domenica 14 luglio 2013

Strada delle 52 gallerie del Monte Pasubio

La strada delle 52 gallerie del Pasubio è sempre stata nella mia top list però, per problemi vari, ogni volta veniva rimandata. Quest'estate, invece, l'ho voluta inserire nelle gite da fare assolutamente, ed eccomi in partenza in una bella domenica di giugno per la zona di Schio e delle così chiamate Piccole Dolomiti.  Da Schio si seguono le indicazioni per  Valli di Pasubio e poi, attraverso una stretta strada in salita, si arriva al passo Xomo a m. 1058. Da qui consiglio di proseguire sulla sinistra, sempre in macchina, fino a raggiungere il passo Bocca di Campiglia, a m. 1216, dove c'è un comodo parcheggio a pagamento (€ 5,00 accettate solo monete) e punto iniziale della strada delle gallerie. 
NB arrivare a piedi da passo Xomo significherebbe avere meno tempo da dedicare alla visita della zona sacra: meglio quindi pagare il parcheggio e gustarsi il più possibile questa bellissima escursione!

strada delle 52 gallerie del pasubio

strada delle 52 gallerie del pasubio


travel blogger
in azione!

Oltre a comodi scarponcini da montagna, per evitare scivoloni all'interno delle gallerie, alcune delle quali sempre bagnate e quindi molto sdrucciolevoli, è indispensabile l'uso di una torcia elettrica dato che in molte gallerie è buio pesto e non si potrebbe proseguire senza. I cartelli situati all'inizio del sentiero ci spiegano che la strada delle gallerie venne costruita nel 1917 dalla 33ma compagnia di minatori in circa dieci mesi, per ovviare all'inconveniente venutosi a creare dopo che gli austriaci, occupato Monte Maggio, avevano bloccato con le loro artiglierie il flusso dei rifornimenti che arrivavano alle prime linee del fronte italiano per la vicina strada degli Scarubbi.
Dal piazzale d'ingresso seguiamo il sentiero che in salita conduce in circa 3 ore al rifugio Papa con un dislivello di circa 712 metri. Dopo qualche tornante raggiungiamo la prima galleria, dedicata al capitano Ing. Zappa e saliamo ripidamente attraverso il sentiero con bellissime vedute verso la pianura e le prealpi vicentine. La strada si snoda fra arditi pinnacoli rocciosi e gole selvagge. Più della metà del percorso è scavato nella roccia, ma ci sono anche le gallerie che entrano nella montagna per una lunghezza di quasi 2300 metri o che si avvolgono a spirale all'interno di torri rocciose. Alcune gallerie sono corte mentre altre sono molto lunghe come la numero 19, la più lunga di tutto il tracciato (circa 320 m.) che si innalza con quattro spirali lungo il cuore della montagna. Il loro scopo non era solo quello di salire in quota ma anche quello di  riposo delle truppe, deposito munizioni e punti di controllo e di attacco.

strada delle 52 gallerie del pasubio

strada delle 52 gallerie del pasubio

strada delle 52 gallerie del pasubio

La vegetazione che si incontra lungo il cammino è molto varia a causa dei diversi terreni: mentre nella parte bassa si è immersi in un bel bosco di faggio, man mano che si sale si incontra la tipica vegetazione alpina di rupe.

travel blogger

escursione gallerie del pasubio

escursione gallerie del pasubio

escursione gallerie del pasubio

52 gallerie pasubio

Purtroppo il sole ci abbandona e ci troviamo in un mare di nuvole basse che coprono la parte più alta del Pasubio, aumentando così la maestosità di questa opera militare e portandoci con il pensiero alla fatica di chi l'ha costruita e in che condizioni.

escursione gallerie del pasubio

escursione gallerie del pasubio

Immersi nella nebbia continuiamo a salire fino alle ultime gallerie, che sono a spirale e in discesa, fino a superare il cancelletto che segna la fine della strada con di fronte il rifugio Papa,  di proprietà del CAI di Schio, a m. 1928 sul livello del mare.
Nonostante avessimo già il pranzo a sacco, il menu del ristorate del rifugio è talmente invitante che non possiamo fare a meno che fermarci qui per pranzo. Il menu del giorno dice polenta, salsiccia e funghi! Ovviamente il tutto accompagnato da una buona birra:))) Ottimo!!

escursione rifugio papa sul pasubio

escursione rifugio papa sul pasubio

escursione rifugio papa sul pasubio
escursione molto gettonata :))

