mercoledì 23 ottobre 2013

Rifugio Dal Piaz e monte Pavione

Il rifugio Dal Piaz e la cima del monte Pavione rappresentano una delle escursioni più importanti all'interno del parco nazionale delle dolomiti bellunesi. 
Ammetto che non è la mia zona preferita dove fare escursioni trekking. Ancora non capisco come sia stato dato il titolo di parco nazionale a quest'area, ma non avendo voglia di alzarmi presto per andare sulle vere dolomiti, rimaneva una delle poche alternative presenti vicino casa.  Eccoci quindi, in questa ultima domenica di settembre in partenza per Feltre e Croce d'Aune, con la speranza di venire smentito :))
Parcheggiamo la macchina nel grande piazzale di  Croce d'Aune a m. 1050 e iniziamo a seguire il sentiero n 801 verso nord, a fianco della piccola chiesa, attraversando case di vacanze e appartamenti . Si entra poi nel bosco salendo ripidamente con belle vedute sulla valle del torrente Cismon:

rifugio dal piaz e monte pavione
in partenza da Croce d'Aune

rifugio dal piaz e monte pavione
sentiero 801

rifugio dal piaz e monte pavione

Il sentiero è sempre dritto ma con una pendenza abbastanza impegnativa, in totale si impiegherà circa 2h30 ore per completare il dislivello di 1000 metri che separano il passo Croce d'Aune al rifugio Dal Piaz.
Dopo aver superato il bosco, seguendo sempre il ripido sentiero 801, si apre davanti a noi il bellissimo panorama delle vette feltrine, immerse nello scenario del parco nazionale delle dolomiti bellunesi. Avevo letto in internet prima di partire che la zona è spesso interessata da nebbie e nuvole basse. Purtroppo anche noi non siamo fortunati, incontriamo le prime nuvole appena superato il margine del bosco e ci faranno così compagnia fino al rifugio Dal Piaz.

rifugio dal piaz e monte pavione
vista sulle prealpi feltrine

rifugio dal piaz e monte pavione
nebbia sulle vette feltrine
Il sentiero prosegue poi con ampi tornanti che possono essere evitati prendendo delle ripidissime scorciatoie con parziali vedute (causa nebbia) delle vette feltrine e riusciamo poi a vedere alla fine anche il rifugio Dal Piaz immerso nelle nuvole a m. 1995.
Non appena arrivati in rifugio scopriamo con piacere che è in corso una festa del 50 anniversario. Tantissima gente con annesso il coro degli alpini di Feltre! Ne approfittiamo degli stand gastronomici allestiti per l'occasione e facciamo un veloce pranzo a base di canederli. Il prezzo però è da paura! Per non parlare della quantità. Faccio sempre bene a portarmi un pranzo a sacco con frutta o snack per le emergenze! Oggi mi è proprio servito!

rifugio dal piaz e monte pavione
rifugio dal piaz

rifugio dal piaz e monte pavione
la foto non rende l'idea di quanto mignon siano

rifugio dal piaz e monte pavione
coro alpini per festeggiare l'anniversario del rifugio

L'escursione però non finisce qui. Dal rifugio Dal Piaz partono numerosi sentieri per andare alla scoperta del parco nazionale delle dolomiti bellunesi. Noi decidiamo di intraprendere la salita alla vetta del monte Pavione a m. 2335,  utilizzando il sentiero n 817 che parte dal passo delle vette grandi (vicino al rifugio) e arriva in circa 1h30 in cima. La salita si svolge lungo la cresta erbosa, un po' esposta ma niente di così pericoloso. Curioso è il fatto che non appena raggiungiamo la cresta si apre una bellissima giornata di sole e ci lasciamo le nuvole alle spalle! 


rifugio dal piaz e monte pavione
sentiero per il monte pavione

rifugio dal piaz e monte pavione
vista sulla busa delle vette

rifugio dal piaz e monte pavione
la cresta per raggiungere la vetta
 rifugio dal piaz e monte pavione

A quanto pare qui funziona così :)) Poco male, il panorama che si presenta ai nostri occhi è favoloso! Tutto il sentiero si svolge in salita e in discesa sulla cresta erbosa e una volta raggiunto il col di Luna  rimane l'ultimo tratto ripidissimo con stretti zig-zag per raggiungere la vetta. Da qui il panorama sulle vicine dolomiti delle Pale di san Martino e sulla valle di Primiero è incredibile:

rifugio dal piaz e monte pavione
arrivati!

