8 itinerari da fare con le ciaspole sulle Dolomiti

Le Dolomiti sono un vero paradiso per gli amanti delle ciaspole. Quest'inverno, caratterizzato dall'emergenza Covid, le discipline a diretto contatto con la natura più selvaggia hanno preso sempre più piede. 

 

Con il post di oggi vi svelerò i miei 8 itinerari preferiti da fare con le ciaspole sulle Dolomiti. In compagnia delle mie fedelissime Tubbs vi accompagnerò tra le Dolomiti di Brenta di Madonna di Campiglio, passando per la Val di Funes e finendo sulle Dolomiti Bellunesi di Alleghe.

 

Prima però volevo ricordare che è pericoloso pensare che con le ciaspole si possa andare ovunque. La montagna in inverno non scherza ed è facile mettersi nei guai se non si conoscono bene i luoghi. Sono numerosi però i percorsi segnalati per godersi le Dolomiti in sicurezza. Con l'avvertenza di controllare sempre il meteo e informarsi presso guide alpine e uffici del turismo locali circa eventuali problemi. 

Da quest'anno inoltre c'è anche l'obbligo dell'ARTVA, informatevi bene presso l'ufficio del turismo, guide alpine o CAI - SAT.

 

Pronti allora a scoprire gli itinerari più belli sulle Dolomiti da fare con le ciaspole? Partiamo!!


itinerari ciaspole dolomiti

1.CORTINA D'AMPEZZO

Malga Federa - Croda da Lago

Iniziamo da Cortina d'Ampezzo, una delle località sciistiche più famose in Italia.

Nonostante la sua fama mondana, trovare posti silenziosi e immersi nella natura è abbastanza facile.

Il punto di partenza di questa ciaspolata è il parcheggio del lago di Pianozes, uno dei tanti laghi di Cortina.


Da qui si seguono le indicazioni per malga Federa prendendo una stradina che sale nel bosco con pista battuta dalle motoslitte.

Calcolate due ore per arrivare alla malga (aperta in inverno).


In alternativa al percorso principale si può effettuare l'itinerario Gores de Federa, un po' più difficile, che risale il corso del torrente attraverso dei piccoli salti d'acqua e gole tra le rocce.

In tutti e due i casi si arriverà a Malga Federa dove il panorama su Cristallo e Sorapis è davvero pazzesco.

Dalla malga si segue ora la stradina battuta che sale nel bosco e raggiunge il rifugio Croda da Lago posizionato in un ambiente stupendo, con il lago ghiacciato e cime dolomitiche a fare da sfondo.


Tempo: 2h25 per la salita

Dislivello: 900 metri

Vedi: Malga Federa e Croda Da Lago con le ciaspole

Vedi: 5 escursioni con le ciaspole a Cortina d'Ampezzo

 


2. MADONNA DI CAMPIGLIO

Cascate di Vallesinella e Malga Brenta Bassa

 

In questa escursione osserveremo le montagne dal basso, dal magico punto di osservazione di malga Brenta Bassa.

 

Si parte dal centro di Madonna di Campiglio e si raggiungono le cascate di Vallesinella di Mezzo. Da qui, sempre immersi nel bosco, si scende sempre di più nel fondovalle fino a raggiungere la deviazione sulla sinistra che conduce a Malga Brenta Bassa

 

In pochi minuti di cammino si arriva alla malga, punto di osservazione eccezionale sulle Dolomiti di Brenta, in particolare sul Crozzon di Brenta, meta di escursionismo estivo nei pressi del rifugio Brentei. Rientro lungo lo stesso sentiero.

 

Tempo: 4 ore

Dislivello: 450 metri 

Leggi il post sul mio blog: ciaspole Vallesinella Malga Brenta Bassa

Vedi anche: Dove dormire a Madonna di Campiglio

 

itinerari ciaspole dolomiti

itinerari ciaspole dolomiti

 

3. VAL DI FUNES

Sentiero Adolf Munkel

 

Il tour del sentiero Adolf Munkel si sviluppa al cospetto delle Odle e si completa in circa 5 ore. Si parte dal maso Ranuihof, sopra Santa Maddalena in Val di Funes, seguendo il sentiero 28 in direzione della Malga Brogles. 

 

Oltrepassato un ponte, si risale un bosco piuttosto ripido per incrociare il sentiero Adolf Munkel. Lo si percorre girando a sinistra fno alla malga Gschnagenhardt -Alm e malga Geisler Alm, mete in estate del giro delle malghe in Val di Funes. Il panorama sulle Dolomiti delle Odle in questo punto è straordinario.

 

Qui si può noleggiare uno slittino per tornare a valle. Oppure si prosegue verso la Malga Zanser Alm fino a un incrocio che riporta al sentiero 28 e al maso Ranuihof.

 

Tempo: 5 ore

Bella anche l'escursione con le ciaspole e rientro in slittino da MalgaZannes a Malga Gampenalm

 

itinerari ciaspole dolomiti


4. SAN MARTINO DI CASTROZZA

Baita Segantini – Val Venegia

 

Questo itinerario con le ciaspole ci porta alla scoperta degli scenari incantati delle Pale di San Martino. Si parte da Passo Rolle, a cavallo tra San Martino di Castrozza e Val di Fiemme, si raggiunge poi la bellissima Baita di Segantini. Si inizia poi a scendere in Val Venegia in un susseguirsi di vette dolomitiche. 

