venerdì 18 marzo 2016

La strada del canederlo

La strada del canederlo è un itinerario, ideato da me, tra locande tipiche e taverne tradizionali assaggiando, oltre ai canederli, cibi di qualità e birre esclusive. In questi anni di escursioni in Alto Adige e Trentino, ho notato che ogni area si contraddistingue per i propri sapori e ricette, e così ho pensato di riassumerli in un percorso da fare in macchina, in tutta tranquillità e in quanti giorni si vuole. Pronti a scoprire le terre della strada del canederlo?


Punto di partenza: Vipiteno
E' da qui che, comodamente, può partire il nostro itinerario. Ogni anno a settembre si tiene la tradizionale sagra dei canederli: in una tavola lunga circa 400 metri vengono serviti più di 70 specialità di canederli diversi.
Vipiteno, inoltre, è tutta da vedere: da percorrere assolutamente le vie centrali dette Città Nuova e Città Vecchia, tipicamente tirolesi.

strada del canederlo
Vipiteno , nella lista dei borghi più belli d'Italia
Ma se si vogliono assaggiare i veri canederli originali dell'Alto Adige bisogna fare una breve deviazione in Valle di Racines. Qui ad attenderci troviamo il Berghotel Racines con il suo ristorante che offre piatti di grande interesse in un locale dal panorama davvero unico. 

strada del canederlo
l'esterno del Berghotel Racines

strada del canederlo
canederli e molto altro nel ristorante del Berghotel Racines

Circondato da boschi è diventato un punto di riferimento dove è possibile degustare piatti raffinati legati alla tradizione, come i canederli al fegato, di cui prossimamente svelerò la ricetta, ma anche quelli più tradizionali come i canederli allo speck e altri piatti tipici come le zuppe d'orzo, spaetzle e le immancabili torte dell'Alto Adige. Ricchissima inoltre la scelta di vini da abbinare al proprio menu.

strada del canederlo
Berghotel Racines
Il Berghotel è il punto di partenza ideale per bellissime escursioni e passeggiate a Racines e nell'alta Valle Isarco, oltre che ad essere il luogo perfetto dove potersi rilassare nel grande centro benessere e piscina con acqua Grander.

BERGHOTEL RACINES****

Colle 43A

I-39040 Racines


Tel. ++39.0472.659 800
Sito Web: Berghotel Racines


Tappa Bressanone
Da Vipiteno scendiamo lungo la Valle Isarco e raggiungiamo Bressanone. Qui dedichiamo qualche ora percorrendo il centro storico tra la via dei Portici Maggiori, la piazza del Duomo, e visitando soprattutto il chiostro del Duomo con i suoi affreschi.
A Bressanone troviamo l'Oste Scuro, un'antica osteria ricavata all'interno di un palazzo medievale e gestita dalla stessa famiglia da ormai parecchie generazioni. Da provare, oltre ai canederli, la Wienerschnitzel e la Weinsuppe (una minestra a base di vino).


strada del canederlo
dettagli del duomo di Bressanone e una stanza dell'Oste Scuro
RISTORANTE OSTE SCURO

Bressanone 

La nostra strada del canederlo prosegue per Chiusa e poi Villandro, dove abbiamo modo di scoprire tutta la magia dei piccoli paesi di montagna. Siamo nella terra del toerggelen, la festa dell'autunno dove si possono assaggiare le castagne e le specialità fatte in casa.
A 760 metri sul livello del mare troviamo il maso Winklerhof, un incantevole maso in cui ci si può concedere una sosta gustosa e godere di una splendida vista sulla valle Isarco e sulle Dolomiti, oltre a degustare tris di canederli, formaggi e salsicce affumicate con un bicchiere di vino novello.

strada del canederlo
vista sulle Odle dalla Valle Isarco

strada del canederlo
tris di canederli nel maso Winklerhof
AGRITURISMO MASO WINKLERHOF

