtroppo oggi non riusciamo ad avvistare.

Vediamo invece le cicogne che vivono allevate nella grande voliera (importante progetto per aiutare il ritorno della cicogna in Veneto), e dove si può assistere al loro pranzo, ottima occasione per imparare qualcosa di più su come vivono questi animali e sul progetto che sta cercando di aiutare il loro ritorno nelle nostre campagne.

oasi di santa cristina cervara sile

oasi di santa cristina cervara sile
la voliera delle cicogne
 
Il sentiero passa poi attraverso la zona dei Fontanassi, risorgive simili a quelle che abbiamo visitato poche ore prima alle sorgenti del Sile, e che mantengono in vita la palude dell’oasi, finendo così al mulino con una romantica vista sul fiume Sile.

oasi di santa cristina cervara sile
il Sile all'interno dell'oasi di Cervara

oasi di santa cristina cervara sile

oasi di santa cristina cervara sile
direzione Treviso
Questo è solo l’inizio del parco naturale del fiume Sile, un primo assaggio delle bellezze naturali che si possono scoprire lungo il corso di questo fiume, meta ideale di escursioni tra acqua e storia.

Vedi anche: My Veneto

53 commenti:

  1. the pool of spring water looks so surreal. beautiful place!

    halfwhiteboy

    RispondiElimina
  2. Ciao! ma è un posto troppo bello!! deve esserci una pace meravigliosa!!! sono rimasta colpita dalla prima foto il colore dell'acqua è incredibile sembra fatato ^_^ le cicogne quindi poi vengono liberate restano nella voliera il tempo di abituarsi all'ambiente se ho capito bene

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si acqua purissima! si si è un progetto che sta cercando di reintrodurre le cicogne in veneto

      Elimina
  3. Bravissimo bel reportage...sono spesso luoghi dimenticati, ma da valorizzare per la natura incontaminata!!!
    Ciao loty

    RispondiElimina
  4. che posto meraviglioso e complimenti sempre per le foto bellissime!
    buona serata
    Alice

    RispondiElimina
  5. Foto e testi sempre di grande interesse. Una mappa per i "da fare", come ora che ti lascio i miei sinceri auguri di buona imminente Pasqua. Buona settimana. NI

    RispondiElimina
  6. molto interessante questo percorso a ritroso sul sile

    RispondiElimina
  7. ci sono stata! natura selvaggia! bello da fare in bici

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si è vero, ci sono bellisimi giri da fare in bici

      Elimina
  8. Sempre dei racconti interessanti mi piace la tua curiosità di viaggiatore. Grazie di tutto e buona settimana.

    RispondiElimina
  9. wow, che bei colori! E che bell'itinerario interessante :)

    RispondiElimina
  10. Questo è un viaggio che vorrei proprio fare!
    Le foto di questo posto trasmettono una pace che mi manca e che cerco.
    Un bacione
    Maggie Dallospedale Fashion diary - Fashion blog

    RispondiElimina
  11. Una zona che mi è del tutto sconosciuta. Grazie di questa scoperta!

    RispondiElimina
  12. Ciao Andrea !
    Il naturreza è lussureggianti, belle immagini , corsa meravigliosa , grazie per la condivisione !

    Settimana Felice e il successo sempre !
    Abbracci

    RispondiElimina
  13. Spettacolo..Non conoscevo questo posto...

    RispondiElimina
  14. Questa zona non la conoscevo, grazie Andrea!!!!

    RispondiElimina
  15. che meraviglia questo posto!

    http://emiliasalentoeffettomoda.com/maglia-con-frange/
    grazie

    RispondiElimina
  16. Ciao Andrea,
    scusa se arrivo solo adesso ma non avevo la connessione.
    Un gran bel posto che non ho mai visitato, anzi, non lo conoscevo nemmeno.
    Grazie per avermelo fatto scoprire.
    buon inizio settimana

    RispondiElimina
  17. Ciao Andrea,
    scusa se arrivo solo adesso ma non avevo la connessione.
    Un gran bel posto che non ho mai visitato, anzi, non lo conoscevo nemmeno.
    Grazie per avermelo fatto scoprire.
    buon inizio settimana

    RispondiElimina
  18. Che luogo stupendo! Foto incantevoli! Come sempre, ci permetti di viaggiare un pochino con i tuoi post e per questo ti ringrazio :) Complimenti, buona serata! :**

    RispondiElimina
  19. Beautiful nature photos. The water looks clean
    http://www.mimosasandme.com

    RispondiElimina
  20. Ecco un altro bellissimo posto della nostra Italia che non conoscevo! Grazie Andrea come sempre, buona Pasqua e un abbraccio :)

    RispondiElimina
  21. Come sempre, ci consigli bellissimi posti. Buona Pasqua anche a te :)
    http://tarragonain.blogspot.com.es

    RispondiElimina
  22. natura incontaminata di rara bellezza, belle foto Andre
    buon giovedì
    un bacione
    tr3ndygirl fashion blog

    RispondiElimina
  23. Ma che bello! L'osasi è stupenda...bella proposta per queste giornate primaverili. Buona Pasqua a te Stefania

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si la primavera e l'estate sono il periodo migliore per la visita dell'oasi :)

      Elimina
  24. Un passaggio veloce solo per augurarti una serena Pasqua piena di gioia e di tanto buon cibo!
    Alice

    RispondiElimina
  25. Great post! Love this a lot.

    ** I'm inviting you to join Love, Beauty Bloggers on facebook. A place for beauty and fashion bloggers from all over the world to promote their latest posts!

    xoxo;
    BEAUTYEDITER.COM

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...