Andreas Hofer, il padre del Tirolo unito

Molte volte, passeggiando per le strade dell'Alto Adige o del Tirolo, ci si imbatte con strade o hotels intitolati a Andreas Hofer. 
Ma chi è esattamente Andreas Hofer?
E' il padre della patria tirolese, quando ancora il Tirolo era uno solo, e figura ancora molto sentita e amata in terra tirolese.

INIZI
Andreas Hofer nacque in Val Passiria, esattamente a San Leonardo in Passiria, nel 1767, figlio di un oste e destinato a diventare oste lui stesso dopo la morte precoce dei genitori; e infatti, nella storia e nella leggenda, dire “oste del Sand” è come dire Andreas Hofer. Ma divenne anche un mercante e proprio come mercante si fece una certa fama da un angolo all'altro del Tirolo, grazie un poco alla sua figura gagliarda.


andreas hofer

CONTRO I FRANCESI
Nel 1805, quando la pace di Presburgo (Bratislava) sancì la vittoria di Napoleone sull'Austria, gli Asburgo si videro imporre, tra l'altro, la cessione del Tirolo e della Baviera.
I tirolesi in segreto prepararono l'insurrezione contro i bavaresi e i loro alleati francesi. Seguì una seconda campagna contro gli occupanti e, una seconda vittoria al Bergisel, fece dell'Oste del Sand” l'eroe dei tirolesi, il loro condottiero. Una terza battaglia al Bergisel e una terza vittoria, parvero promettere la liberazione del Tirolo. Andreas Hofer diventò l'Oberkommandant, il reggente del Land, ed ebbe dal Kaiser Francesco II solenni assicurazioni per l'avvenire.
Vane promesse. 

LA CATTURA
Con la pace di Schoenbrunn l'Austria rinunciò ancora una volta al Tirolo e Napoleone mise in campo 56.000 soldati per stroncare ogni resistenza. Seguirono altre battaglie ma fu la catastrofe. La guerra per la libertà del Tirolo era finita. Con una taglia di 1.500 fiorini sulla testa, Andreas Hofer rifiutò di lasciare la sua terra e passò da un nascondiglio all'altro prima di essere tradito da un delatore. Catturato in una malga il 28 gennaio 1810, passò alcune notti in prigione a Egna, vicino Bolzano, e fu portato a Mantova, dove venne imprigionato e poi giustiziato a morte.


andreas hofer

Nel 1823 le sue spoglie furono trafugate dalla tomba di Mantova e portate a Innsbruck per essere custodite nella Hofkirche, non lontano dall'imponente sarcofago di Massimiliano I.
Per i nostalgici di una Grande Austria e degli Asburgo il suo nome divenne una bandiera; e lo è stato, anche, qualche tempo fa, per rivendicare un Tirolo unito (ein Tirol).

LA SUA TERRA
Per Andreas Hofer, e per i tirolesi, il mondo era rimasto fermo all'età precopernicana. Al centro c'era la terra, al centro della terra il podere, la famiglia il villaggio. Ogni contadino, ogni valligiano si sentiva legato a quella comunità e impegnato a garantirne l'esistenza e sopravvivenza. La Baviera si era affacciata al Tirolo non solo per governarlo, ma con la pretesa di cambiarne la mentalità; e i tirolesi non volevano cambiare, non volevano farsi migliorare.

andreas hofer

Un episodio la dice lunga sulla realtà storica del Tirolo. La Baviera era il primo stato al mondo che cercasse di combattere il vaiolo con la vaccinazione obbligatoria. Nel breve periodo della loro presenza nel Tirolo i bavaresi cercarono di imporre anche lì l'obbligo , ma si trovarono di fronte a rivolte locali che, nel marzo del 1809, preannunciarono l'insurrezione vera e propria. Ma nel mondo di Andreas Hofer il rifiuto della vaccinazione era naturale e fatale. Per lui e per i suoi, la malattia, la vecchiaia, la morte non significavano granchè, erano componenti della vita dell'uomo, da accettare serenamente, perchè a esse non c'era rimedio.

-----------------------------------------------------------
NB. Questo post è il primo di una serie che racconteranno la storia e le tradizioni del Tirolo da Andreas Hofer, agli Schutzen fino alle trincee della Grande Guerra sul fronte austroungarico. Spero possa fare piacere e che vengano letti con passione :)) 

VEDI ANCHE:

Commenti

  1. Veramente interessante! Non sapevo chi fosse onestamente... ci fai sempre scoprire tante cose nuove ed interessanti!
    Baci
    Maggie D.
    IndianSavageBlog by Maggie Dallospedale

    RispondiElimina
  2. grazie per queste spiegazioni! non lo conoscevo

    RispondiElimina
  3. Nice pictures!

    My new blog...
    https://dinamighty.com/

    RispondiElimina
  4. Ecco, gli anti-vax c'erano già allora! :-D

    RispondiElimina
  5. io adoro quell'epoca e questi racconti mi fanno sognare Andre
    nuova review da me <<< Acido Ialuronico per capelli >>>
    buon mercoledì, un bacione

    RispondiElimina
  6. Stunning post!
    Have a nice evening!
    Gil Zetbase

    RispondiElimina
  7. che affascinate questo periodo stroico
    Mrs NoOne

    RispondiElimina
  8. ti confesso che non conoscevo questa figura, ma sono molto contenta di averla scoperta attraverso il tuo racconto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. in pochi lo conoscono fuori dal Tirolo :(

      Elimina

Posta un commento

Disclaimer

I contenuti presenti sul blog "Montagna di Viaggi" dei quali è autore il proprietario del blog non possono essere copiati,riprodotti,pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all'autore stesso. E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma. E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore. Copyright © 2010 - 2015 Montagna di Viaggi by Andrea Pizzato . All rights reserved P.I. 04452280276