Il sentiero Viel del Pan, dal lago Fedaia al Pordoi, ammirando il ghiacciaio della Marmolada



Il sentiero Viel del Pan è di sicuro uno dei più panoramici e spettacolari di tutto l’arco alpino. Non solo perché si cammina ammirando la regina delle Dolomiti, la Marmolada, ma anche perché abbina ambienti unici che solo in questa zona si possono ammirare.

marmolada
la Marmolada e il lago Fedaia

Per il mio soggiorno in zona Marmolada ho scelto di alloggiare in Val Pettorina e più precisamente vicino al borgo di Sottoguda. Ho scelto questa zona perché la trovo più autentica e genuina rispetto alla più famosa Val di Fassa in Trentino. In particolare la mia scelta è ricaduta sul Pineta Pastry Hotel, un hotel pasticceria che possiamo definirlo il più goloso delle Dolomiti 😊
E’ bello svegliarsi alla mattina e assaporare il profumo dei croissants appena sfornati; un buongiorno che inizia direttamente dal buffet della prima colazione, un buffet davvero unico con una vastissima scelta di croissants: ci sono quelli con mirtilli e sambuco, pistacchio, marmellata etc etc e tantissime altre torte e paste finendo con gli ottimi krapfen 😊 Che bontà!


pineta pastry hotel
dolce colazione al Pineta Pastry Hotel a Sottoguda

viel del pan
Pineta Pastry Hotel
Fortuna vuole che siamo in montagna e non al mare. Qui in Marmolada Val Pettorina le giornate sono scandite al ritmo delle camminate e delle escursioni per rifugi. Passeggiate che richiedono molte energie e calorie e quindi ben venga una super colazione!!
Parto presto dal Pineta Pastry Hotel. Conosco bene il meteo sulla Marmolada. Al mattino è più probabile trovare un cielo senza nuvole ideale per fare foto, mentre, durante il giorno, sono possibili formazioni di cumuli e nuvole che possono nascondere il ghiacciaio.
La mia escursione al sentiero Viel del Pan inizia dal lago di Fedaia e più precisamente dal rifugio Marmolada (ex Castiglioni) dove lascio la macchina. Da qui attraverso la strada e vedo subito le indicazioni: sentiero 601 Viel del Pan.



viel del pan
salendo verso il Viel del Pan
Questo primo tratto di escursione è caratterizzato da una salita abbastanza ripida, a zig zag, che in circa mezz’ora supera 400 metri di dislivello e raggiunge la diramazione che condurrebbe anche a Porta Vescovo.
Da qui inizia il vero sentiero del Viel del Pan, così chiamato in ricordo degli antichi traffici, in special modo di farine di pane, che qui si svolgevano.
Proseguo lungo una mulattiera verso ovest con pendenza minima (ormai ho  già fatto tutto il dislivello) tagliando ripidi pendii erbosi da cui affiorano rocce eruttive e tenendo alle mie  spalle il ghiacciaio della Marmolada con il lago Fedaia. Impossibile non voltarsi mentre si cammina.
Che spettacolo!

marmolada
il ghiacciaio della Marmolada
Continuo sempre dritto e, dopo una curva a destra, si apre un bellissimo panorama sul monte Sella. Rimango poco qui, di sicuro più avanti i panorami saranno più vasti e maestosi. Di nuovo in marcia e raggiungo, dopo un’ora e trenta dalla partenza, il rifugio Vièl del Pan, a m. 2132.


viel del pan
rifugio Viel del Pan in vista

viel del pan
arrivo in rifugio
Bellissimo il panorama sul lago Fedaia e sulla Marmolada.

viel del pan
splendido balcone panoramico sulla Marmolada

fedaia

Ma l’escursione al Vièl del Pan non è finita qui. Il sentiero continua sempre verso ovest fino a raggiungere, dopo venti minuti, il rifugio Baita Fredarola, in splendida posizione sul Passo Pordoi con monte Sella e Sassolungo in primo piano.


viel del pan
il sentiero Vièl del Pan

viel del pan
arrivo al rifugio Fredarola

fassa
cime dolomitiche
Ora sta a voi decidere se scendere al Passo Pordoi, in circa venti minuti, o di rimanere qui evitando così la salita al ritorno.
Decido di fare il pranzo a sacco presso il rifugio Fredarola e poi, visto il meteo minaccioso di pioggia, ritorno al lago Fedaia per lo stesso sentiero dell’andata, con una camminata totale di 4 ore e trenta.

