I migliori castelli del Trentino da visitare

Scoprire tutti, o quasi, i castelli del Trentino abbinando una degustazione in una delle tante cantine presenti sul territorio: sia chiaro, non una cantina qualunque, ma una cantina che ricorda le antiche vendemmie dell'epoca medievale, quelle che si ammirano dipinte negli affreschi durante le visite ai castelli.

Ebbene si, questo è stato il tema del mio breve soggiorno a Trento durante il Festival del Turismo Medievale, un festival organizzato all'APT di Trento, Monte Bondone e Valle Dei Laghi, assieme a Medieval Italy, dove  si possono visitare i diversi castelli del Trentino abbinando degustazioni in alcune eccellenze della zona.

trentino castelli


Ma vediamo le cose con ordine.

Se avete in programma una visita ai castelli del Trentino, vi consiglio di seguire il mio itinerario partendo da:



CASTELLO DE BUONCONSIGLIO

In centro a Trento. Il vasto complesso, ex dimora dei principi vescovi e simbolo della città di Trento, è caratterizzato da elementi di epoche diverse, dal tardo Medioevo al Rinascimento, e conserva uno tra i più significativi cicli pittorici di tema profano del tardo Medioevo: il Ciclo dei Mesi, capolavoro gotico-internazionale che si ammira nella Torre Aquila.

castelli in trentino visita


castelli in trentino visita

La visita dura circa due ore per la ricchezza del materiale esposto,tra collezione e donazioni,che vanno dall'età antica, con le raccolte archeologiche, all'età moderna, con le collezioni di scultura lignea e la pinacoteca.
 
castelli in trentino visita




CASTELLO DI AVIO
Il primo castello che si incontra arrivando in Trentino è il Castello di Avio, poco prima di Rovereto. Consiglio di fare una sosta in questo castello il primo oppure l'ultimo giorno del vostro soggiorno dato che ci passerete per forza.
Per scoprire questo maniero dai mille segreti e leggende, leggi il mio post dedicato al Castello di Avio  

castelli trentino
 

CASTEL BESENO

Da Trento ci spostiamo poco più a sud verso Rovereto e troviamo uno dei castelli più spettacolari, Castel Beseno. Segnato nei secoli da alterne vicende, il castello di origine medioevale è il più esteso complesso fortificato del Trentino. La sua posizione strategica garantiva l'inaccessibilità e il controllo sul territorio della Vallagarina e della strada degli altipiani di Folgaria. Il percorso di visita, circa un'ora e mezza, si snoda tra il sistema di cinte murarie, campi, bastioni e porte. Dalla Porta Scura si entra nel primo cortile per accedere al camminamento di ronda e poi alla Piazza Grande dominata dal palazzo Comitale con tracce di decorazioni pittoriche e scultoree. Le sale del pian terreno ospitano un allestimento di copie di armi, attrezzi e armamenti come corazze, elmi, caschi e maglie di ferro, che possono essere indossate dal pubblico, con l'intento di restituire la vita di una guarnigione militare agli albori dell'età moderna.

castelli in trentino visita
 



CASTEL THUN

Importante simbolo degli antichi fasti di una delle antiche e potenti famiglie nobili trentine, quella del Tono(in seguito diventato Thun), che si assediò nella bassa Val di Non, già dal XII secolo. Nel tempo riuscì ad accrescere il proprio potere salendo i gradini dell'aristocrazia trentino -tirolese. Il castello, circondato da un significativo sistema difensivo cinquecentesco fatto di torri, mura, bastioni, cammino di ronda, fossato e diversi giardini, è sempre stato abitato. Nel tempo ha subito continui cambiamenti e trasformazioni, perdendo l'autenticità medioevale e acquisendo le sembianze di una dimora nobiliare di epoca moderna, come testimoniano gli arredi e gli eleganti ambienti dotati di stufe in stile viennese Alla scomparsa dell'ultimo discendente del ramo boemo della famiglia, la provincia di Trento lo acquisì insieme alla biblioteca e all'archivio.

castelli in trentino visita



CASTELLO DI STENICO

Severo e imponente all'esterno, il castello, simbolo del potere dei principi vescovi di Trento, all'interno conserva le decorazioni scultoree e gli affreschi di un'elegante residenza. 


