Gita a Treviso: che cosa fare e che cosa vedere

Una gita a Treviso può essere la giusta occasione per ammirare da vicino un centro storico di lusso, ma anche tanti musei pieni di fascino e itinerari naturalistici perfino sorprendenti. 

 

Non tutti sanno che la città veneta è attraversata da canali e vanta un centro storico davvero elegante, con chiese di enorme valore artistico e tanti negozi che soddisfano anche le esigenze di chi non intende rinunciare allo shopping. 

 

Come dire: Prosecco ma non solo, perché fra Treviso e dintorni c’è anche molto altro da conoscere, fermo restando che il territorio è impreziosito da un gran numero di vigneti. In più, a breve distanza vale la pena di andare a visitare borghi piccoli e deliziosi, da esplorare non solo a piedi ma anche in sella a una bici, approfittando delle tante piste ciclabili a disposizione.

 

gita a treviso

 

Un tour fra le strade di Treviso

Il modo migliore per iniziare a visitare la città è di sicuro da Piazza dei Signori: si tratta di una piazza collocata in centro con un aspetto che non è eccessivo definire medievale. 

 

Qui si affacciano, tra l’altro, il Cal Maggiore, il Palazzo dei Trecento, il Palazzo della Prefettura e i palazzi comunali. Da non dimenticare le chiese cittadine, fra cui la Chiesa di San Vito e la Chiesa di Santa Lucia, collegata l’una con l’altra da una piccola porticina: una curiosità a dir poco incantevole.

Il quartiere latino

Non tutti sanno che il centro storico della città è definito anche con il nome di quartiere latino, e una passeggiata fra le sue strade è una piacevole esperienza in grado di regalare un relax straordinario. Si tratta, infatti, di una zona in cui ci sono boutique di lusso e locali alla moda, ma anche negozi e bar.

 

A pochi passi ecco la loggia dei Cavalieri e soprattutto il Palazzo Dolfin Giacomelli, che è stato progettato da Andrea Pagnossin. Ancora, conviene segnare in agenda il nome della Cattedrale di San Pietro e poi magari ritagliarsi un po’ di tempo per raggiungere il canale dei Buranelli e gli altri corsi d’acqua che attraversano la città. Fra questi c’è il Canale Cagnan, sul quale è presente l’isola della Pescheria, celebre perché qui due volte alla settimana si svolge il mercato del pesce, il martedì e il sabato. Un appuntamento a cui prendere parte, se se ne ha la possibilità.

 

gita a treviso

 

I musei di Treviso

Come si accennava in precedenza, Treviso è anche una città di musei. Tra questi una citazione è doverosa per il Museo civico Luigi Bailo, che prevede tre sezioni differenti: la Galleria d’arte moderna, la Pinacoteca e la sezione archeologica. 

C’è, poi, il Museo Scarpa, consigliato a tutti gli appassionati di natura, visti i numerosi esemplari di animali custoditi al suo interno; il suo nome deriva da Giuseppe Scarpa, scienziato naturalista che era originario proprio della città. Infine, il Museo di Santa Caterina accoglie una sezione archeologica che gli esperti ritengono di livello davvero elevato.

 

In gita a Treviso con i bambini

Nel caso in cui si decida di visitare con i bambini, oltre alla passeggiata nel centro storico può essere una buona idea quella di raggiungere Revine Lago per entrare nel Parco Archeologico Didattico del Livelet, situato sulla riva del lago glaciale di… Lago. Il parco accoglie le ricostruzioni delle abitazioni dei nostri antenati, create secondo ciò che si può intuire dai ritrovamenti avvenuti in queste aree. Ciò permette di capire come si viveva in passato e soprattutto di osservare da vicino l’evoluzione dello stile di costruzione dell’uomo. Ancora, è possibile vedere e conoscere le armi da caccia e gli utensili degli uomini preistorici.

 

Primavera ed autunno: i periodi migliori per visitare Treviso

La stagione primaverile e quella autunnale rappresentano i periodi più indicati per una vacanza a Treviso e dintorni. In questo modo, si evitano le temperature troppo alte dei mesi estivi e il clima rigido invernale. 

In ogni caso, i mercatini di Natale rappresentano un buon motivo per decidere di venire in città a dicembre: una ricorrenza molto attraente, anche per chi ha voglia di conoscere e di comprare i prodotti di artigianato locali.

 

Treviso, una finestra sull’Europa

La piccola Venezia oltre a tutto ciò che è stato detto in precedenza è anche una finestra sul resto d’Italia e l’Europa. L’aeroporto Canova, infatti, si trova a soli tre chilometri dal centro cittadino e nel tempo si è consolidato come uno dei centri nevralgici del trasporto aereo offrendo una soluzione solitamente più conveniente rispetto al Marco Polo di Venezia.

I locals lo sapranno già, ma se sei un turista che non conosce il clima trevigiano, prima di arrivare in aeroporto il suggerimento è quello di prenotare un parcheggio aeroporto Treviso coperto per ovviare a eventuali situazioni di maltempo.

 

 

VEDI ANCHE:

La sezione del blog dedicata al VENETO

0 commenti:

Posta un commento