viel del pan
l'uomo e la montagna

viel del pan
sempre ammirando la Regina delle Dolomiti
Di solito, dopo una bella escursione in montagna, faccio una sosta in rifugio per un bel dolce come premio 😊 Questa volta no. Complice è il Pineta Pastry Hotel e la sua formula in Dolce Pensione ¾. Al pomeriggio viene proposta, per gli ospiti dell’hotel, una merenda con i dolci della pasticceria. Impossibile resistere!

pineta pastry hotel
ritorno al Pastry Hotel Pineta

pineta pastry hotel
merenda del pomeriggio
Come impossibile è resistere al relax nel centro wellness “El Tabiè”: idromassaggio, saune, bagno turco sono perfetti dopo una giornata di cammino sui monti, soprattutto se abbinati ad uno dei tanti trattamenti previsti  legati alle tradizioni del territorio ma anche d’ispirazione orientale.

pineta pastry hotel
centro benessere "El Tabiè
Inoltre, interni caldi e accoglienti con molto legno e mobili tradizionali, una cantina fornitissima e un’accogliente ristorante completano la piacevolezza di questo splendido hotel che coniuga alla perfezione la tradizione delle Dolomiti con la moderna accoglienza turistica.

pineta pastry hotel
interni tipici alpini
Ma la giornata al Pineta Pastry Hotel non può che finire in dolcezza. Dopo la cena, con un gran buffet di verdure e menu a scelta, ecco il grande buffet di dessert, con tutte le specialità preparate dalla pasticceria! Ammetto che non ho mai visto così tanti dolci in un hotel :)

pineta pastry hotel
buffet di dolci durante la cena
Eh si, bisogna proprio cadere in tentazione e poi, come si dice qui al Pineta Pastry, se è in vacanza, non è peccato!

Scheda Tecnica: 
Lago di Fedaia m. 2056 -  Rifugio Viel del Pan 2462 - Rifugio Fredarola m. 2388 - Passo Pordoi m. 2240
dislivello m. 450
Tempo 4H30


Informazioni hotel: Pineta Pastry Hotel

NB. Condizioni speciali per tutti i lettori del blog :) 
Per tariffe, offerte o disponibilità, potete pure inviarmi una mail a andreapizzato76@gmail.com , ormai ho una buona esperienza in tema di hotel di montagna e sono felice di potervi aiutare :)
 

ALTRE COSE DA FARE IN AGORDINO:

Commenti

  1. stupendo! conosco benissimo

    RispondiElimina
  2. Mamma mia quanti ricordi il Passo Pordoi fatto in camper da bambina coi miei genitori, e poi il passo Sella uno dei miei preferiti. Vero il bello della montagna è anche poter mangiare tanto poi si brucia al mare invece mangiassi tutto quello che vorrei mi dovrebbero alzare dalla spiaggia con la gru XD XD mi manca molto la montagna spero un giorno di poter tornare :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh si :) almeno in montagna si cammina :))

      Elimina
  3. O mamma...questo sarebbe il mio posto! Che dolci meravigliosi :)
    La passeggiata è davvero obbligatoria, ma un obbligo molto piacevole.
    Buona settimana.

    RispondiElimina
  4. La Marmolada è proprio una splendida montagna. Ormai non faccio che scriverti che voglio tornare in questi magnifici posti, ma non mi decido mai. Mi devo dare una mossa!!!! Un abbraccio e continua a darmi informazioni, che prima o poi arrivo :)

    RispondiElimina

  5. Immagini meravigliose, posto meraviglioso per trascorrere una vacanza.
    perfetto Menu, come molte delizie!

    Baci, buona notte!

    RispondiElimina

Posta un commento

Disclaimer

I contenuti presenti sul blog "Montagna di Viaggi" dei quali è autore il proprietario del blog non possono essere copiati,riprodotti,pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all'autore stesso. E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma. E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore. Copyright © 2010 - 2015 Montagna di Viaggi by Andrea Pizzato . All rights reserved P.I. 04452280276