Il rifugio Papa non è però il punto di arrivo dell'escursione. Da qui partono altri sentieri tra i quali è da segnalare tutta la parte alta della zona Sacra, teatro dei più violenti scontri tra l'esercito italiano e quello austriaco. Prendiamo il sentiero n. 120 che ci conduce in circa venti minuti all'arco romano situato vicino al cimitero di guerra con vicino la famosa scritta “Di qui non si passa”. Per fortuna ritorna il sole e la visuale su tutta l'area è impressionante: vediamo chiaramente la strada degli Scarubbi che percorreremo più tardi questa sera per ritornare alla macchina.

strada delle 52 gallerie del pasubio

grande guerra sul pasubio


grande guerra sul pasubio


grande guerra sul pasubio
la strada degli scarubbi sullo sfondo

Facciamo tantissime foto e ci fermiamo alla vicina chiesetta di Santa Maria, voluta fortemente dai reduci e dove è sepolto il generale Vittorio Emanuele Rossi: suo desiderio di ritornare lassù una volta morto, insieme ai suoi soldati.
Dalla chiesetta seguiamo il sentiero n. 142 che in salita ci porta alla famosa area dei due denti: due speroni rocciosi che raggiungono i 2200 metri e che fin dall'inizio del conflitto furono fortificati dalle truppe italiane e austriache. In queste due fortezze naturali furono costruiti ricoveri, posti di artiglieria e feritorie oltre a varie gallerie che conducevano con vari passaggi alla Cima Palon.

escursione 52 gallerie del pasubio

escursione 52 gallerie del pasubio

Raggiunto il dente italiano scendiamo attraverso il sentiero ghiaioso n. 105 e poi di nuovo in salita attraverso la selletta dei denti a quota m 2175 fino a raggiungere il dente austriaco situato a m 2203. Qui in cima troviamo tantissime gallerie di ricovero, trincee  e resti di artiglieria testimoni delle tremende battaglie che si sono combattute su queste montagne! La gioia della domenica passata in montagna lascia per un momento spazio al triste pensiero per le migliaia di vittime cadute in onore della patria durante questi tremendi combattimenti.:((

escursione 52 gallerie del pasubio
il dente italiano

escursione 52 gallerie del pasubio
vista del dente austriaco da quello italiano

zona sacra monte pasubio

Ma non siamo venuti fin quassù  per deprimerci! Il sole ci abbandona di nuovo e il freddo inizia ad essere pungente nonostante siamo a fine giugno. Prendiamo un sentiero non segnalato in discesa che porta direttamente alla chiesetta di Santa Maria (senza passare per il dente italiano) e, dopo una breve sosta per le foto, proseguiamo di nuovo per il rifugio Papa.

zona sacra monte pasubio

Per tornare al punto di partenza percorriamo la Strada degli Scarubbi, una carrareccia molto panoramica situata sull'altro lato della montagna e che scende fra pini mughi e lamponi. Ad un certo punto il sentiero inizia a scendere a tornanti molto ampi con la possibilità però di tagliarli attraverso dei ripidissimi sentieri che mettono a dura prova le ginocchia!

strada degli scarubbi monte pasubio

strada degli scarubbi monte pasubio

strada degli scarubbi monte pasubio
zig zag

Dopo due ore e venti di discesa passiamo vicino alla malga Campiglia famosa per i suoi tipici prodotti locali e, sempre in discesa, arriviamo  in dieci minuti al parcheggio a Bocca di Campiglia dove abbiamo lasciato la macchina questa mattina.
malga campiglia pasubio

Finisce qui questa bellissima escursione da tanto tempo attesa e che non ha deluso le mie aspettative: una domenica immersi nella magia della natura delle prealpi vicentine, ma con un pensiero rivolto a tragici eventi del nostro passato, che non possono e non devono essere dimenticati.

SCHEDA TECNICA:
Partenza:  parcheggio Bocca di Campiglia m. 1216
Arrivo: Rifugio Papa m. 1928 e Dente Austriaco m. 2203
Dislivello:  m 712 e 987

escursione gallerie del pasubio

Vedi anche tutte le mie escursioni in montagna
Vedi anche : my veneto

27 commenti:

  1. che meraviglia! complimenti

    RispondiElimina
  2. Che posti affascinanti!! E bellissimo foto articolo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie! si in effetti è stata une bellissima escursione

      Elimina
  3. Belllissimi posti ma io non sono mai stata una camminatrice, nuotatrice si ed ora comunqe non possibile troppo faticoso per me. Belle foto e quel piatto mi ricorda il rifugio sul Valparola uguale....favoloso gnam ma li ci si arriva con la macchina ^__^
    Buona settimana ciaooo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie! eh anche il lato culinario vuole la sua:)) buona settimana anche a te!

