Una visita alle grotte di Oliero, in barca in un lago sotterraneo

Nella parte terminale della Valsugana, vicino a Bassano del Grappa, troviamo un posto davvero speciale: le grotte di Oliero, con all'interno un lago che si può anche attraversare in barca.
Arrivare alla grotte di Oliero è molto facile: da Bassano si seguono le indicazioni per Trento Valsugana e, una volta arrivati all'altezza di Oliero o Valstagna, si attraversa il Brenta e si parcheggia nelle vicinanze delle grotte.
NB. Nelle date di alta stagione il sito è molto frequentato, consiglio di visitarle fuori dalle date critiche. Io stesso sono stato il giorno di ferragosto e abbiamo dovuto aspettare più di tre ore per entrare all'interno della grotta.
E' bene controllare nel sito delle grotte di Oliero gli orari di apertura, in genere da aprile a novembre e con i giorni festivi apertura prolungata.

grotte di oliero
grotta Covol dei Veci

La visita alle grotte di Oliero funziona così: una volta acquistato il biglietto si riceve un numero da presentare all'ingresso della grotta e si aspetta il proprio turno. Nel frattempo si può visitare il grande parco con numerosi percorsi e un sentiero natura che guida il visitatore alla scoperta di questo ambiente suggestivo.
Già nel parco si può avere un'idea di questo territorio: all'inizio si cammina nel bosco, dove si possono osservare due grotte, senz'acqua, in comunicazione con le altre, quasi certamente, antichi sbocchi delle acque interne, e poi si scende di quota fino ad arrivare al livello del vicino Brenta, dove ci sono le due grotte più belle.

grotte di oliero
camminando lungo il sentiero natura

grotte di oliero


grotte di oliero

La grotta Parolini è la più importante di tutto il complesso. Già da fuori è uno spettacolo osservarla: una fessura nella roccia dalla quale esce un torrente d'acqua dalle acque limpidissime e che lascia intravedere il mondo sotterraneo nascosto al suo interno.

grotte di oliero
ingresso grotta Parolini
Una volta arrivato il nostro turno, ci sistemiamo con caschetto e giubbo salvagente e prendiamo posto nell'imbarcazione di legno.
NB: consiglio di avere una felpa con sé perchè la temperatura interna è di 12°, costante tutto l'anno

grotte di oliero
l'ingresso con la barca

grotte di oliero

Qui una guida ci saluta e ci spiega brevemente la storia delle grotte di Oliero, scoperte nel 1822 dal botanico Alberto Parolini che le rese accessibili al pubblico nel 1832.
Si accede all'interno con la barca per una imboccatura molto bassa, solcando un laghetto interno profondo 13 metri da cui sgorga l'acqua dell'Oliero. Oltrepassato il laghetto si attracca ad un molo da cui è possibile accedere alla parte interna della Grotta. Qui scendiamo dalla barca e iniziamo il piccolo tour a piedi. L'estensione è di m. 100 e l'altezza di m. 17. Nel laghetto vive il Proteus Anguinus, introdotto ed ambientato dal suddetto Parolini.

grotte di oliero

L'attrattiva principale è costituita dalla straordinaria varietà di concreazioni calcaree che, col passare dei millenni sono andate aumentando, depositate dall'acqua carica di carbonato di calcio: stalattiti, stalagmiti, bizzarramente stagliate in frange, in colate, capelli d'angelo ecc ecc. Degna di particolare nota è la stupenda colata calcarea terminale che riveste l'intera parete alta 14 metri.
Non visitabile al pubblico, la Sala delle Candele, a circa 17 metri al di sopra della parte più interna della Grotta e aperta solo ai gruppi speleologi.
Il tour a piedi all'interno della grotta dura pochi minuti. Si ritorna nell'imbarcazione e si esce dal lago in pochi minuti.
In totale la visita dura poco più di mezz'ora, un po' poco per i miei gusti, ma l'ambiente all'interno è davvero piccolo.