rifugio dal piaz e monte pavione
vista su fiera di primiero e pale di san martino

rifugio dal piaz e monte pavione
un balcone sulle pale
 
Questa è l' escursione con più dislivello in assoluto che ho fatto: 1350 metri in salita! Per ritornare al rifugio Dal Piaz effettuiamo lo stesso sentiero dell'andata. Vorrei comunque segnalare la mancanza della segnaletica a metà percorso lungo la cresta: ad un certo punto, complice anche la nebbia, siamo arrivati ad un punto morto e solo ritornando indietro abbiamo trovato il sasso colorato di rosso seminascosto che indicava la giusta via del sentiero. Speriamo che in futuro venga posto rimedio.


rifugio dal piaz e monte pavione
 col di luna

rifugio dal piaz e monte pavione

rifugio dal piaz e monte pavione
tratto senza segnaletica al ritorno
 
Arriviamo al rifugio Dal Piaz nel tardo pomeriggio e lo troviamo ormai completamente deserto rispetto alla mattina. Sostiamo per una merita torta sacher fatta in casa e riprendiamo velocemente il nostro cammino per il passo Croce d'Aune dove arriviamo dopo circa due ore di ripida discesa che ha  messo a dura prova le nostre ginocchia.
 
rifugio dal piaz e monte pavione
questa non manca mai

rifugio dal piaz e monte pavione

Finisce qui questa bellissima escursione sul parco nazionale delle dolomiti bellunesi: fino ad oggi sempre un po' snobbato ma dopo questa bellissima esperienza mi sono ricreduto. 

Vedi anche tutte le mie escursioni in montagna 
Vedi anche: my veneto

55 commenti:

  1. Ottime foto, come sempre.... Bellissimo, stavolta, il contrasto tra zone che sembrano tipicamente autunnali (nebbia, sentieri cupi e ombreggiati) a spazi con cielo più o meno terso che sanno ancora d'estate :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie! mi sa che questa è l'ultima escursione estiva della stagione :((

      Elimina
  2. Bellissime foto! E che fame mi fanno quei canederli e quella sacher :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si! anche se erano in formato mignon :((

      Elimina
  3. Bellissima gita e bellissime foto, complimenti :)

    RispondiElimina
  4. Bellessime foto, sembra che in qualche fotografie apparirà Heidi ;)
    http://tarragonain.blogspot.com.es

    RispondiElimina
  5. Che scatti Andrea!
    p.s. assaggerei volentieri il dolce :))))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si quello dopo una bella camminata non può mai mancare :))

      Elimina
  6. che belle le tue foto ;)
    lo sai che a furia di vedere i tuoi post mi stai facendo venire una voglia matta di montagne?
    tra il panorama fantastico e le torte al cioccolato, secondo me, rufugi e passeggiate in montagna sono luoghi da sogno
    buona serata a presto

    RispondiElimina
  7. Adoro la montagna...sarà che vivo in pianura?
    Bellissime foto tutte ma in particolare mi piace quella dove sembra di poter toccare le nuvole!
    Buona giornata
    Anna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie! ebbene si, per noi che veniamo dalla pianura la montagna ha un grande fascino:))

      Elimina
  8. Sono rimasta folgorata dal tuo blog e da ogni foto! E' un vero piacere seguirti!
    Sono senza respiro da tanta bellezza!
    Un bacione
    The diary of Indian Savage

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie! anche per me è un vero piacere :))

      Elimina
  9. Che paesaggi favolosi, adoro la montagna specialmente d'inverno! Foto meravigliose!
    Booona la torta al cioccolato!
    Buona serata!
    Passa a trovarmi VeryFP

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie! io invece la montagna d'inverno non riesco a frequentarla come vorrei :(( speriamo bene quest'inverno! ciao :))

      Elimina
  10. Gli scorci di montagna sono quanto di più bello possa esserci!!
    bellissime foto!
    Facebook: www.facebook.com/laviecestchic
    Blog:Http://laviecestchic.blogspot.it

    RispondiElimina
  11. Bellissime foto, un stupenda escursione!
    Alessia
    THECHILICOOL
    FACEBOOK
    Video outfit YOUTUBE
    Kiss

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie! si è stata una bella sorpresa :)) buona giornata!