39040 Villanders / Villandro

Da Villando ci spostiamo nel versante opposto della Valle Isarco e raggiungiamo l'abitato di Lajon, una meta classica del Toerggelen, ma che merita di essere scoperta anche in altre stagioni. Immerso nei boschi la nostra strada fa sosta nel tipico buschenschank (osteria contadina) Buchnerhof, un ambiente tipico tirolese con una stube del XVII° secolo. La specialità della casa sono i canederli allo speck, ma si possono assaggiare anche in altre versioni. Immancabili inoltre i piatti misti di carne e insaccati (schachhtplatten) e le frittelle di patate con crauti.

strada del canederlo
tipicità tirolese presso il buschenschank Buchnerhof
BUSCHENSCHANK BUCHNERHOF

39040 Lajen / Lajon

Tappa Bolzano
La strada del canederlo non poteva non passare per il capoluogo dell'Alto Adige: Bolzano. L'attrattiva di questa città, più che nei monumenti quali il Duomo, la chiesa dei Domenicani, quella dei Francescani, sta nel particolare carattere della città, ove si mescolano elementi nordici e italiani. Un mix che si può scoprire durante il festival del gusto che si tiene a fine maggio in piazza Walter e dove vengono presentati 15 prodotti di qualità dell'Alto Adige, tutti contrassegnati da un marchio di qualità.
Prodotti che possono essere serviti in un contesto e in un'atmosfera d'altri tempi nel centro storico in Piazza Erbe, sotto la torre secentesca della Goldene Glocke, all'Hopfen & Co. La rinascita birraria dell'Alto Adige è cominciata da qui, in questa cantina ristrutturata con una trafila di tubature di rame che garantiscono luminosità e respiro.

hopfen bolzano
nel cuore di Bolzano, la birreria Hopfen
BIRRERIA HOPFEN & CO.

Bolzano

Incontro con la strada del vino
Raggiungiamo uno dei punti più a Sud dell'Alto Adige: Appiano e Caldaro sulla strada del vino. Qui il vino viene prodotto da centinaia di anni, tanto da meritarsi un Museo Enologico dove viene narrata la storia della viticoltura dell'Alto Adige. Ma Caldaro non è solo vino, è anche relax lungo le sponde del suo lago, e tradizione e cultura con i suoi monumenti e feste popolari. Immancabile la Festa del Paese che si tiene a fine luglio e dove si possono degustare le specialità tipiche della zona con musica dal vivo. Una festa che si svolge lungo tutte  le strade della cittadina.


lago di caldaro
il lago di Caldaro


strada del canederlo


Verso le Alpi
Dal clima quasi mediterraneo di Caldaro, la nostra strada del canederlo inizia a salire di quota. Raggiungiamo, con tornanti disegnati alla perfezione, la val di Fiemme con Cavalese e Predazzo, e ammiriamo l'oasi silenziosa del Parco Naturale Paneveggio-Pale di San Martino. Da qui in poco tempo arriviamo al Passo Rolle con la spettacolare fisionomia del Cimon della Pala che cambia dopo ogni curva.
Ne abbiamo fatto di strada da Vipiteno! 

baita segantini
la Baita Segantini raggiungibile a piedi dal Passo Rolle

Ultima tappa: San Martino di Castrozza
Nella località che ha fatto la storia dell'alpinismo sulle Dolomiti possiamo ammirare l'incredibile scenario delle Pale di San Martino. Una delle tante cose che si possono fare qui è pranzare in malghe e rifugi immersi in paesaggi da favola: al maso Santa Romina a Canal San Bovo, di fronte alle Pale, si può assaggiare il Tonco de Pontesel (una specie di ragù di carni miste) servito insieme a una polenta morbida.


strada del canederlo
il maso Santa Romina nei pressi di Canal San Bovo

canederli in brodo
canederli in brodo
MASO SANTA ROMINA
Canal San Bovo

A differenza dell'Alto Adige, qui in Trentino i canederli vengono serviti in brodo, e se ne possono assaggiare infinite varietà. Volete assaggiarli tutti in una sola volta? Allora l'unica soluzione è partecipare alla Festa del Canederlo che si tiene a Imer i primi giorni di settembre. 15 tipi di canederli tutti diversi: salati o dolci, con carne o formaggio, vegani o senza glutine. Il tutto accompagnato da musica dal vivo e con tanto di elezione di Miss Canederlo.
Il modo migliore per finire in allegria questo tour tra valli e sapori attraverso le nostre montagne patrimonio dell'umanità UNESCO.