castelli in trentino visita

Per la sua posizione strategica fu trasformato in un presidio per la difesa e il controllo del Banale, e delle strade per il Lomaso, il Bleggio e lungo la Valle dei Laghi, anche se con gli interventi dei vescovi Johannes Hinderbach e Bernardo Cles, tra XV e XVI secolo, il castello perse l'aspetto di semplice fortificazione. Lungo il percorso guidato si notano i cambiamenti: sul primo cortile si affacciano il palazzo di Nicolò, il palazzo Nuovo(XIII secolo) con l'elegante loggia rinascimentale, il mastio che funse da prigione,i medioevali palazzi di Levante e l'edificio Nuovo, ricostruiti nell'800 dagli austriaci, come sede degli uffici dell'impero Austroungarico.



castelli in trentino visita



CASTEL TOBLINO

Scendiamo di quota e raggiungiamo il lago di Toblino. Il primo impatto è molto suggestivo: pare che il castello emerga dalle acque del lago. In realtà è costruito su un isolotto che secondo la tradizione, in epoca antica, ospitava un tempietto, come riporta una lapide murata nel portico del maniero. Oggi il castello è privato e si può entrare solo nella parte che ospita il ristorante. 

castelli in trentino visita

castelli in trentino visita
 

VISITA ALLA CANTINA PISONI
Alla fine di tutte queste visite è arrivato il momento di riposarsi un po' e di scoprire un mondo che per secoli ha vissuto in simbiosi con i castelli: quello della viticoltura.

Anche in Trentino la coltivazione della vite e la produzione di vino sono da sempre attività centrali nella vita economica e sociale: l’affresco di Ottobre del “Ciclo dei Mesi”, sulle pareti di Torre dell’Aquila, è una delle testimonianze più belle e significative di questa tradizione.

castelli in trentino visita


Ecco quindi che sono andato alla scoperta delle varie cantine della zona e mi sono fermato da Pisoni, nei pressi del lago di Toblino. Qui ho avuto modo di scoprire il Mesum, il nuovo vino della cantina: un vino dal sapore antico, che nasce dalle uve maturate in un vigneto che riprende fedelmente gli affreschi presenti al castello del Buonconsiglio.

castelli in trentino visita

Un omaggio alla tradizione di questa terra e al lavoro dei contadini: un vino di lieve dolcezza, rispettoso della natura, fedele a una storia secolare. Come nell'affresco, nel vigneto non sono stati usati cemento, plastica e filo di ferro, ma solo pali di castagno e materiale naturale. Il lavoro è svolto in modo completamente manuale, come nel Medioevo, senza l’utilizzo di macchinari motorizzati.

Se poi capitate nel periodo giusto, in autunno, potrete vedere di persona come si svolgeva la vendemmia medievale!

castelli in trentino visita

castelli in trentino visita

castelli in trentino visita



Ma la visita in cantina è anche occasione per scoprire i vari vini prodotti, tra cui il famoso Vino Santo Trentino DOC, presidio Slow Food, un vino che viene realizzato con uve selezionate di Nosiola, vitigno autoctono della Valle dei Laghi che proprio in questo angolo di Trentino trova il suo habitat ideale.

Le uve di Nosiola, appassite per oltre 6 mesi su appositi graticci, vengono pigiate durante la Settimana Santa e dopo una lenta e lunga fermentazione, il risultato è un vino di grande morbidezza, con giusto equilibrio di tenore zuccherino e alcolico, ricco di profumi e aromi che lo rendono unico: il Vino Santo Trentino DOC. Per la visita alla cantina consiglio di telefonare in anticipo, poi avrete modo di fare un'ottima degustazione immergendovi nei sapori del territorio. Il modo migliore per finire una giornata di visita ai castelli del Trentino, tra arte, storia e cantine. 

castelli in trentino visita

NB. Tutti gli appassionati enoturismo storico potranno provare un'esperienza simile partecipando all'edizione FTM - Festival del Turismo Medievale 2019. Tutte le info nel sito: https://www.discovertrento.it

ALTRE COSE DA FARE NEI DINTORNI:
Vedi anche la mia pagina dedicata al Trentino

0 commenti:

Posta un commento