      Elimina
  12. mai stata, anche se conosco molte persone che ci sono state e me ne hanno parlato bene. vediamo il prossimo anno

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eheh io ci sono andato quasi per caso :))

      Elimina
  13. Guarda Andrea , solo un miracolo potrebbe portarmi dove vai tu..ma la magia delle tue foto,la bellezza delle montagne, dei paesaggi , dei rifugi e la prelibatezza dei cibi..già mi fanno pensare di esserci stata!
    Grazie e ti abbraccio forte!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie! anche per me questa zona è stata una bella sorpresa :)) buona serata

      Elimina
  14. che foto magnifiche e che bei paesaggi :)
    mi farebbe piacere un tuo parere sul mio nuovo post
    ti aspetto ----> tr3ndygirl.com
    un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie! certo sarà fatto :)) buona serata

      Elimina
  15. La cosa più appagante, dopo camminate così faticose, è il raggiungere vette dalle quali sembra quasi di poter dominare il mondo.... Che soddisfazione!!
    Bellissime foto *.*

    buon we!
    Enza

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao! si hai pienamente ragione! quando si dice la fatica viene ripagata!

      Elimina
  16. Andrea dici che non è una delle tue escursioni preferite nei dintorni.. ma a me [da ignorante] sembra meravigliosa anche questa! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. era la prima volta che ci andavo. le escursioni che avevo fatto precedentemente nella zona non mi avevano entusiasmato :( questa invece si!

      Elimina
  17. woooow...che posti stupendi...ed i canederli sono buonissimiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii :P ti seguo assolutamente :)

    METAMORPHOSE CONCEPT
    FACEBOOK METAMORPHOSE CONCEPT

    RispondiElimina
    Risposte
    1. buonissimi però in questo caso anche pochi :(( grazie!

      Elimina
  18. Ti seguo con immenso piacere!
    Buona domenica Betta
    Betta & Bonny Blog

    RispondiElimina
  19. Io non amo la montagna intesa come faticose camminate in salita. Mi piace camminare tanto, ma sono una donna di pianura. Però i panorami sono bellissimi, quindi continua tu a faticare che io sto qui a gustarmeli. Mi sembra un onorevole compromesso :). La prima foto del Col di Luna mi piace: curioso vedere quelle pendenze così "levigate", sembrano spianate a mano. Che bravo che sei, è sempre un piacere viaggiare con te. Ciao. Marilena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ehhe allora speriamo in altre escursioni, buona domenica!

      Elimina
  20. Le foto sulla vetta sono da paura!! Non ho mai provato l'emozione di salire fin lassu ma una volta, prima o poi, dirotterò le mie vacanze per godermi quel panorama dall'alto. Buona domenica.

    RispondiElimina
  21. anche io in montagna qualche giorno fà
    amo i colori e i paesaggi di queste foto! davvero bellissimi scatti
    mi farebbe piacere un tuo parere sul mio nuovo post
    ti aspetto ----> tr3ndygirl.com
    un abbraccio

    RispondiElimina
  22. Che luoghi..un panorama mozzafiato, fotografie molto belle.
    Un proposta che merita un pensierino....
    Buona serata, Stefania

    RispondiElimina
  23. Andrea mi hai dato un'idea su una delle mie prossime escursioni, ovviamente con il pranzo a sacco :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao! bene mi fa piacere:)) pure io il prox anno sempre pranzo a sacco!

      Elimina
  24. Mi vengono le vertigini solo a guardare le foto! :D

    RispondiElimina
  25. Ciao Andrea,
    io in genere preferisco il mare, ma le tue foto e i tuoi racconti mi fanno venir voglia di montagna!!!
    buona settimana
    Sara

    RispondiElimina
  26. Ciao Andrea! Sto trovando la tua guida super interessante! Grazie davvero! Ho molta voglia di fare passeggiate in montagna, ma non sono molto esperta (sono una persona molto sportiva e coraggiosa, ma avrò fatto solo un paio di camminate in montagna). Dici che con le dovute cautele riuscirei anche a salire alla cima del Pavione? Mi piacciono anche molte altre escursioni di cui hai parlato, ma non so se abbiano una difficoltà eccessiva, non tanto per la fatica, ma per la tecnica! Forse sarebbe utile se aggiungessi alle tue già complete descrizioni, anche un indice di "possibilità". Grazie per l'eventuale risposta! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao, in effetti la cima del Pavione è un po' impegnativa per chi non è allenato. penso che il dislivello fatto sia già un ottimo riferimento, se ci sono parti pericolose di solito lo scrivo. cmq grazie forse è bene che scriva nei prox post il livello dell'escurssione :) ciao Andrea

      Elimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...