Escursione sul sentiero delle Due Rocche, Colle di San Giorgio e osservatori Grande Guerra da Maser

Il sentiero delle Due Rocche, assieme al Colle di San Giorgio e agli osservatori della Grande Guerra, sono stati la meta di questa giornata soleggiata di Pasquetta
In realtà oggi effettuo solo una parte del sentiero delle Due Rocche visto che la lunghezza da Asolo a Cornuda è di 15 chilometri e, per tornare indietro, servirebbe la presenza di una seconda auto, oppure, l'utilizzo dei mezzi pubblici, ma sappiamo tutti in Italia come funzionano, soprattutto nei giorni festivi.
Decido quindi di iniziare il mio giro da Coste di Maser, dove lascio la macchina nei pressi della chiesa.

colle san giorgio maser
vista sulla pianura dal Colle di San Giorgio
NB. In molti consigliano di salire con l'auto fino al parcheggio situato alla fine di via S. Vettore e da lì proseguire a piedi risparmiando circa 20/25 minuti, ma, immaginando come poteva essere un piccolo parcheggio durante la giornata di Pasquetta, ho preferito partire dall'inizio. Ed ho fatto bene, visto che ho trovato difficoltà anche in centro paese.

Complice di questo affollamento, oltre al fatto di essere a Pasquetta, è la bellezza del panorama che si ammira dal Colle di San Giorgio. Una bellissima passeggiata che parte seguendo la strada sulla destra della chiesa di Coste, costeggia la piccola cappella di S. Vittore e Corona e sale fino a raggiungere il piccolo parcheggio dove è situata la casa degli alpini.

colle san giorgio maser
in partenza da Coste di Maser

colle san giorgio maser
il parcheggio presso la casa degli alpini
 
Tenete presente che in provincia di Treviso la segnaletica in genere non è buona, quindi in certi punti dovrete utilizzare un po' di fantasia e di orientamento, ma se seguite le mie indicazioni dovrebbe essere più facile.
Al parcheggio ci sono due strade. Prendo quella che va a destra (c'è un cartello con numero 53) e che scende per un po' nel bosco. Più avanti trovo un bivio senza segnaletica, vado a sinistra e inizio a salire prendendo sempre più quota fino a raggiungere, dopo circa 20 minuti dal parcheggio della casa degli alpini, il sentiero delle Due Rocche, segnalato con il numero 1. Per fortuna mi ero già informato prima di partire e so che a questo punto devo svoltare a destra per raggiungere il Colle di San Giorgio. Continuo per un po' sul sentiero 1 e poi prendo una piccola deviazione a destra che mi conduce al belvedere del Colle di San Giorgio con la tipica cappella bianca visibile ad occhio nudo dalla pianura! Che panorama!! Dalle foto si può capire di non essere stato l'unico ad avere scelto questa meta oggi, ma penso di sicuro di essere stato l'unico a venire da solo :(

sentiero due rocche asolo

sentiero due rocche asolo
Colle San Giorgio
Ovviamente foto a manetta e ritorno alla deviazione di prima Da qui proseguo verso la forcella Mostaccin sempre nel bosco e sempre con il sentiero 1, con vedute sul Grappa e Cesen. Il sentiero finisce sulla strada provinciale, la seguo andando a destra fino a raggiungere la forcella, luogo amato da tutti i ciclisti.
Magicamente compaiono i primi cartelli della Grande Guerra, un po' arrugginiti ma significa che sono sul posto giusto.
Seguo fedelmente il sentiero numero 1 (quello che in teoria conduce a Cornuda) e finalmente arrivo alla parte dedicata al Sentiero Storico del Collalto.

grande guerra treviso
cartello arruginito con le spiegazioni della Grande Guerra

sentiero due rocche asolo
segnaletica lungo il percorso

Da qui in salita si raggiungono i primi camminamenti e gallerie che servivano come rifugio o deposito. In questa zona molte postazioni di artiglieria sparavano verso il Piave in direzione del monte Tomba. Dagli osservatori di guerra posti sul monte Collalto e sul Sùder le truppe italiane potevano controllare le linee nemiche disposte sul Piave, dal ponte di Fener fino a Nervesa della Battaglia e, più a est, fino al mare. Le gallerie, i ricoveri e gli avvallamenti che si trovano in questa zona, dovevano permettere un'adeguata difesa se le truppe nemiche avessero sfondato la prima linea.

sentiero due rocche asolo

sentiero due rocche asolo


Ecco allora che decido di andare a vedere l'osservatorio Marocco, situato un po' più avanti e che si raggiunge con una comoda passeggiata nel bosco.

grande guerra asolo
all'interno dell'osservatorio Marocco

grande guerra maser
osservatorio Marocco
L'osservatorio permette di avere una grande visuale dal Piave a Venezia, dal Monte Grappa al Cesen. Trovo un cartello semi arrugginito dove si racconta un po' della storia del posto (mi chiedo se non si poteva fare meglio) ed è arrivato il momento di un po' di riposo...silenzio e panorama! Nonostante la folla trovata sui sentieri precedentemente, qui non c'è nessuno. E' incredibile quanta differenza possano fare pochi minuti in più di cammino.

grande guerra maser
vista sulla pianura

grande guerra maser
com'era la situazione 100 anni fa

Per ritornare seguo lo stesso sentiero dell'andata, passo per Forcella Mostaccin, Colle San Giorgio e, una volta incrociato sulla sinistra il sentiero che viene da Coste di Maser, fatto all'andata, vado diritto e prendo quello successivo che mi riporta poco dopo alla casa degli Alpini e poi, sempre in discesa, al parcheggio in centro paese.

grande guerra maser
zoom sul monte Grappa, si riesce a vedere il sacrario in cima

sentiero delle due rocche


sentiero delle due rocche
zoom su Possagno
Finisce così una bellissima escursione panoramica sui Colli Asolani, tra natura e Grande Guerra, sperando che questa sia l'ultima Pasquetta in solitaria.

due rocche


SCHEDA TECNICA:
Parcheggio Coste di Maser - Colle San Giorgio, 1 ora
Colle San Giorgio - Forcella Mostaccin, 15 minuti
Forcella Mostaccin - Osservatorio Marocco, 40 minuti

ALTRE COSE DA FARE IN PROVINCIA DI TREVISO:


Commenti

Posta un commento

Disclaimer

I contenuti presenti sul blog "Montagna di Viaggi" dei quali è autore il proprietario del blog non possono essere copiati,riprodotti,pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all'autore stesso. E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma. E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore. Copyright © 2010 - 2015 Montagna di Viaggi by Andrea Pizzato . All rights reserved Partita Iva 04452280276