Cosa vedere a Chiusa in un giorno, la città degli artisti

Chiusa – Klausen è senza dubbio una delle cittadine più belle di tutto l'Alto Adige, ed è inclusa, dal 2002, nella lista dei borghi più belli d'Italia. Per vedere Chiusa e i suoi dintorni consiglio di calcolare una mezza giornata (centro storico), oppure una giornata intera se si vuole inserire anche le miniera di Villandro o qualche bella passeggiata sull'Alpe di Villandro.
Il mio itinerario alla scoperta della cittadina inizia da Porta Sabiona, punto d'ingresso alla Città Alta che si sviluppa lungo la strada principale per tutto il centro storico.

cosa vedere a chiusa
nel cuore dell'Alto Adige
UN PO' DI STORIA
Subito sulla destra trovo la chiesa degli Apostoli dove i commercianti tedeschi prima di sdoganare le loro merci venivano per pregare. Infatti, per tutto il Medioevo, Chiusa continuò a prosperare come sede della dogana, importantissima fonte di reddito per i vescovi.

cosa vedere a chiusa
ingresso nel borgo



cosa vedere a chiusa

La cittadina visse la sua fase di maggior benessere durante il periodo aureo dell'industria mineraria, tra il XIV e il XV secolo. Le case di Chiusa non sono sfarzose come quelle di Vipiteno o Bressanone, anche perchè mancano i portici; in compenso le facciate sono più larghe e il loro carattere pittoresco è rimasto invariato nei secoli.

LA CITTA' DEGLI ARTISTI
In epoca turistica, dal 1874 fino alla prima guerra mondiale, il borgo medievale si trasformò in “città degli artisti”, tutti tedeschi e tutti attratti dall'ipotesi, non confermata, che Walther von der Vogelweide, il più famoso dei trovatori, fosse nato qui. Il poeta del XII e XIII secolo è quell'uomo malinconico che si vede in posa un po' ovunque in Alto Adige, in particolare in Piazza Walther a Bolzano.
Chiusa divenne così la mecca del romanticismo. Si dipingeva, si scriveva, si faceva musica e ci si divertiva. La locanda “Lampl” con la sua sala “Walther” divenne il fulcro del movimento grazie all'ospitalità dell'oste e alla bellezza delle sue figlie.

cosa vedere a chiusa
Città Alta
Nel 1494, Albrecht Duerer si fermò durante il suo famoso viaggio a Venezia. Vi avevo già parlato del suo tumultuoso itinerario: trovò una piena dell'Adige e fu costretto a salire per la Val di Cembra dove rimase per un po' di tempo, prima di proseguire per Venezia. Questo cammino è tuttora percorribile da Salorno a Cembra e si chiama Duererweg.
La locanda Lampl oggi non esiste più, ma rimane ancora la sala Walther luogo di eventi e congressi. La casa si trova sul lato destro della strada principale nella città alta.

cosa vedere a chiusa
la sala Walther

LA PARROCCHIALE, LA CITTA' BASSA
Continuo la mia passeggiata per il centro di Chiusa fino alla Chiesa di San'Andrea. Completata nel 1498 presenta un interno particolare segnato da volte a costoloni reticolati con colonne slanciate. Il ponte da Piazza Comune porta sul lato opposto dell'Isarco, da dove si gode di una vista bellissima sulla città.

cosa vedere a chiusa
piazza Parrocchia

cosa vedere a chiusa

klausen

Dalla piazza giungo poi nella Città Bassa, ammirando le insegne in ferro battuto degli alberghi e antiche botteghe, alcuni antichissimi, come l'ex albergo Orso Grigio, di cui si ha notizia fin dal 1335.

cosa vedere a chiusa
le insegne in ferro battuto
La strada finisce in Piazza Tinne con negozi e hotels, dove si può fare una sosta in uno dei tanti tavoli colorati delle birrerie oppure visitare il vicino museo Civico con il suo tesoro.
cosa vedere a chiusa
piazza Tinne
Dal museo Civico consiglio di salire alla collina panoramica per ammirare una bellissima visuale su Chiusa.

cosa vedere a chiusa
vista dalla collina del parco dei Capuccini

IL CONVENTO DI SABIONA, L'ACROPOLI DELL'ALTO ADIGE
E poi si sale a Sabiona lungo un sentiero che dal centro cittadino si infila in una vecchia scalinata, passando per Castel Branzoll, e si fa più dolce, in una mulattiera tra alberi e fiori. Il convento, che domina la città da una roccia scoscesa, è stato fondato alla fine Seicento ed è tuttora abitato dalla monache di clausura benedettine, dedite alla preghiera corale e ai lavori domestici.

cosa vedere a chiusa
la salita verso il monastero di Sabiona
cosa vedere a chiusa
monastero di Sabiona

cosa vedere a chiusa
il monastero di Sabiona visto durante la mia escursione sul sentiero del Castagno

MINIERA DI VILLANDRO
Una visita di Chiusa non può essere completa senza aver visto la miniera di Villandro. A pochi chilometri dal centro cittadino, si sale in macchina lungo la strada che conduce all'Alpe di Villandro e si parcheggia poco prima dell'ingresso. Qui ad attendermi trovo la guida che mi conduce all'interno di un labirinto di gallerie che rivela roccia dopo roccia tutte le fatiche degli uomini che qui vi hanno lavorato.

cosa vedere a chiusa
miniera di Villandro, credits Ufficio Turistico di Chiusa
villandro
un'avventura nell'oscurità

cosa vedere a chiusa

Sui 750 metri di dislivello, la miniera di Villandro contava ben 16 gallerie per un totale di 16,5 km di 2/3 scavati a mano. Si calcola, inoltre, che l'avanzamento annuo fosse di circa 8 metri.
Una bellissima esperienza nell'oscurità della terra che può essere il punto iniziale per partire alla scoperta del territorio di Chiusa e Valle Isarco, tra valli incantate e paesi medievali.

INFORMAZIONI UTILI:
Per ulteriori informazioni su Chiusa visita il sito ufficiale di Chiusa/Klausen - Alto Adige
Per la miniera di Villandro: BergWerk  

ALTRE COSE DA FARE IN VALLE ISARCO:

Commenti

  1. Dei posti bellissimi, come molto belle le tue foto, complimenti davvero !

    RispondiElimina
  2. sempre bella yours pictures ANdrea. I love these church pictures just beautiful!

    RispondiElimina

  3. Ciao, caro!
    È un sogno questi villaggi, città affascinanti, belle foto!

    Buona settimana, baci!

    RispondiElimina
  4. bellissima questa cittadina, tipica di montagna :)

    RispondiElimina
  5. io adoro questi borghi pieni di casette colorate!
    http://www.audreyinwonderland.it/

    RispondiElimina

Posta un commento

Disclaimer

I contenuti presenti sul blog "Montagna di Viaggi" dei quali è autore il proprietario del blog non possono essere copiati,riprodotti,pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all'autore stesso. E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma. E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore. Copyright © 2010 - 2015 Montagna di Viaggi by Andrea Pizzato . All rights reserved Partita Iva 04452280276