domenica 9 ottobre 2016

Una visita alle cascate di Stanghe a Racines

Durante una vacanza a Racines non si può perdere l'occasione di visitare le cascate di Stanghe, uno dei tanti gioielli naturali dell'Alto Adige.
Arrivare alle cascate di Stanghe è facilissimo: si può fare un'escursione a piedi dai paesi della Val Racines oppure fare l'andata con l'autobus e il ritorno poi a piedi. Nel mio caso, visto le condizioni meteo avverse per il pomeriggio, preferisco occupare mezza giornata per questa escursione e poi dedicare il resto della giornata al wellness del Berghotel Racines :)
Sceso alla fermata di Stange seguo le indicazioni per le cascate di Stanghe dove, dopo pochi minuti, trovo la biglietteria. Soggiornando in hotel si ha diritto alla activeCARD, una carta che dà molti sconti e agevolazioni, in questo caso l'ingresso gratuito alle cascate....meglio così :)

cascate di stanghe
il primo tratto delle cascate

La gola delle cascate di Stanghe, con le sue acque spumeggianti, i gorghi vorticosi ed i profondi tonfani, sono uno degli spettacoli naturali più suggestivi dell'intero arco alpino. Lungo un ardito sentiero, scavato nel 1893-95, e attraverso una dozzina di passerelle ci si addentra nello stretto orrido scolpito, nel corso di ben 12.000 anni, nel marmo dal Rio Racines.

cascate di stanghe
inizio del tratto con le passerelle
Dopo l'inizio pianeggiante, costeggiando le acque del torrrente, si inizia a salire con una serie di gradini di legno e passerelle, sempre accompagnati dal fragore delle acque e a stretto contatto con la roccia. La gola di Stanghe è l'unica gola rocciosa che passa per un territorio di marmo bianco, marmo che venne utilizzato a suo tempo per i palazzi viennesi come l'Hofburg, il palazzo reale degli Asburgo.

cascate di stanghe
ponte sospeso

cascate di stanghe
il salto della cascata

cascate di stanghe
sempre in salita
Attraverso il sentiero si trovano diverse terrazze panoramiche a strapiombo sulla gola. Fa davvero impressione guardare giù! Il salto principale ha due punti di osservazione: uno a metà e l'altro, con un ponticello, all'inizio della cascata.

cascate di stanghe
acque agitate

cascate di stanghe
l'inizio della gola
Sempre circondati da cascate e acque si sale di quota fino a raggiungere la strada in altezza della località Jaufensteg, punto finale dell'escursione alle cascate di Stanghe, dopo aver superato circa 200 metri di dislivello in un'ora di cammino.
La mia escursione non è comunque finita qui: devo tornare a Racines! Sul lato opposto della strada trovo i cartelli che indicano diversi sentieri, tra cui il Ratschinger Talweg, che mi condurrà in circa un'ora di cammino a Racines.

racines
direzione Racines
Il sentiero è sempre in mezzo al bosco, un po' noioso a dire la verità, ma offre verso la fine scorci bellissimi sul Passo Giovo, entrando in contatto con realtà locali come masi e fattorie... A proposito di fattorie, guardate chi mi ha seguito lungo il sentiero:
racines
trovato compagnia!
Rientro in hotel pochi minuti prima del brutto tempo e ho tutto il pomeriggio per riposarmi nel centro wellness :) Vi avevo già parlato del BergHotel Racines, un ottimo quattro stelle in località Colle in posizione ideale per escursioni, ma anche per tour sugli sci visto che il centro sciistico Racines-Giovo è raggiungibile a piedi in pochissimi minuti.

berghotel racines
piscina coperta del Berghotel

berghotel racines
Berghotel Racines

berghotel racines
perfetto durante i periodi di pioggia
Ma ora sono qui solo per il relax, quindi piscina coperta, vasca idromassaggio, il mondo delle saune con bagno turco e una suggestiva sala relax con vista sulle montagne sono tutte a mia disposizione :) Il modo ideale per finire questa giornata alla scoperta delle cascate di Stanghe sui verdi pascoli dell'Alto Adige.

ALTRE COSE DA FARE IN VALLE ISARCO:
Scopri il mondo del mio Alto Adige
Vedi tutte le mie escursioni in montagna

15 commenti:

  1. Ma... a fine post (magnifico!) mi aspettavo la succulenta polenta e tagliere di salumi invece no... però la tua compagna di camminare è bellissima 😃 Certo si ha veramente l'imbarazzo della scelta in quella regione. Paura quel ponte però 😰

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahah invece questa volta niente tagliere :))

      Elimina
  2. Mi sto innamorando perdutamente dell'Alto Adige, grazie per questa dritta!

    RispondiElimina
  3. Trovo sempre super interessanti i tuoi post! Infatti ho consigliato il tuo blog anche al mio ragazzo, che è un po' più appassionato di montagna di me! ;)

    http://julesonthemoon.blogspot.it/

    RispondiElimina
  4. Meravigliose cascate, bei paesaggi, tutto perfetto!
    Grande avventura!
    bello e achongante albergo!

    Buona settimana, baci

    RispondiElimina
  5. che meraviglia!!! non le conoscevo !

    RispondiElimina
  6. Conosco abbastanza l alto Adige ma non questa cascata grazie delle immagini e buona serata

    RispondiElimina
  7. Questa volta ti sei smentito, neinte polenta e salsicce? Ma che meraviglia queste cascate. Dovrei farci un pensierino, sono arrivata vicino, ma non sono mai passata dall'Alto Adige. Sempre bellissime le tue escursioni. Ciao Andrea, Stefania

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ehhe grazie :)) avevo poi pranzato in hotel :))

      Elimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...