      Elimina
  4. fatto lo scorso anno, bellissimo

    RispondiElimina
  5. Meraviglioso, ma è fattibile con una bimba di 5 anni? E totale tempo tra andata e ritorno?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao, ho visto diverse famiglie con bambini durante il percorso, certo però che l'inizio è un po' in salita e dentro le gallerie bisogna fare attenzione. puoi calcolare 3 ore sia in andata che in ritorno, se dopo quando siete al rifugio papa volete vedere la zona sacra bisogna calcolare più tempo.

      Elimina
  6. Non conosco questo posto meraviglioso, ma mi ricorda un luogo similare in Abruzzo, la Vena Rossa, con le gallerie simili a queste!
    Inutile dire che c'è un fresco quasi invernale, anche in pieno agosto!

    P.s. ottimo il cibo, viva la polenta!

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. AHH si per respirare aria fresca è il posto ideale :))

      Elimina
  7. ...che bella escursione, ottime foto e acquolina in bocca per il piatto consumato.

    E' sempre emozionante visitare i luoghi dove combatterono la prima grande guerra. Lo ricordo. Da piccola i miei mi portavano in quelle zone, a Bassano del Grappa e dintorni...(mia mamma è veneziana), ma non ricordo di essere mai stata in questo posto veramente suggestivo.

    Complimenti per il reportage, a presto :))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie! si una bellissima escursione che unisce natura e storia. tutte le nostre montagne sono state testimoni di tremendi battaglie, spero prossimamente di fare altre escursioni in tema :))

      Elimina
  8. Che spettacolo di posto.beato te che hai potuto visitarlo! Grazie delle foto bellissime ed emozionanti!

    RispondiElimina
  9. Mio marito è alpino e dopo aver percorso la strada delle 52 gallerie mi ha detto che dovevamo ritornaci insieme. Non finirò mai di ringraziarlo, un'escursione che porterò sempre nel cuore per la bellezza la pace e le emozioni provate...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. pure io sono stato per la prima volta e ammetto che mi ha colpito molto. penso ci tornerò presto e magari spero di trovare una bella giornata limpida:))

      Elimina
  10. ciao Andrea, visto che sei un esperto della camminata, secondo te è fattibile con bambini di 9-10 anni? mi sembra una strada molto impervia....

    grazie

    Benedetta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao benedetta, durante l'escursione ho visto diverse famiglie con bambini, il sentiero fino al rifugio Papa è comodo e abbastanza largo. Il dislivello invece è un po' impegnativo ma niente di impossibile dato che si percorre in circa tre ore (sola andata). obbligo la pila!

      Elimina
  11. all i can really say is wow! i could only imagine how awesome it would be to see all this up close.

    halfwhiteboy

    RispondiElimina
  12. Ciao bellissima gita. Senti al parcheggio si arriva con il camper? Vorrei andare con la famiglia, ma con il camper!

    RispondiElimina
  13. Ciao bellissima gita. Senti al parcheggio si arriva con il camper? Vorrei andare con la famiglia, ma con il camper!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao, ti conviene chiamare il rifugio achille papa per avere sicurezza del camper. la strada che porta al passo xomo è molto stretta e abbastanza ripida

      Elimina
  14. Apprezzo davvero molto la pregevole e minuziosa descrizione della gita che avete fatto, hai detto che dal parcheggio di bocchetta campiglia ci vogliono circa 3ore per raggiungere il rifugio Papa passano per la strada delle 52 gallerie, ma per fare il ritorno per la strada degli Scarubbi quanto ci si impiega?
    immagino sia piutosto freddo andarci i primi giorni di ottobre, specialmente a quasi 2000mt. di quota pensi sia fattibile per una ragazza di 25anni che non è molto allenata nel camminare?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il ritorno è circa 2 ore e 30. è abbastanza impegnativa per una persona non allenata, però visto la lunghezza del sentiero non ci sono tratti ripidi :( controllate prima le previsioni perchè in questa area delle Prealpi sono frequenti nebbie :((

      Elimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...