Ma non è finita qui. La strada del canederlo è l'inizio di un approfondimento del mio blog sulle  tematiche  enogastronomiche, culturali e paesaggistiche di questo angolo delle Alpi. Seguiranno altri post con ulteriori novità! 
Stay Tuned!!

50 commenti:

  1. Ma che belle foto, complimenti. Questi posti sono favolosi che vale la pena di visitare e poi, i canederli, sono buonissimi !

    RispondiElimina
  2. un itinerario davvero interessante Andre, e quanto buon cibo genuino!
    Buon fine settimana
    un abbraccio
    <<< tr3ndygirl fashion blog >>>

    RispondiElimina
  3. Io poi i canederli li amo alla follia. Bellissimo questo itinerario.
    Un bacione
    Maggie Dallospedale Fashion diary - Fashion blog

    RispondiElimina
  4. Ma allora lo fai apposta Andrea mio a parlarmi sempre di questi posti magici e tutto il loro contorno...
    Si decisamente devo trovare qualche giorno e devo tornare , non posso stare lontana da queste meraviglie...e sono tante!!!!!
    Bacionissimo e buon pranzo..che appetito!|

    RispondiElimina
  5. che meraviglioso post caro Andrea!!! un abbraccio

    RispondiElimina
  6. Beh decisamente molto originale questo tour a sfondo gastronomico..un bacio

    www.angelswearheels.com

    RispondiElimina
  7. Amazing place!
    Have a nice week-end!
    Gil Zetbase
    http://gilzetbase.com/

    RispondiElimina
  8. Andrea, grazie di questo utilissimo post... salvo subito!!!!!

    RispondiElimina
  9. ma che bella idea. un itinerario interessante e tutto da scoprire sotto vari punti di vista ;)
    buona domenica delle Palme a presto

    RispondiElimina
  10. Bellissima idea, adoro mangiare i canederli!
    Alessia
    THECHILICOOL

    RispondiElimina
  11. Ciao Andrea!
    Mi piacerebbe assaggiare quei biscotti!
    Immagini bello, tutto perfetto!

    Buona notte, grande finale di Domenica!
    Abbracci

    RispondiElimina
  12. Che post stuzzicante, Andrea. A Bolzano sono stata in quel ristorante, ma i canederli li avevo mangiati la sera prima e quindi ho ripiegato sul goulash! Niente male... Grazie per tutte le altre informazioni, come sempre bellissime foto, un abbraccio

    RispondiElimina
  13. ma che bell'itinerario!! davvero originale! grazie per i suggerimenti. ciao paolo

    RispondiElimina
  14. Un posto molto carino :)

    Ottima anche la scelta gastronomica :D

    Happy Monday :)

    The Lunch Girls

    RispondiElimina
  15. Andrea quante cose buone da mangiare e che bei posti.
    Grazie per queste bellissime foto che condividi con noi.

    A presto.

    Angelica

    RispondiElimina
  16. che posti magnifici!! grazie per averlo condiviso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. posti davvero belli :) un itinerario che continuerò ad approfondire

      Elimina
  17. mamma che piatti fantastici! conosco bene i posti e bellissima questa idea della strada del canederlo. Ciao Tiziana

    RispondiElimina
  18. Che bella... e buona idea :)!!!

    RispondiElimina
  19. Scatti stupendi di posti incantevoli!
    Un abbraccio e buona giornata da Beatris

    RispondiElimina
  20. Se faccio vedere questo post a Nicola partiamo subito, muhaha canederli *_* !

    RispondiElimina
  21. WOnderful photos!

    http://beautyfollower.blogspot.gr/

    RispondiElimina
  22. Ciao Andrea...sono rientrata...come sai, dal mare e...QUEL CANEDERLO Lì GIGANTE MI HA APERTO UN VORTICE NELLO STOMACO....CHE NON TI DICO!!!!! Aiutoooooooo! Ahah!
    Bellissimo post!
    Un bacione
    unospicchiodimelone!

    RispondiElimina
  23. Meraviglia di posti!!! Anche io sono una fan dei canederli! A Vipiteno ho provato anche la versione dolce...buonissimi !

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...