Di nuovo all'esterno, possiamo ammirare l'altra grotta, il “Covol dei Veci”, un tempo accessibile con una barca; ora, per una frana che ha ostruito di detriti il laghetto esterno, è visitabile solo dall'esterno. E' anche questa molto bella, ricca d'acqua e maestosa nella sua ampiezza.

grotte di oliero
grotta Covol dei Veci

A completare l'offerta di servizi troviamo un'area attrezzata per il pic nic e punto ristoro, ampie zone verdi per il relax e un museo di speleologia e carsismo.
Finisce così la nostra giornata di visita alle grotte di Oliero. Potete calcolare un paio di ore per la vista complessiva. Per completare la giornata posso consigliarvi di proseguire per Bassano del Grappa e finire con un bicchierino sul ponte degli Alpini.

INFORMAZIONI UTILI
DOVE DORMIRE
Le Fate Corbezzole Romano d'Ezzelino - Bassano del Grappa
E' stato il primo B&B del Veneto. Situato a un chilometro dal centro di Bassano, in posizione tranquilla, offre  camere dal fascino unico, una diversa dall'altra. Entrare qui è come entrare in un mondo incantato: a cominciare dalle camere arredate con gusto e con la massima cura di ogni minimo particolare, finendo con le due suite, gioielli che possono essere paragonati ai più bei chalet di montagna. Un B&B che è nato grazie alla passione di Claudio, il proprietario, per gli oggetti di antiquariato e collezionismo: tutte le camere sono arredate grazie all'uso della sua fantasia e passione. Ricca la prima colazione a buffet servita in una sala d'atmosfera, arredata in modo unico e originale.
Viale Marze 18/A Fellette di Romano d'Ezzelino

fate corbezzole
B&B Le Fate Corbezzole
fate corbezzole
camera fata Atamanta

fate corbezzole
camera fata Eufrasia

fate corbezzole

B&B corbezzole
suite Paradise

DOVE MANGIARE
Ristorante Robevecie -  Romano d'Ezzelino
A poca distanza dal B&B Fate Corbezzole, il ristorante Robevecie è il primo emporio osteria che unisce i piatti della tradizione veneta. Si tratta di un originale locale dove alla buona cucina si affiancano pezzi d'antiquariato, il tutto in un'atmosfera accogliente e ricca di suggestione. Un mix di buona cucina, per i palati che amano i sapori della tradizione e i mercatino di antiquariato. Cucina tipicamente veneta.
Viale Manzoni 123/B – loc. Fellette di Romano d'Ezzellino 0424.394357

ristorante Robevecie

robe vecie
un ristorante dove tutti gli oggetti sono in vendita

ALTRE COSE DA FARE IN PROVINCIA DI VICENZA:

Commenti

  1. Che meraviglia! Un luogo suggestivo! :)
    Bella anche la location su dove riposare :)

    The Lunch Girls

    RispondiElimina
  2. Sei da invidiare nel senso buono, per quanti posti bellissimi visiti ogni giorno. Bellissimo posto anche questo e buon proseguimento ancora nei tuoi viaggi !

    RispondiElimina
  3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  4. È sempre un piacere leggere dei tuoi viaggi. È come scoprire, attraverso i tuoi post, ogni volta un paradiso. Buona serata. Ciao Stefania

    RispondiElimina
  5. Che meraviglia! Un posto stupendo :)
    A presto.

    RispondiElimina
  6. che bello sitio Andrea. You always visit s the most beautiful places!

    RispondiElimina

Posta un commento

Disclaimer

I contenuti presenti sul blog "Montagna di Viaggi" dei quali è autore il proprietario del blog non possono essere copiati,riprodotti,pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all'autore stesso. E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma. E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore. Copyright © 2010 - 2015 Montagna di Viaggi by Andrea Pizzato . All rights reserved P.I. 04452280276