Pian delle Femene: escursione ad anello fino a Malga Montegal

L'escursione da Pian delle Femene a Malga Montegal è una delle più conosciute sulle Prelpi di Treviso nei pressi del Col Visentin e Bivacco dei Loff.

Il punto di partenza di questo itinerario è proprio il  Pian delle Femene raggiungibile in macchina dai laghi di Revine.

Lasciamo la macchina nel grande parcheggio, sistemiamo scarponi e zaino e siamo pronti per iniziare la nostra escursione!

Di fianco al monumento della partigiana, vediamo la segnaletica CAI 1033. Questa è la nostra direzione!  

Non illudetevi di trovare simili cartelli nel corso della camminata! Sia mai, costa troppo! Questa è l'ultima segnaletica che ci sarà nel percorso, le altre saranno pezzi di legno sopravvissuti ad intemperie o adesivi di corse trail. La cosa positiva è che la connessione internet è buona e quindi ci si può orientare con le mappe online sul cellulare.

 

pian de le femene

 

pian de le femene


SI PARTE DA PIAN DE LE FEMENE

Dal parcheggio seguiamo la traccia che sale all'inizio ripidamente e poi continua quasi pianeggiante,

Presto alla nostra sinistra possiamo vedere un colle sormontato da un cumulo di pietre dalla cui cima si può ammirare un bel panorama sulla pianura (tempo permettendo). Lo si raggiunge con una deviazione prendendo un sentiero (ovviamente non segnalato) sulla sinistra in pochi minuti. Vi lascio qui sotto la foto del punto dove parte sentiero.

 

pian de le femene

pian de le femene

Da qui si può vedere gran parte della pianura, la città di Vittorio Veneto, Conegliano, Treviso, le Colline del Prosecco e il Montello. Nelle giornate più limpide anche Venezia!

Purtroppo oggi il tempo è nebbioso e quindi non vediamo nulla :(( 

Ritorniamo sul sentiero principale 1033 e continuiamo a camminare fino a raggiungere località Casera Frascono con un bivio di sentieri e segnaletica. I cartelli sono questi:


pian de le femene


Chiaro vero?

Purtroppo manca l'indicazione per Malga Montegal. Controllo la nostra posizione sulle mappe online sul cellulare e intuisco che, in questo punto, bisogna andare a sinistra (l'adesivo Runbike delle malghe è un ottimo punto di riferimento).

Prima di prendere il sentiero andiamo, però, un po' avanti per vedere da vicino le “malghe” ristrutturate con vista panoramica.

 

pian de le femene

 

MALGA MONTEGAL

Fatte le foto ritorniamo al bivio di prima e prendiamo la strada forestale ( ad un certo punto diventa asfaltata) che si immerge fin da subito nel bosco e scende sempre più di quota fino a raggiungere Malga Montegal (in provincia di Belluno).

 

pian de le femene

pian de le femene

 

Prima della malga troviamo dei tavoli da pic nic e ci fermiamo per il nostro pranzo al sacco!

Ripreso le energie, iniziamo la strada del ritorno con destinazione Pian de le Femene.

 

VISTE SULLA VALBELLUNA

Nei pressi della malga c'è un cartello che indica il “percorso delle malghe” e lo seguiamo inoltrandoci tra i pascoli del fondovalle. Alle nostre spalle di apre un bel panorama sulla Valbelluna, un territorio che vi ho già descritto nel blog, soprattutto per la Grotta Azzurra di Mel, il Brent de l'Art,  il castello di Zumelle, e le Vette Feltrine.


pian de le femene


Arriviamo ad un bivio, questo:

 

pian de le femene

Pure qui tutto chiaro :(

 

LE ZERCOLE

Se andate a destra raggiungerete l'agriturismo Le Zercole (c'era tantissima gente) , mentre, andando dritto, si entra nel bosco e ci ricongiunge con la strada che arriva dall'agriturismo. Vanno bene quindi tutte e due!

Ora esce anche un timido sole. La speranza è che al nostro ritorno a Pian de le Femene si possa vedere almeno uno spiraglio di panorama.


pian de le femene


pian de le femene

RITORNO A PIAN DE LE FEMENE

Dopo il tratto pianeggiante dei pascoli, il sentiero inizia a salire costantemente, passiamo una sorgente e raggiungiamo finalmente la strada asfaltata. Qui troviamo questi cartelli:


pian de le femene

Dovete andare a sinistra! Seguiamo la strada asfaltata e, dopo una curva, raggiungiamo Pian de le Femene dove abbiamo lasciato la macchina questa mattina.

 

pian de le femene


 

Cosa dire di questa escursione? Se devo essere sincero non mi è piaciuta molto. Purtroppo siamo stati sfortunati con il meteo. Il panorama è di sicuro la cosa più bella di questa escursione ma, per colpa di nuvole e nebbia, non abbiamo visto niente.

Magari voi sarete di sicuro più fortunati! Fatemi sapere com'è andato il vostro giro!

 

Vedi anche la sezione dedicata alle escursioni TREKKING e al VENETO

 

 

4 commenti:

  1. E per fortuna che si possono consultare le mappe dal cellulare. Cmq anche se nuvoloso paesaggi belli da togliere il fiato. Quel verde intenso regala una serenità immensa :)

    RispondiElimina
  2. ma mettere un cartello in più?

    RispondiElimina