Escursione a malga Pramper e rifugio Pramperet - Val di Zoldo

Malga Pramper e il rifugio Sommariva al Pramperet sono state le mete di questa bella giornata di festa del 2 giugno.
Siamo in Val di Zoldo e questa escursione si snoda all'interno del Parco Nazionale delle Dolomiti Bellunesi, un parco nazionale che la maggior parte dei veneti non sa nemmeno esista.
Prima di partire ho letto in internet che il punto di partenza di questa escursione è la località Pian de la Fopa, raggiungibile in macchina da Forno di Zoldo,
Una volta che sono arrivato sul posto, però, mi sono reso conto che questa strada all'inizio è asfaltata e poi diventa sterrata con buche e fondo sconnesso. Mi è subito venuto in mente l'esperienza  del Monte Ortigara sull'altopiano di Asiago, pertanto abbiamo deciso di fermarci prima e di iniziare la nostra escursione a Malga Pramper dal parcheggio nella località di Pratoront a metri 998 d'altezza, allungando in questo modo i tempi della camminata. Ho visto tanta gente comunque che saliva senza problemi in macchina, vedete voi come fare. Con la mia soluzione sono circa 50 minuti in più a piedi per  tratta.

malga pramper rifugio pramperet


malga pramper rifugio pramperet

PRATORONT
Dal parcheggio seguiamo la strada che sale nel bosco con dolce pendenza. Passiamo sulla destra l'invaso artificiale nei pressi di Castelaz. e iniziamo ad ammirare le prime vedute sul Monte Pelmo e Monte Punta per poi raggiungere più avanti il "famoso" parcheggio di Pian de la Fopa.

malga pramper rifugio pramperet

In estate c'è un servizio navetta che parte da qui per la malga, oggi, invece, non ce n'è bisogna perchè, nonostante sia giornata di festa, non c'è nessuno.
Da qui inizierebbe la vera escursione. E volete sapere una cosa? Da questo punto in poi la strada è asfaltata!! Sembra una beffa!
Dove possono passare le macchine buche e massi, dove si può camminare a piedi, asfalto!

malga pramper rifugio pramperet

Polemiche a parte, la strada costeggia per buona parte il corso del torrente entrando sempre di più nella Val Pramper.

malga pramper rifugio pramperet

PIAN DE PALUI
Poi si inizia a salire su comodi tornanti fino a raggiungere i bellissimi prati di Pian de Palui dove si può ammirare una bellissima vista sugli Spiz di Mezzodì, bellissime cime dolomitiche che ci hanno fatto compagnia per gran parte della prima parte dell'escursione.

malga pramper rifugio pramperet

malga pramper rifugio pramperet

malga pramper rifugio pramperet

MALGA PRAMPER
Alla fine del prato si continua su stradina fino a raggiungere la vicina malga Pramper 1540 metri. Da qui la vista spazia sul Castello di Moschesin, Monte Pramper e Spiz di Moschesin. 

malga pramper rifugio pramperet

Davvero una posizione suggestiva! Purtroppo la malga è chiusa a causa delle restrizioni per il  corona virus, quindi, fatte le foto di rito proseguiamo la nostra escursione seguendo la segnaletica per il rifugio Pramperet. Abbandoniamo la comoda strada forestale che ci ha accompagnati fino alla malga e ci intrufoliamo in un sentiero tipico da vera escursione trekking!

malga pramper rifugio pramperet

Ci lasciamo alle spalle gli abeti e ci immergiamo tra i pini mughi attraverso un sentiero che sale ora più ripido, attraversa un piccolo ghiaione con materiale franato e ritorna poi nel bosco. Seguiamo l'andamento del versante attraversando un piccolo ruscello/cascatella e vediamo la segnaletica per il rifugio che ci dice altri 20 minuti di cammino.

malga pramper rifugio pramperet

malga pramper rifugio pramperet

malga pramper rifugio pramperet

RIFUGIO PRAMPERET
Da qui ancora un po' in salita e raggiungiamo un ampio prato dove è situato il rifugio Sommariva Pramperet!
La posizione ci invita per un pranzo a sacco panoramico ammirando queste bellissime vette dolomitiche, ma anche a un po' di riposo dopo tanta salita. In pratica sono state 2 ore e 50 di cammino e 850 metri di dislivello.

malga pramper rifugio pramperet

malga pramper rifugio pramperet

Pure qui pochissima gente! Sembra incredibile che un posto così bello sia poco conosciuto. Forse verranno tutti in agosto :)) Meglio così!
Il ritorno lo effettuiamo seguendo lo stesso sentiero dell'andata riducendo di molto i tempi :))
Cosa dire di questa escursione? Ero partito con poche pretese, invece mi è piaciuta molto: bei panorami, ambienti selvaggi su comodi sentieri. Ve la consiglio!

VEDI ANCHE:

2 commenti:

  1. Caro Andrea, un grazie infinite di questa bella carrellata di belle foto.
    Ciao e buona giornata con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso 

    RispondiElimina
  2. Devo ammettere che il blog è davvero interessante. Non ho visto che qualcuno può avere un tale talento per i blog. Puoi leggere la perdita di peso su https://ecobazar.it/

    RispondiElimina