domenica 31 maggio 2015

La memoria della montagna: una visita al museo etnografico delle dolomiti

La provincia di Belluno da sempre presenta una cultura variegata e stratificata: ogni zona, ogni valle o paese dimostra una sua propria caratteristica. Le varie differenze tra i sapori del cibo, le tecniche agricole e l'organizzazione sociale si notano ancora di più tra la fascia dolomitica e quella prealpina. Al tempo stesso sono presenti tanti comportamenti e conoscenze condivisi in tutte le zone del bellunese e che presentano numerose conformità con altre regioni alpine.
Dopo aver visitato il canyon Brent del'Art, ho utilizzato il tempo rimasto a disposizione per andare alla scoperta di questo patrimonio culturale visitando il museo etnografico della Provincia di Belluno, situato in un'antica villa di campagna nel parco nazionale delle dolomiti Bellunesi.

museo etnografico delle dolomiti belluno
cucina tipica tradizionale

museo etnografico delle dolomiti belluno


museo etnografico delle dolomiti belluno
ingresso al museo

Scopo di questo museo è il documentare, raccogliere e preservare le tradizioni della popolazione rurale della provincia di Belluno durante l'ultimo secolo.
Acquistato il biglietto d'ingresso inizio ad esplorare le sale del museo attraverso un percorso che si sviluppa in più piani, ogni piano ha un suo tema con relativi approfondimenti.
Il piano terra ad esempio è dedicato al sistema alimentare con una riproduzione di una cucina tipica del bellunese e le diverse modalità di preparazione e consumo di cibo; diversità che si notano tra la zona dolomitica, con influenze austriache, e l'area prealpina, più vicino alla pianura, dove prevale l'uso della polenta.

museo etnografico delle dolomiti belluno

Il primo piano, invece, illustra la vita delle popolazioni bellunesi nel corso di questo secolo. Una vita che dipende molto spesso dalla montagna e dove la popolazione ha fatto di tutto per sfruttare al meglio lo spazio montano, fatto di ripide pendenze, e da dove bisognava ricavare la terra da coltivare.
Bellissima la sala dove ci sono le riscostruzioni delle slitte da legname e da fieno con documentazioni delle prime teleferiche, grazie alle quali furono dimezzati i tempi di trasporto.

museo etnografico delle dolomiti belluno
evoluzione della slitta nel corso degli anni

museo etnografico delle dolomiti belluno
slitte e sci d'epoca

Il percorso espositivo spazia poi sui problemi della popolazione e sulla povertà di inizio secolo. Si apre così una pagina sull'emigrazione al finire dell'800, quando migliaia di famiglie emigrarono in Brasile grazie al progetto di colonizzazione di territori vergini e dove ogni famiglia aveva a disposizione del terreno che doveva essere diboscato e bruciato.
Ma c'è stato un altro tipo di emigrazione nei primi decenni del secolo scorso: quella delle balie da latte, giovani madri che partivano per le grandi città per offrire il proprio latte ai neonati delle famiglie più ricche in cambio di un compenso economico. La balie dovevano lasciare il proprio bambino appena nato lasciandolo a conoscenti o parenti, consapevoli che al loro ritorno sarebbe stato davvero difficile riagganciare i rapporti affettivi.
Questa è stata una delle sezioni che mi è piaciuta di più, anche perchè  ero a completa sconoscenza di questa usanza.

museo etnografico delle dolomiti belluno
balie da latte

Quasi tutte le sale del museo sono interattive, si passa dalle registrazioni dei vari dialetti delle vallate bellunesi, al semplice richiamo delle galline da parte dei contadini, fino alle varie documentazioni scritte dell'epoca.

museo etnografico delle dolomiti belluno
antichi strumenti musicali tipici delle aree del Comelico

L'ultimo piano è dedicato al rapporto dell'uomo con gli animali domestici e selvatici, una convivenza che ha con l'alpeggio il suo punto più importante. Attraverso diversi pannelli viene spiegato che l'uso dei pascoli era sottoposto al controllo delle regole della comunità e riguardava sia il pascolo nelle malghe sia quello di una sola giornata. L'alpeggio, che si effettua tuttora nelle malghe del bellunese, era collegato anche alla pratica della fienagione con lo scopo di allevare i bovini e di lasciare alle famiglie dei contadini il compito di occuparsi del fieno e dei campi.
Si stima che per mantenere una mucca da latte fossero necessari circa quattro quintali di fieno al mese! Con l'avvento dei mangimi questo numero è poi sceso sensibilmente.

museo etnografico delle dolomiti belluno
strumenti per l'alpeggio

Finisce qui la mia visita al museo etnografico delle dolomiti. Si potrebbe parlare molto di più di quello che questo museo può offrire ai propri visitatori, tra cui ricerche, laboratori e mostre varie, ma ho pensato fosse giusto evidenziare l'essenziale del valore storico e culturale di quest'area montana del Veneto. Valori che, nonostante tutti i problemi relativi alla vita in montagna al giorno d'oggi, sono ancora vivi e presenti.

Vedi anche: my veneto
Vedi anche: le mie escursioni in montagna

30 commenti:

  1. Li adoro anche questi, questi musei delle vecchie condizioni contadine, per fortuna ne abbiamo anche dei belli in Liguria, vicino alle Alpi francesi..
    Chissà sarei dovuta vivere in quei tempi, mi attirano troppo..
    Grazie Andrea delle bellissime foto, un abbraccio forte forte!

    RispondiElimina
  2. so nice!

    http://itsmetijana.blogspot.com/

    RispondiElimina
  3. Ho l'impressione che uno dovrebbe passarci degli anni, sulle Dolomiti, per vedere tutto quello che c'è da vedere!

    RispondiElimina
  4. Che bello questo museo! Proprio ieri sera pensavo che avrei voglia di fare un giretto in montagna.. Dato che non adoro le lunghe passeggiate nei boschi, questa é una meta perfetta!
    snoopandsparkle.blogspot.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ehhhe si c'è solo l'imbarazzo della scelta :)

      Elimina
  5. Quanto mi piace visitare questi musei che raccolgono le nostre tradizioni.....grazie Andrea!

    RispondiElimina
  6. Bel posto molto interessante grazie di averlo fatto vedere. Buona settimana.

    RispondiElimina
  7. Credo proprio che meriti una visita questo museo ... chissà quante cose interessanti si possono vedere! Grazie per il tuo racconto e per le belle foto. Buona serata a te, Stefania

    RispondiElimina
  8. Che bel posto, interessante!
    Passa a trovarmi VeryFP

    RispondiElimina
  9. Molto interessante!!!
    http://tarragonain.blogspot.com.es

    RispondiElimina
  10. folklore beauty! xxx

    www.stylentonic.com

    RispondiElimina
  11. i tuoi post sono sempre molto interessanti e pieni di foto bellissime!
    buona serata
    Alice

    RispondiElimina
  12. Interesting place to visit!

    http://beautyfollower.blogspot.gr

    RispondiElimina
  13. Bellissimo museo e belle anche le foto. :-)

    RispondiElimina
  14. Ciao! Quanto mi piacciono questi tipi di museo! Conoscere vecchie tradizioni che poi sono le nostre radici in fondo. Sentire i dialetti bellissimo! Le balie lo sapevo però credevo che si limitasse alla famiglia al massimo al paese non che partissero proprio. Molto interessante!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si davvero, una visita utilissima per conoscere il nostro passato

      Elimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...