Escursione alla cascata Ru de Assola e Malga Ciauta da Borca di Cadore

Come prima escursione dell'anno non potevamo trovare una giornata migliore! Siamo appena agli inizi di Maggio e le temperature sono praticamente estive, quasi trenta gradi a mezzogiorno: la giornata ideale per fare un'escursione sulle Dolomiti senza preoccuparsi del tempo e della pioggia. Mete di questo giro sono la cascata Ru Da Assola e la Malga Ciauta!
Partiamo come al solito di prima mattina da Mestre e praticamente arriviamo a Borca di Cadore senza incontrare una macchina per strada. Magari fosse sempre così, specialmente in estate!


malga ciauta cascata ru da assola


Una volta arrivati in centro paese, svoltiamo a sinistra seguendo le indicazioni dei campi sportivi e parcheggiamo la macchina nei pressi della parrocchia SS. Simone e Taddeo.
Da qui iniziamo la nostra escursione, studiata un po' su internet su suggerimento di alcuni blogger, e un po' su qualche libro di escursionismo, che ci porterà subito alla cascata Ru da Assola per poi proseguire fino alla malga Ciauta.
Attraversiamo il ponte sul torrente Boite e troviamo subito un bivio con due indicazioni: a sinistra il sentiero per la cascata e a destra il sentiero CAI n. 476. I due sentieri, come si vede nella piantina corrono paralleli, separati solo dal torrente e si dovrebbero poi unire nei pressi della cascata, cosa che purtroppo non è così.

CASCATA RU DE ASSOLA
Noi prendiamo la mulattiera che va a sinistra e, salendo attraverso il bosco con splendide vedute su Borca e San Vito di Cadore, raggiungiamo dopo circa un'ora la cascata Ru de Assola a quota m. 1100, detta anche del cucchiaio data la sua tipica forma. Qui troviamo dei tavoli per pic nic e delle panchine per ammirare il panorama. Si può anche, con attenzione, avvicinarsi di più alla cascata, avvolti da spruzzi e dal fragore dell'acqua forte come un tuono.


malga ciauta cascata ru da assola

malga ciauta cascata ru da assola

Fatte le foto di rito, cerchiamo le indicazioni per il sentiero N. 476 per raggiungere l'altra parte del torrente (come descritto da vari siti internet), ma a nostra sorpresa non ce ne sono. C'è solo un sentiero che continua sulla sinistra della cascata che decidiamo di prendere convinti che, prima o poi raggiunga, il tanto sperato sentiero n. 476. Invece, purtroppo, non è così. Il sentiero si fa molto più ripido fino a farci dubitare che sia quello giusto e arriviamo alla fine in un vasto prato con uno chalet privato con una vista incredibile sull'Antelao. Questa si che è una casa!! Pure Heidi morirebbe di invidia!

malga ciauta cascata ru da assola

malga ciauta cascata ru da assola

Per fortuna questa casa sperduta nel bosco è abitata e il gentile proprietario ci dice che siamo fuori itinerario ma ci conforta il fatto che non siamo gli unici ad essere finiti lì. Anzi ci dice che questo capita spesso. Per fortuna la nostra escursione non è andata persa; continuando sempre per il sentiero ormai senza numero, si arriva alla strada asfaltata che da Vodo di Cadore arriva alla malga Ciauta.

MALGA CIAUTA
Dopo mezz'ora di strada asfaltata vediamo finalmente il primo cartello per la malga. Ovviamente la nostra sfortuna non finisce qui: la malga è chiusa! Visto il periodo, inizi di Maggio, questo me lo potevo immaginare ma quello che dà un po' fastidio  è che l'apertura è prevista per la domenica successiva. Peccato!
La malga comunque sorge al centro di un'ampia spianata in una splendida posizione panoramica. Circondata ad est dal Sorapiss, Marmarole, Antelao e ad ovest dal Pelmo, è costituita dalla “casera” e da un caseificio per la lavorazione del latte. Oltre ai formaggi di produzione propria, si possono (quando è aperta) degustare piatti locali della cucina dell'alto Cadore.

malga ciauta cascata ru da assola

malga ciauta cascata ru da assola

malga ciauta cascata ru da assola

malga ciauta cascata ru da assola

Pranziamo a sacco nelle panchine esterne della malga e ci gustiamo questo bellissimo panorama, avvolti da un'incredibile silenzio rotto solo dal vento e dai suoni della natura.

malga ciauta cascata ru da assola


Per il rientro dobbiamo seguire il sentiero n. 475. Il problema è che, subito dopo la malga, non ci sono più segnalazioni. Prendiamo a caso, o meglio ad intuito, un sentiero che entra nel bosco sperando che sia quello giusto ma scopriamo che, dopo mezz'ora di cammino, finisce nel nulla. Ritorniamo quindi alla malga e controlliamo con precisione la presenza di altri cartelli e troviamo questo:

malga ciauta cascata ru da assola

AHHA Ormai dovrei essere abituato a queste cose in provincia di Belluno, ma ogni volta è una sorpresa! Purtroppo essendo la malga chiusa e non trovando persone in giro a cui chiedere informazioni bisogna affidarsi solo alla segnaletica e questa certo non aiuta.
Capiamo quindi qual è il sentiero giusto da prendere e, dopo circa un'ora abbondante di discesa nel bosco, arriviamo nell'abitato di Villanova con una splendida vista sulla Val Boite. Da qui ancora qualche minuto di passeggiata e arriviamo al parcheggio dove abbiamo lasciato la macchina.

malga ciauta cascata ru da assola

Vista la bellissima giornata di sole, prima di andare a casa,  prendiamo la macchina e facciamo una breve sosta al lago Mosigo, vicino a San Vito di Cadore, dove ci fermiamo per un meritato gelato.
Finisce qui questa domenica tra le dolomiti bellunesi, baciati dalla fortuna di aver trovato temperature estive e anche i sentieri giusti per poter portare a termine l'escursione.

malga ciauta cascata ru da assola



SCHEDA TECNICA
PARTENZA: Ponte di Cancia, Borca di Cadore m. 910
ARRIVO: Malga Ciauta, m. 1552
DISLIVELLO: m 642


0 commenti:

Posta un commento