venerdì 26 dicembre 2014

Monte Grappa Outdoor Park: nordic walking a contatto con la storia

La settimana scorsa ho accettato volentieri l'invito da parte di Discovering Veneto per partecipare alla presentazione del Monte Grappa Outdoor Park a Crespano del Grappa. Conosco abbastanza bene la zona del Monte Grappa, ma purtroppo non ho mai avuto l'occasione di rimanere per più di un giorno. Questo weekend, invece, sarà l'occasione per scoprire a fondo tutto quello che quest'area, compresa tra il fiume Brenta e il Piave, ha da offrire al visitatore.
Lo scopo di questi due giorni è l'assaporare con calma la bellezza delle colline e delle montagne, attraverso itinerari nordic walking, abbinati al richiamo della storia e della cucina tipica della zona.
Posso riassumere questo weekend sulle terre del Grappa in quattro tematiche principali:

NATURA E AMBIENTE
Il Monte Grappa Outdoor Park comprende più di 50 itinerari di vari livelli che si snodano tra le colline trevigiane e il Monte Grappa, incrociando più volte i luoghi della Grande Guerra, la strada del vino e i Colli Asolani. Tutti i percorsi sono quindi tematici proprio con lo scopo di valorizzare il patrimonio storico ed artistico del territorio, dei prodotti enogastronomici e dei luoghi della memoria della Grande Guerra.
L'area in questione è molto estesa ed offre una grande varietà ambientale, dalle praterie alpine alle brughiere, dalle malghe e rifugi, dai sapori dei formaggi tipici e del miele, alle foreste di faggio e pini.

monte grappa outdoor park
vista sui colli di Asolo




Il nostro itinerario chiamato dei Tre Busi ci porta, con un lieve dislivello, al santuario della Madonna del Covolo e, poco più avanti, alla sorgente dei Tre Busi, dove la leggenda ha attribuito alla Madonna il miracolo dello sgorgare dell'acqua dalle tre sorgenti. Il percorso è molto semplice e, accompagnati da maestri nordic walking, ci inoltriamo nel bosco, per poi ritornare al santuario dopo circa due ore. 


monte grappa outdoor park
santuario Madonna del Covolo

Il secondo itinerario, invece, si snoda ai piedi dei Colli Asolani, circondati da chiese e castelli, e con un ottima visuale sulla pianura veneta. Ovviamente l'estate e la primavera sono i periodi migliori per effettuare escursioni in questa zona, ma pure a dicembre le montagne regalano emozioni sempre suggestive.


monte grappa outdoor park

STORIA
Il Monte Grappa è stato teatro della prima e seconda guerra mondiale, ferite che hanno lasciato ancora il segno lungo le vecchie trincee, gli antichi camminamenti sulle creste più impervie e, soprattutto, sull'ossario di Cima Grappa.
Un'interessante scoperta è stata la visita al nuovissimo museo di Crespano del Grappa dedicato alla Prima Guerra Mondiale. In due grandi sale troviamo numerosi reperti ritrovati in zona e sulle aree dolomitiche, tutti donati dal signor Bruno Xamin, che, nel corso della sua vita, ha raccolto veramente di tutto: granate, trincee, barelle, munizioni e tantissimo altro ancora. Non immagino come doveva essere casa sua prima della consegna dei reperti al museo!

monte grappa outdoor park
reperti della Grande Guerra nel museo Bruno Xamin a Crespano del Grappa

monte grappa outdoor park

Grazie alle spiegazioni del sig. Xamin la visita è stata più completa ed emotiva: ci ha raccontato delle sue escursioni sui monti alla ricerca di materiale bellico e della vita durante i combattimenti sul Monte Grappa, dove ancora oggi sono sepolti, presso il grande Ossario di Cima Grappa, 23 mila giovani. Il museo è aperto solo il sabato e la domenica, ed è meglio fare una telefonata per una riconferma dell'orario prima di partire.

monte grappa outdoor park
parrocchiale di Crespano del Grappa

monte grappa outdoor park

La storia delle dolci colline vicino al Monte Grappa non è però solo guerra e tragedia: a pochi chilometri di distanza troviamo Possagno, paese natale di Antonio Canova, massimo esponente del neoclassicismo, dove visitiamo il famoso Tempio, progettato dal Canova stesso e ispirato alle forme del Pantheon. 


