Da Cornello dei Tasso a Oneta lungo la Via Mercatorum

Una delle cose da vedere in Val Brembana è senza dubbio il borgo di Cornello del Tasso e quello vicino di Oneta. Ho avuto il piacere di visitare questi due borghi durante il mio soggiorno a Roncobello presso l'Hotel Orobie Alps Resort, un ottimo hotel a 3* con spa immerso nel verde e dall'ottima cucina.
Infatti, la mia giornata di visita a Cornello dei Tasso è iniziata con un'ottima prima colazione in hotel, una colazione dove ho trovato davvero di tutto, e l'ideale per fare un carico di energie!
Arrivare a Cornello dei Tasso è molto semplice: da Roncobello si scende verso Bergamo e, dopo cca 30 minuti, si arriva in paese. Per chi, invece, arriva da Bergamo, lo trovate dopo San Pellegrino Terme.

cornello dei tasso


orobie resort

orobie resort

VISITA CORNELLO DEI TASSO
Cornello dei Tasso è un borgo medioevale, arroccato su una roccia, a cui si può accedere solo a piedi. Cornello fu, durante il medioevo, un importante centro di scambi commerciali e di passaggio di persone e merci grazie alla presenza della Via Mercatorum.

cornello dei tasso

cornello dei tasso

cornello dei tasso

Il percorso della Via Mercatorum di Cornello era caratterizzato da una strada porticata, in cui, fino all'arrivo dei Veneziani nella bergamasca, si svolse l'unico mercato della Valle Brembana. Alla fine del Cinquecento i Veneziani decisero di costruire una nuova strada di collegamento tra Bergamo e l'alta Valle Brembana, che causò l'isolamento del borgo ma favorì la conservazione della sua struttura urbanistica medioevale originaria, visibile ancora oggi passeggiando tra le case di Cornello. Grazie anche a questa caratteristica è stato inserito tra i”Borghi più belli d'Italia”.

cornello dei tasso

LA FAMIGLIA TASSO
I Tasso, spostandosi da Cornello, si affermarono come corrieri postali all'interno della Compagnia dei Corrieri della Serenissima di Venezia, alla corte dei papi e degli imperatori asburgici come Massimiliano I d'Asburgo e Carlo V. Tra XV e il XVI secolo i Tasso rivoluzionarono il sistema della trasmissione delle notizie, a nord delle Alpi, prevedendo la presenza di stazioni di posta su percorsi prestabiliti, dove cavalieri e cavallo venivano sostituiti contemporaneamente il tempo di consegna della posta.

cornello dei tasso

IL MUSEO DEI TASSO
Il museo dei Tasso e della storia Postale è stato fondato nel 1991, in due edifici storici del borgo medioevale di Cornello. Il museo conserva e divulga la storia postale e la storia della famiglia Tasso

cornello dei tasso

SENTIERO DA CORNELLO A ONETA
Da Cornello si prende un sentiero che conduce al vicino paese di Oneta seguendo quella che una volta fu la Via Mercatorum. Calcolate circa trenta minuti a tratta! Il sentiero è davvero suggestivo perche supera diverse cascatelle e piccoli corsi d'acqua ed è quasi sempre pianeggiante. 

via mercatorum da oneta a cornello dei tasso

via mercatorum da oneta a cornello dei tasso
 
IL BORGO DI ONETA
Il borgo di Oneta si trova nel comune di San Giovanni Bianco e qui la tradizione individua la “casa di Arlecchino”. Le origini di Oneta risalgono probabilmente al periodo delle invasioni barbariche e la sua storia è legata a quella della nobile famiglia dei Grataroli: una potente famiglia locale i cui componenti vantavano ricchezze e fortune acquisite a Venezia. I Grataroli erano i proprietari del palazzo conosciuto come “Casa di Arlecchino”, che fecero decorare con degli affreschi, visibili ancora oggi, che testimoniano l'ascesa della famiglia. Il borgo è formato da un gruppo di antiche case, attraversate da vie porticate, su cui si affacciano portali in pietra, ballatoi in legno e l'ingresso alla chiesa del Carmine, che custodisce due tele del pittore Carlo Ceresa. 

via mercatorum da oneta a cornello dei tasso

LA MASCHERA DI ARLECCHINO
A metà del Quattrocento, molti bergamaschi, soprattutto delle valli, emigrarono a Venezia in cerca di fortuna, dando vita ad una comunità attaccata alle proprie origini e alla propria identità e manifestando delle caratteristiche comuni e stereotipate che entrarono a far parte della nascente letteratura popolare della laguna. Nacque così la maschera dello Zanni che identificava una figura rozza, sguaiata, tonta, dalla parlata rude, aspra e cadenzata. Con la commedia dell'Arte, nel Cinquecento, la letteratura popolare assunse connotati più raffinati e meno volgari e dallo Zanni nacque la maschera di Arlecchino, che incontrò enorme successo anche in Europa.

LA CASA MUSEO DI ARLECCHINO
La casa museo di Arlecchino si trova all'interno di Palazzo Grataroli. Il museo conserva una selezione di maschere dei personaggi della commedia dell'arte e un ciclo di affreschi che testimoniano l'ascesa della famiglia Grataroli attraverso l'intercessione dei santi taumaturghi legati alla devozione popolare.

via mercatorum da oneta a cornello dei tasso

RELAX IN HOTEL
Dopo la visita a questi due borghi sono ritornato a Roncobello per del sano benessere. Se cercate un hotel in Val Brembana posso consigliarvi di sicuro l'Orobie Alps Resort, un hotel a conduzione familiare in posizione tranquilla e con spa.
Una spa dove è presente sauna, idromassaggio, bagno turco, docce emozionali e una saletta relax panoramica dove potersi rilassare sorseggiando una tisana calda e ammirare le montagne. Inoltre ci si può distendere anche nei lettini presenti in giardino e prendere il sole!

orobie alps resort

orobie resort

Ottima anche la ristorazione. Vi avevo già descritto la mia esperienza al ristorante Al Vecchio Larice in Val Brembana, il ristorante dell'hotel. Anche questa volta è stato tutto davvero ottimo con i sempre presenti casoncelli (il mio piatto preferito), polenta taragna con funghi porcini e formaggio alla piastra, finendo con il dolce della casa. 

orobie alps resort

Un modo gustoso per concludere una giornata di visita a Cornello dei Tasso e Oneta.

INFO UTILI:
Per maggiori informazioni su Cornello dei Tasso e Oneta, visita i seguenti siti:
Museo Dei Tasso
Casa di Arlecchino

DOVE DORMIRE:
OROBIE ALPS RESORT 3*
Via Monica,  70
Roncobello (BG)
Sito Web: Orobie Alps Resort

ALTRE COSE DA FARE IN ZONA

1 commento:

  1. Caro Andrea, oltre a essere bello dalla prima all''ultima foto, vedo che si mangia pure bene!!!
    Ciao e buona giornata con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina