Escursione al rifugio Falier e malga Ombretta partendo da Malga Ciapela, ai piedi della Marmolada

L'escursione alla malga Ompretta e rifugio Falier è di sicuro l'escursione più suggestiva e conosciuta in zona Malga Ciapela.
Punto di partenza della mia escursione è Baita Dovich, l'hotel dove risiedo durante il mio soggiorno sulla Marmolada.
In pochi minuti di comoda discesa arrivo a Malga Ciapela; da qui seguo le indicazioni per il campeggio “Malga Ciapela”. Lo attraverso praticamente tutto e continuo sempre dritto passando accanto all'Agriturismo Malga Ciapela.

malga ciapela
il rifugio Falier ai piedi della Marmolada
Superato l'agriturismo, si segue fedelmente il sentiero n 610 che attraversa un ponticello di legno e inizia a salire ripidamente a tornanti nel bosco.

malga ciapela
si parte da Malga Ciapela
Arrivato ad un bivio, seguo il sentiero che va sulla destra ammirando tutto il dislivello appena percorso.. wow! 

malga ciapela
tutto il dislivello fatto da malga ciapela
In pochi minuti si entra in Val Ombretta. Da subito la visione della parete sud della Marmolada appare maestosa: un enorme bastione di roccia sembra rincorre guglie dolomitiche sfidando il cielo.

malga ciapela
salendo verso malga Ombretta

malga ciapela
la parete sud della Marmolada
Ora il sentiero si fa più dolce. Siamo nel cuore geografico delle Dolomiti. Mi lascio alle spalle il bosco e continuo fino a Malga Ombretta a m. 1904, Una piccola sosta per riposarsi e via di nuovo in marcia per l'ultimo tratto che mi condurrà al rifugio Falier.

malga ciapela
arrivati a Malga Ombretta

malga ciapela
ottimo lo yogurt con il miele
Eretto nel 1911, rappresenta uno dei primi rifugi alpini. Durante il primo conflitto mondiale fu incendiato e dopo la ricostruzione divenne un'importante base d'appoggio per scalatori o escursionisti che desiderano fare la traversata della Marmolada.

malga ciapela
verso il rifugio Falier

malga ciapela
sosta al rifugio Falier
Sosta per il pranzo a sacco e un po' di meritato riposo ammirando la parete delle Regina delle Dolomiti. Che spettacolo! Volendo, per chi ha voglia e tempo, si può raggiungere il Passo Ombretta, con il sentiero 610. Da lì il panorama è ancora più spettacolare.
In totale ho impiegato due ore ( solo andata) da Malga Ciapela per un dislivello complessivo di 550 metri.

malga ciapela
incontri tornando verso Malga Ciapela
Rientro per lo stesso sentiero, facendo una sosta a Malga Ombretta per un buon yogurt con miele e via di nuovo nel bosco, scendendo ripidamente a Malga Ciapela e Baita Dovich.
Qui trovo ad attendermi la cucina di Jacopo, lo chef di Baita Dovich. In pochi posti sulle Dolomiti ho mangiato così bene, lo consiglio a tutti, sia come soggiorno con la mezza pensione, sia come sosta a pranzo o a cena nel tipico ristorante dal fascino tradizionale.

baita dovich
Baita Dovich
dovich
i sapori della montagna
Assolutamente da provare le tagliatelle con pasta all'uovo fatte in casa con pastin e porcini, il carpaccio di carne salada con scaglie di Piave, il rotolino di crepes gratinato con radicchio di Treviso, ma anche uno dei classici delle Dolomiti Bellunesi, polenta con pastin ai ferri direttamente dalla macelleria di famiglia, finendo poi con un ottimo strudel di mele.

baita dovich
un ambiente caldo tipico di montagna
baita dovich
tradizione alpina
A Baita Dovich si può anche dormire: 13 camere tutte arredate in classico stile di montagna, che assicurano un soggiorno di relax nel cuore delle Dolomiti, ammirando la loro regina, la Marmolada.


NB. Condizioni speciali per tutti i lettori del blog :) 
Per tariffe e offerte, potete pure inviarmi una mail a andreapizzato76@gmail.com , ormai ho una buona esperienza in tema di hotel di montagna e sono felice di potervi aiutare :)


SCHEDA TECNICA:
Escursione registrata grazie all'applicazione View Ranger sul mio SmartPhone
view ranger

view ranger


Info Hotel: Hotel Baita Dovich - Malga Ciapela

ALTRE COSE DA FARE IN AGORDINO:

Commenti

  1. Luoghi incantevoli esaltati da splendidi click

    RispondiElimina
  2. queste persiane bianche celesti mi hanno fatto tornare in mente le case argentine... e il loro patriottismo ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah non le conosco :) grazie per le info :)

      Elimina

Posta un commento

Disclaimer

I contenuti presenti sul blog "Montagna di Viaggi" dei quali è autore il proprietario del blog non possono essere copiati,riprodotti,pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all'autore stesso. E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma. E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore. Copyright © 2010 - 2015 Montagna di Viaggi by Andrea Pizzato . All rights reserved P.I. 04452280276