Autunno sull'Alpe Cimbra, tutte le attività e gli eventi da non perdere

L'autunno è la migliore stagione per vivere le montagne dell'Alpe Cimbra. Una stagione che non è un passaggio fra le vacanza estive e quelle invernali sulle piste. E' un periodo pieno di esperienze e iniziative, di esplosioni di colori nelle foreste dell’Alpe, tra il profumo di funghi nei boschi e il relax nei wellness hotel. Una suggestione che merita essere scoperta a ritmo lento a pieno contatto con la natura, magari, accompagnati dalle guide naturalistiche del territorio, o dagli albergatori esperti che propongono weekend nella natura. Poi è il momento delle passeggiate per godersi i foliage spettacolari: e qui sull'Alpe Cimbra c'è davvero l'imbarazzo della scelta visto che il territorio è circondato da foreste e giganti del bosco, soprattutto nella zona attorno al famoso Avez del Prinzep.

alpe cimbra autunno

SAFARI ALL'ITALIANA
Tra tutte le attività che si possono fare in autunno, consiglio l'uscita per ascoltare il bramito del cervo, un safari che possiamo definire all'italiana. Da fare al tramonto, o nelle ore del buoi incerto, quando gli ultimi raggi di luce filtrano i larici e gli abeti. In questi momenti si può sentire un “urlo” che comunica rango e conquista. E' il bramito dei cervi in amore per formare il loro harem e intimorire i rivali.

alpe cimbra

Un'emozione da vivere assieme alle iniziative proposte dall'APT di Folgaria, Lavarone e Luserna

FOLIAGE PURA BELLEZZA
Settembre, ottobre novembre: sono i nuovi colori dei boschi a segnare l'inizio dell'autunno sull'Alpe Cimbra, meta di passeggiate nella natura. Come l'itinerario che da Folgaria, in poco più di due ore ore, raggiunge la cascata dell'Hofentol e il paese dipinto di Guardia. Volendo da qui si può scendere lungo uno stretto canyon e raggiungere castel Beseno: troverete un ambiente selvaggio e unico nel suo genere.

alpe cimbra autunno

alpe cimbra autunno

IL RICHIAMO DELLA FORESTA
Si chiama forest bathing, immersione nei boschi. In giapponese: shin-srin-yoku. Perche questo tipo di disclipina è effettuata da anni nel Paese del Sol Levante e conosciuta da studiosi ed esperti. Si cammina a piedi nudi nei torrenti (stimola la forza vitale), in silenzio nella foresta su muschi e aghi di pino (attiva la microcirolazione), si fa yoga, si abbracciano gli alberi (allontana gli stati depressivi) e si seguono tecniche di respirazione con un trainer del benessere. Nell'Alpe Cimbra, tra le abetaie e il profumo di pino mugo si fa forest bathing sul Monte Cornetto di Folgaria e in compagnia di un esperto di discipline naturali lungo il sentiero dei Giganti del Bosco, gli imponenti abeti bianchi. 


alpe cimbra
Avez del Prinzep
A CONTATTO CON LA STORIA
In questo territorio la Grande Guerra ha lasciato tracce importanti. Sulle sue montagne tra la primavera e l’estate del 1915 si è svolta la cosiddetta Guerra dei Forti e nel maggio del 1916 da queste alture ha preso il via la Strafexpedition, l’offensiva austriaca che ha spinto il fronte austro-italiano fin sulle alture vicentine di Asiago.Tutta la zona è ricca quindi di testimonianze ancora ben visibili, da scoprire con delle facili escursioni trekking, cominciando dalla bellissima Forra del Lupo e finendo con una visita al Forte Belvedere, immersi nei colori accesi dell'autunno.

alpe cimbra autunno
Forte Belvedere

UNA MONTAGNA DI EVENTI
Una stagione occasione per riscoprire antiche tradizioni come quelle cimbre di Casa Haus Von Prukk dove i colori dei boschi di Luserna e l'atmosfera del foliage, il suono evocativo della lingua cimbra si uniscono per dare vita ad una giornata all'insegna di leggende, della storia e della cultura.

alpe cimbra autunno
Casa Haus Von Prukk
alpe cimbra autunno

Da menzionare, inoltre, il Pranzo del Soldato presso la Forra del Lupo, una narrazione in ricordo del soldato Ludwig e dei suoi compagni che trascorsero diversi mesi in questa trincea, con un ottimo pranzo finale.


folgaria
Forra del Lupo

alpe cimbra autunno

AUTUNNO A TAVOLA
In autunno i piatti sull'Alpe Cimbra si tingono di nuovi colori: dall'arancio di zucche e cachi, al rosso dei melograni, al viola dell’uva, alle mille sfumature del marrone dei funghi e delle castagne della vicina Centa San Nicolò, ai colori variopinti delle mele trentine, al bianco dei porri di Nosellari e al latte appena munto.

alpe cimbra autunno

alpe cimbra autunno

Lo speck diventa croccante, la carne salada scottata sulla griglia, lo strudel accompagnato con una calda crema alla vaniglia, il miele si accompagna ai formaggi….è l’esaltazione del Re Vézzena nelle varianti stagionate!
Il tutto accompagnato da un buon bicchiere di vino …rigorosamente …Trentino!
Chi dice che in autunno ci si annoia in montagna non è mai stato qui :)

Per ulteriori informazioni visita il sito ufficiale dell'ente del turismo APT Folgaria, Lavarone e Luserna
NB. Foto credits APT Alpe Cimbra

0 commenti:

Posta un commento