possagno canova
tempio canoviano a Possagno
possagno canova gipsoteca
vista di Possagno

monte grappa outdoor park
ingresso alla Gipsoteca

Non rimaniamo molto all'interno del Tempio, scendiamo la lunga scalinata che conduce al paese ed arriviamo all'ingresso della Gipsoteca, la casa natale del Canova, dove incontriamo la nostra guida, il signor Giancarlo, ad attenderci. Ero già stato qui anni fa, senza guida e completamente impreparato, e devo ammettere che non ero rimasto molto impresso. Certo, i modelli erano bellissimi, ma si passava da una statua all'altra senza capirne il significato. Il signor Giancarlo, invece , ci ha talmente coinvolto che siamo rimasti più del tempo previsto, raccontandoci trucchi e segreti del Canova ,oltre che alla storia delle figure mitologiche più famose. Avevo proprio bisogno di un bel ripasso di storia! Consiglio vivamente a chi avesse intenzione di visitare la Gipsoteca di prepararsi in anticipo e prendere parte a una delle tante visite guidate. Il lato negativo è che non si possono fare foto, pertanto lascio a voi l'immaginazione delle bellissime Tre Grazie o di Amore e Psiche!

SAPORI
Visitare la Pedemontana del Monte Grappa significa anche scoprire antiche e genuine tradizioni gastronomiche, ancora legate al territorio. In questa zona la cucina è spesso abbinata con l'ospitalità: tantissime sono le malghe e gli agriturismo di montagna dove provare le specialità locali. Specialità che abbiamo avuto modo di assaporare presso l'agriturismo San Giorgio, in località Cavaso di Tomba, un menù fisso che sembra quasi un pranzo di nozze! Specialità salame, o meglio “soppressa”, con polenta, ottimo!

monte grappa outdoor park agriturismo
agriturismo San Giorgio


DORMIRE
Ebbene si, dopo tutto questo camminare e mangiare è arrivato anche il momento di dormire. Per questi due giorni abbiamo fatto base a Paderno del Grappa, presso l'hotel San Giacomo, un ottimo quattro stelle dove abbiamo anche usufruito del ristorante per la cena e, manco a dirlo, mangiato divinamente. 

hotel san giacomo paderno del grappa
camera hotel San Giacomo

hotel san giacomo paderno del grappa
colazione hotel San Giacomo

Finisce così questa due giorni alla scoperta del Monte Grappa Outdoor Park, una terra lontana dai classici itinerari turistici ma con molte cose da offrire e da assaporare. Un ottimo spunto per la prossima estate!


34 commenti:

  1. Che bellezza e quante bontà:-)!!! Un ottimo preludio alle feste natalizie eh??

    RispondiElimina
  2. Buon Anno 2015 a te e Famiglia passa bene.

    RispondiElimina
  3. Buone feste natalizie Andrea!!!
    Passa a trovarmi VeryFP

    RispondiElimina
  4. Bellissimi posti... auguri di buone feste Andre, ti abbraccio!!!!!

    RispondiElimina
  5. non conoscevo questi posti. belli davvero. buone feste, paola

    RispondiElimina
  6. Sono posti molto belli cui sono legati tanti ricordi, purtroppo spesso non piacevoli, ma che sanno anche offrire belle tradizioni e tante piacevolezze. Buone feste caro Andrea!

    RispondiElimina
  7. Fantastici questi posti... ogni volta faccio il pieno di bellezza e mi pare di aver viaggiato davvero :) Grazie e complimenti, buone feste! :)

    RispondiElimina
  8. frequento molto l'altopiano di asiago ma qui ci sono stata poche volte. davvero utile. buone feste!

    RispondiElimina
  9. Panorama mozzafiato, e fin qui ci siamo, ma quel piatto di salumi e polenta cosa non è??
    Un abbraccio
    Eva e Valentina the anarCHIC

    RispondiElimina
  10. Un post pieno di cose interessanti, anche dal punto di vista culinario! Grazie come sempre Andrea, tantissimi auguri per il nuovo anno, un abbraccio :)

    RispondiElimina
  11. che spettacolo questi posti che visiti Andre
    Ti auguro un felice Anno Nuovo
    un abbraccio
    http://tr3ndygirl.com

    RispondiElimina
  12. Have a super adventurous 2015 boy! xxx

    www.stylentonic.com

    RispondiElimina
  13. Sono luoghi che purtroppo non conosco molto.. Grazie per avermeli fatti scoprire..

    RispondiElimina
  14. Best wishes for a marvellous 2015:)
    Καλή Χρονιά!

    http://beautyfollower.blogspot.gr

    RispondiElimina
  15. Buon anno Andrea!
    http://www.emiliasalentoeffettomoda.com/

    RispondiElimina
  16. Ciao Andrea, scusa per l'assenza prolungata ma con tutte queste feste accendere il pc e trovare un attimo è u'impresa -.-'
    Ti auguro un felice anno nuovo, spero sia ricco di escursioni e post interessanti e utili come questo ;D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie per il commento! buon anno anche a te :)

      Elimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...