 

Credetemi che il panorama è davvero mozzafiato. Raggiunta la parte più bassa si prosegue in maniera pianeggiante fino alla malga Venegiota.

Il ritorno lo si effettua lungo lo stesso sentiero, quindi in salita :(

 

Tempo: 5 ore

Dislivello: 400 metri di dislivello

Leggi il post sul mio blog: ciaspole Baita Segantini Val Venegia

 

itinerari ciaspole dolomiti

itinerari ciaspole dolomiti

 

5. SAN VIGILIO DI MAREBBE

Pederu – rifugio Lavarella


San Vigilio di Marebbe in inverno permette di immergersi nel regno delle Dolomiti di Fanes e Sennes, un ambiente ancora integro e incontaminato, famoso per le sue leggende.

Dal rifugio Pederu si seguono i cartelli per la malga Fanes e rifugio Lavarella. I due rifugi offrono anche un servizio di trasporto con il gatto delle nevi e sono la sosta ideale per degustare le specialità locali come i famosi Kaiserschmarren :)) 

 

Il ritorno lo potete fare anche in slittino ( da contattare i rifugi per maggiori info o l'ente del turismo).

 

Tempo: 4 ore

Dislivello: 500 metri

Leggi il post: ciaspole San Vigilio di Marebbe rifugio Lavarella

 

itinerari ciaspole dolomiti

itinerari ciaspole dolomiti

 

6. MONTE PIANA

Siamo sulla terra delle più grandi meraviglie dolomitiche, le Tre Cime di Lavaredo. Questa escursione parte nei pressi del lago di Antorno e risale una strada militare fino a raggiungere il rifugio Monte Piana

 

Da qui, sempre lungo lo stesso sentiero, si raggiunge la parte più alta di questa montagna, famosa per la sua forma di “panettone” con splendidi panorami sulla Val Pusteria e Croda Rossa dove si trova il lago di Braies. In estate in questa posizione si trova il museo all'aperto della Grande Guerra, purtroppo in inverno è coperto dalla neve.

 

Tempo: 5 ore

Dislivello: 570 metri

Leggi il post: ciaspole Monte Piana e Cadore Regno delle Ciaspe


itinerari ciaspole dolomiti

itinerari ciaspole dolomiti


7. SELVA DI CADORE

Monte Fertazza


La cima del Monte Fertazza e il ristoro Belvedere sono un classico delle ciaspolate sulle Dolomiti Bellunesi.  

 

Si parte dal parcheggio degli impianti di risalita di Pescul e si sale lungo una stradina nel bosco fino a spuntare all'altezza del ristoro Fertazza. 

 

 itinerari ciaspole dolomiti

 

A questo punto dovrebbe esserci una pista battuta sulla destra che sale nel bosco e che arriva al ristoro Belvedere. Io sono salito per le piste da sci perchè causa covid era tutto chiuso. Per sicurezza prima di partire chiamate il ristoro Belvedere e chiedete info su questo tratto.  

Stupende le viste su Pelmo e Civetta! 

 

Ah, non dimenticate di prendere uno strudel di mele e bombardino :) Un vero must!!

 

Tempo: 5 ore 

Dislivello: 700 metri

leggi il post: Monte Fertazza e ristoro Belvedere

 


itinerari ciaspole dolomiti

8 - MONTE RITE

Ci spostiamo di zona e raggiungiamo il Passo Cibiana in Val di Zoldo.  In questa escursione non ci sono deviazioni o sentieri da dover cambiare: si parte dal passo, a 1500 metri di quota, e si prende la mulattiera (lunga 8 km) che a tornanti raggiunge, in due ore circa, la cima dove c'è il rifugio Dolomites (2150 metri). 

 

Splendida la vista che si vede dalla cima del Monte Rite, situata poco più avanti, sulla Val Boite e in lontananza su Cortina d'Ampezzo e monte Pelmo.

Fate attenzione: durate il percorso bisogna attraversare una breve galleria che d'inverno diventa quasi una pista di ghiaccio. Ramponicini o ciaspole sono obbligatori!

Tempo: 4/5 ore

Dislivello: 650 metri

 

dolomiti neve

 

INFO UTILI

Ciaspole: quali usare

Per le vostre camminate invernali vi consiglio di utilizzare, a seconda dell’innevamento, ramponcini da mettere sotto la scarpa ( se c'è poca neve o solo ghiaccio) oppure le ciaspole. Questi attrezzi che discendono dall'intreccio di legno e corde che i cacciatori legavano sotto gli scarponi per non affondare sulla neve, oggi sono ipertecnologici: con ramponi in metallo e attacchi sicuri, consentono infatti anche salite molto sportive.

 

Tra tutte quelle che ho provato, la marca Tubbs è la più comoda, sicura e solida. Inoltre, sono facili da sistemare senza perdere tempo a sistemare lacci e agganci come in altri tipi di ciaspole. Inoltre, si liberano velocemente della neve e rimangono sempre pulite. 

 

Potete trovare tutti i modelli disponibili le loro sito TUBBS SNOWSHOES


ciaspole

 

ciaspole dolomiti

 

VEDI ANCHE:

Le più belle escursioni con le ciaspole in Trentino

6 escursioni con le ciaspole in Veneto

9 Escursioni ciaspole in Alto Adige

La sezione del blog OLTRE LO SCI

0 commenti:

Posta un commento