Una facile passeggiata alla Rocca di Manerba

La Rocca di Manerba è una delle attrattive più famose del lago di Garda. Meta della classica gita fuori porta da fare in Lombardia, ha attirato l'uomo dalla preistoria fino al XVI secolo. Le differenti condizioni geomorfologiche e pedologiche , insieme alla diversa esposizione, hanno anche favorito le diffusione di numerose varietà di essenze mediterranee e rarità botaniche che fanno del vasto parco (ca 90 ettari) una meravigliosa oasi naturalistica con vista privilegiata sul lago e sulla Valtenesi. Partendo dal centro visitatori, in via della Rocca, e seguendo la strada che conduce alla cima dell'altura si può raggiungere a piedi la fortificazione medievale da cui il sito trae il nome e della quale sono visibili tre circuiti di mura di difesa, il più interno racchiudente la sommità. Il percorso attraverso muri perimetrali, scalinate e ponticelli in legno è segnalato da bacheche descrittive ed offre dei punti panoramici davvero splendidi con una visuale a trecentosessanta gradi sul Lago di Garda. Bellissima la vista sul basso Garda con Sirmione e Bardolino in primo piano e poi sulle montagne che conducono verso Riva del Garda e Torbole! Purtroppo non ho avuto molta fortuna con il meteo, ma spero le foto possano dare giustizia a tanta bellezza! Calcolate pochi minuti a piedi per arrivare alla rocca dal centro visitatori.

rocca di manerba


rocca di manerba

rocca di manerba

rocca di manerba

Entro la cinta esterna gli scavi hanno identificato una sequenza stratigrafica che va dalla cultura di Lagozza alla seconda metà del XVI secolo, quando, nel 1574. il Provveditore della Repubblica di Venezia Soranzo, ordinò la violenta e definitiva distruzione della fortezza, che era ormai diventata sede inespugnabile di banditi.

rocca di manerba

rocca di manerba

rocca di manerba

rocca di manerba

 
Sul versante sud occidentale dell'altura sono stati individuati i resti di una villa romana a cui dovette riferirsi una necropoli scavata nei pressi alla fine dell'800, mentre nell'area del Sasso, vicino ai resti di un antico laghetto intermorenico prosciugato artificialmente nel XVI secolo, sono state rinvenute tracce di un insediamento del Mesolitico (8000 – 5000 A.C.). Infine, scendendo verso il lago per un ripido sentiero si arriva al “Riparo Valtenesi”, dove la scoperta di rideposizioni collettive dell'Età del Rame ha confermato il forte significato attribuito già da allora a questi luoghi.

rocca di manerba

rocca di manerba

rocca di manerba

rocca di manerba


Per chi volesse fare più passi, la passeggiata che vi consiglio di fare è quella che, dalla Rocca di Manerba, scende lungo il sentiero del fico d'india, arrivando ad un ampio pianoro circondato da boschetti e prati che fa parte del parco archeologico naturalistico della rocca di Manerba dove, in uno spazio relativamente circoscritto, è racchiusa una gran varietà di fauna e flora. Da qui si raggiunge una terrazza naturale alta 90 metri, Punta Sasso, ai piedi della scogliera a strapiombo sul lago e da cui si gode di un bellissimo panorama. Qui consiglio di fare una sosta per le foto e poi, chi vuole, può continuare lungo la costa fino alla spiaggetta dei naturisti. Il tragitto del percorso è di circa 2 ore A/R

4 commenti:

  1. Ecco, il lago di Garda per noi, è una delle mete favorite, per una gita fuori porta. Ci andiamo sempre volentieri. Grazie per le tante informazioni, come sempre molto interessanti

    RispondiElimina
  2. Qua gioco in casa.... bellissima la Rocca!!!!

    RispondiElimina